Napster: arriva il documentario firmato da Shawn Fanning e Parker

Un documentario che ripercorre la storia di Napster: nascita, splendore e declino. Ecco il video.

Prima di annunciarvi la notizia, se non sapete cosa sia Napster, perché troppo giovani o non giovani abbastanza, perché amanti della rete, ma non nerd al punto giusto, ecco un breve riassunto su tutto quello che c’è da sapere su Napster, la creatura dalla vita breve nata dall’ingegno di Shawn Fanning e Parker.

Napster fu il primo sistema di peer-to-peer di massa e divenne disponibile nell’estate del 1999. Tuttavia non era un peer-to-peer puro in quanto utilizzava un sistema di server centrali che mantenevano la lista dei sistemi connessi e dei file condivisi, mentre le transazioni vere e proprie avvenivano direttamente tra i vari utenti. Infatti questo è un sistema molto simile al funzionamento dell’instant messaging. Tuttavia già esistevano dei mezzi relativamente popolari che facilitavano la condivisione dei file, per esempio IRC, Hotline e Usenet. I sostenitori di Napster furono sconcertati quando fu messo sotto processo. Per loro, sembrava che il file sharing fosse la caratteristica principe di Internet e consideravano Napster essenzialmente un motore di ricerca. Molti notarono che qualsiasi tentativo di chiudere Napster avrebbe spinto gli utenti ad utilizzare altri mezzi per lo scambio di file su internet (cosa che puntualmente è avvenuta mediante software peer-to-peer come Kazaa, Winmx e eMule Torrent). Analogamente i media descrivevano il servizio, come se fosse un sito web invece che un programma, e questo faceva credere che Napster fosse esso stesso un distributore di file musicali protetti da copyright, piuttosto che un programma che facilitava la condivisione degli stessi. Nel luglio 2001, un giudice ordinò ai server Napster di chiudere l’attività a causa della ripetuta violazione di copyright. Il 24 settembre 2001 la sentenza fu parzialmente eseguita. L’accordo prevedeva che Napster pagasse come indennizzo 26 milioni di dollari come risarcimento per i danni del passato, per utilizzo non autorizzato di brani musicali e 10 milioni di dollari per royalties future. Per poter pagare queste parcelle, Napster tentò di convertire il servizio da gratuito a pagamento. Un prototipo fu testato nella primavera del 2002, ma non fu mai reso pubblicamente disponibile. Il 17 maggio 2002, Napster venne acquistato da Bertelsmann AG per 8 milioni di dollari. Secondo i termini dell’accordo il 3 giugno 2002 Napster chiese l’applicazione del Capitolo 11 al fine di mettersi sotto protezione delle leggi degli USA. Il 2 settembre 2002, un giudice fallimentare bloccò la vendita a Bertelsmann imponendo a Napster di liquidare i suoi asset secondo le disposizioni contenute nel capitolo 7 che regolavano i casi di bancarotta negli U.S.A. La maggior parte dei dipendenti di Napster venne licenziata e il sito web chiuse affiggendo la scritta: “Napster era qui”. Dopo la chiusura di Napster vennero rilasciati diversi programmi peer-to-peer di condivisione file, tra i quali possiamo annoverare Morpheus e Kazaa. Ormai questi programmi hanno superato come utenze quelle di Napster come sorgente primaria di condivisione file MP3. Il server centrale utilizzato da Napster divenne un obiettivo perseguibile legalmente (tuttavia un programma Napigator permetteva al software di Napster di collegarsi con dei server non ufficiali), in quanto su di esso operava un’attività illegale, rendendo Napster colpevole di negligenza per non aver effettuato i relativi controlli per evitarla. Altri sistemi ibridi come KaZaA e Audiogalaxy sono stati colpiti dall’industria discografica, invece sistemi peer-to-peer puri come Morpheus e LimeWire basati sul protocollo Gnutella hanno dimostrato la difficoltà da parte delle major di chiuderli, a causa della loro distribuzione su server decentralizzati.

La storia di Napster rivive in un documentario rivive grazie ai suoi creatori  Shawn Fanning e Parker, insieme a un attore Alex, hanno realizzato un documentario. Downloaded – questo il titolo – sarà presentato al prossimo South by Southwest (SXSW),  un festival musicale e cinematografico, composto anche di un insieme di conferenze e mostre interattive, che ha luogo ogni primavera ad Austin, la capitale del Texas, dal 1987.

Downloaded – SXSW 2013 Accepted Film from SXSW on Vimeo.

 

(b.p.)

© Riproduzione riservata

Entertainment

Io ti troverò, il dramma dei bambini rubati e delle adozioni illegali su Canale 5 – Anticipazioni

Un argomento molto duro alla base di questa nuova miniserie tv spagnola dal titolo “Io ti troverò”, che da noi verrà trasmessa in un’unica puntata

Entertainment

La dieta del gelato, in forma per l’estate

Pietro Migliaccio, presidente della Società Italiana di Alimentazione, ha ideato la dieta del gelato che vi consentirà di perdere peso senza rinunciare alla vostra golosità

Entertainment

Uomini e Donne VIDEO MEDIASET: streaming puntata oggi 28 aprile

Ecco come rivedere in streaming la puntata di Uomini e Donne di oggi 28 aprile

Entertainment

Megan Montaner, da Il Segreto ad una fiction italiana con Raoul Bova – Anticipazioni

La star della soap spagnola Il Segreto tornerà presto sui nostri schermi con una fiction tutta italiana, al fianco di Raoul Bova: si chiama Task Force – 45 fuoco amico

Lifestyle

Kate Middleton avvistata allo zoo con George, e il Royal Baby bis?

Il fratellino o la sorellina di George Alexander Louis tarda ad arrivare, ma la principessa è tranquilla

Entertainment

Il Segreto: Jacinta convince Fernando a uccidere Tristan

Jacinta ha in mente un piano per mettere fuorigioco per sempre Tristan

Tag

-->