Rem Koolhaas, curatore della 14. Mostra Internazionale di Architettura della Biennale

Leone d’oro alla carriera alla Biennale Architettura 2010 e Premio Pritzker nel 2000, l’olandese Rem Koolhaas è il nuovo direttore della Biennale Architettura

Il Cda della Biennale di Venezia, presieduto da Paolo Baratta, si è riunito oggi nella sede di Ca’ Giustinian, e dopo aver ringraziato ed aver espresso la sua gratitudine a David Chipperfield per gli ottimi risultati conseguiti con la 13. Mostra Internazionale di Architettura, ha nominato Rem Koolhaas Direttore del Settore Architettura, con lo specifico incarico di curare la 14. Mostra Internazionale di Architettura che si terrà nel 2014.

Al termine del CdA, il Presidente Paolo Baratta ha dichiarato:

“Le Mostre di Architettura della Biennale sono via via cresciute d’importanza e il mondo ce lo riconosce, ed è di per sé significativo che a questa prossima Biennale si possa impegnare Rem Koolhaas, una delle maggiori personalità tra gli architetti del nostro tempo, che ha impostato tutta la sua attività su un’intensa ricerca e che, celebrità riconosciuta, accetta ora di mettersi in gioco per un ulteriore esercizio di ricerca e, perché no, di ripensamento”.

 

Da parte sua Rem Koolhaas ha affermato:

“Vogliamo dare uno sguardo nuovo agli elementi fondamentali dell’architettura – utilizzati da qualsiasi architetto, ovunque e in qualsiasi momento – per vedere se siamo in grado di scoprire qualcosa di nuovo sull’architettura”.

 

Leone d’oro alla carriera alla Biennale Architettura 2010 e Premio Pritzker nel 2000, Rem Koolhaas fonda OMA (Office for Metropolitan Architecture) nel 1975 con Elia e Zoe Zenghelis e Madelon Vriesendorp. Oltre alla progettazione di edifici in tutto il mondo con OMA, Koolhaas lavora a discipline non architettoniche – politica, editoria, media, moda e sociologia – attraverso il suo think tank ed unità di ricerca, AMO.

Dopo aver studiato all’Architectural Association di Londra, alla Cornell e all’Institute for Architecture and Urban Studies negli Stati Uniti, Koolhaas scrive Delirious New York (1978). Nel 1995 esce S,M,L,XL,un volume di 1.200 pagine che riassume il lavoro di OMA e ridisegna le pubblicazioni di architettura. Recentemente Koolhaas ha completato con OMA edifici come la nuova sede per la China Central Television (CCTV) a Pechino; la nuova sede per la Rothschild Bank di Londra; il Teatro Wyly a Dallas; Milstein Hall, ampliamento del Cornell college of Architecture. Gli edifici firmati OMA attualmente in costruzione includono il Taipei Performing Arts Centre; la nuova sede del marchio di moda G-star ad Amsterdam; la Borsa di Shenzhen; De Rotterdam, un edificio multiuso sul fiume Maas. (r.d)

 

 

 

© Riproduzione riservata

Entertainment

Amici 14 – 10 grandi novità dell’edizione 2014/2015 tra new entry a arrivederci

Tutto quello che devi sapere prima della messa in onda di Amici 14, la nuova edizione del talent di Maria De Filippi, i nomi dei nuovi insegnanti di canto, curiosità e altre sorprese

Entertainment

Anticipazioni Il segreto trama puntata di oggi 25 ottobre

Il segreto anticipazioni e novità della prossima puntata in onda questo pomeriggio su Canale 5: cosa accadrà al povero Raimundo?

Entertainment

Amanda Righetti in “Colony”

Dopo il successo con “The Mentalist” ecco dove rivedremo la bella attrice

Entertainment

Gaffe a La Vita In Diretta: immagini Mediaset spacciate come esclusiva interna. Gianluigi Nuzzi polemico su Facebook

Pronta la risposta di Marco Liorni, che liquida il tutto come una disattenzione dovuta alla fretta

Entertainment

Emma Marrone mette da parte la vita privata per dedicarsi alla professione di cantante. Belen e Stefano capitolo chiuso

Ringrazia la famiglia per il sostegno ricevuto, e si sente grata verso la vita per quanto ottenuto in ambito professionale

Entertainment

Simone Rugiati sulle polemiche alla giuria di Cuochi e Fiamme: “È questione di abitudine, il nostro è un programma che fidelizza”

Pentito di aver partecipato all’Isola Dei Famosi, non rinnega La Prova Del Cuoco ma non spiega come mai non lo abbiano più chiamato

Tag