Londra, le mostre più belle del 2013

40mila anni d’arte, è quello che promette Londra nel 2013. La capitale britannica ancora una volta si conferma capitale delle mostre blockbuster

L’anno si apre con Edouard Manet alla Royal Academy (26 gennaio-14 aprile), “Manet: Ritrarre la vita“, è il titolo della mostra che esplora i ritratti realizzati dall’artista. Ed è un bellissimo modo per cominciare… (www.royalacademy.org.uk )

event-barocci-study-saint-john-evangelist-wide-banner

Il cartellone della National Gallery si apre con una esposizione dedicata ai uno dei maestri più amabili del Rinascimento: Federico Barocci. In mostra 16 pale d’altare provenienti dalle Marche tra cui la sublime L’ultima cena della cattedrale di Urbino (27 febbraio – 19 Maggio).

event-vermeer-temp-exh-wide-banner

Occorrerà invece aspettare giugno per ammirare “Vermeer e la musica”, una mostra che s’accentra su due capolavori del genio olandese e che analizza il rapporto della pittura del secolo d’oro olandese con la musica e gli strumenti musicali (26 giugno – 8 settembre ).

A febbraio, s’apre inoltre un’interessante esposizione sul lavoro del paesaggista americano del XIX secolo Frederic Chiesa, già definito la risposta americana a Turner (6 febbraio – 28 aprile).

A chiudere l’anno una mostra dai risvolti interessantissimi: “Vienna 1867-1918”, che approfondisce l’opera di quegli artisti che aprirono le porte all’arte di Klimt, Schiele, Kokoschka, Gerstl, arte già densa di quelle visioni inconsce che Freud in quel periodo provava a interpretare (9 ottobre – 12 gennaio) (www.nationalgallery.org.uk).

  1.  Bison-side_304x176

Il British Museum prova a stupire, s’aprirà a febbraio la mostra dedicata all’arte dell’età della glaciazione. In esposizione opere create tra i 40.000 e 10.000 anni fa “da artisti con menti moderne come la nostra, questa è una opportunità unica di vedere le sculture, i disegni e i ritratti più antichi del mondo conosciuto” (7 febbraio – 26 maggio).

Vita e morte a Pompei ed Ercolano”, si presenta decisamente come un blockbuster  dove tutto l’immaginario legato alle città vesuviane è presente (qui per approfondire) (28 marzo – 29 settembre) (www.britishmuseum.org).

E ora uno sguardo – brevissimo – alle gallerie Tate, con un programma ancora una volta sensazionale.

Alla Tate Modern si comincia con una retrospettiva corposissima su Roy Lichtenstein, già accolta con entusiasmo a Washington (21 febbraio-27 maggio) (qui per approfondire) e si finisce con l’opera di Paul Klee (16 ottobre – 9 marzo 2014).

schwitters_bannerk_0

La Tate Britain – che durante l’anno si presenterà in veste rinnovata e ampliata –  replica, tra l’altro, con “Schwitters in Britain”, dedicata alle ultime opere del surrealista tedesco Kurt Schwitters, uno dei maggiori artisti del modernismo. La mostra, che include oltre 150 tra collage, assemblage e sculture, prende in esame l’opera posteriore al 1940, quando Schwitters trovò rifugio in Inghilterra – dove morirà nel 1948 – dopo che il suo lavoro fu bollato come “arte degenerata” dal regime nazista (13 gennaio – 12 maggio).  (www.tate.org)

 

Per gli appassionati di fotografia l’appuntamento più interessante è certo quello della National Portrait Gallery, con una mostra di oltre 150 immagini dedicata ai ritratti di Man Ray: da Picasso a Kiki de Montparnasse, da Lee Miller a Catherine Deneuve (7 febbraio – 27 maggio) (www.npg.org.uk)

La Courtauld Gallery invece rende omaggio a Picasso e alla sua prima visita a Parigi nel 1901, all’età di 19 anni, qui l’artista ottiene il suo primo successo con una mostra organizzata dall’influente mercante d’arte Ambroise Vollard. Rifiutandosi di riposare sugli allori Picasso nella seconda metà dell’anno traccerà nuove strade che annunciano l’inizio del suo famosissimo “periodo blu” (14 febbraio-26 maggio) (www.courtauld.ac.uk ).

murillo-1

Murillo & Justino de Neve: L’arte dell’amicizia” è la mostra che apre il programma alla Dulwich gallery (6 febbraio – 19 maggio) dedicata all’opera dell’artista barocco Bartolomé Esteban Murillo e al suo committente più importante: don Justino de Neve,  canonico della cattedrale di Siviglia, una mostra molto più interessante di qual che si pensi (6 febbraio – 19 maggio) (www.dulwichpicturegallery.org.uk).

Chiudiamo questo tour al Victoria & Albert museum, il grande museo dedicato al design e al costume propone una mostra  senza precedenti dedicata alla straordinaria carriera di David Bowie. Il “duca bianco” sarà raccontato attraverso più di 300 oggetti tra testi scritti a mano, costumi originali, accessori moda, fotografie, film, video musicali, scenografie e strumenti personali (23 marzo – 28 luglio)(www.vam.ac.uk).

Volete saperne di più? Passate a trovarci, approfondiremo tutto. (a.d)  

"David

© Riproduzione riservata

Attualità

Cosa dice Kenji Goto, l’ostaggio giapponese nella mani dell’ISIS, nell’ultimo video pubblicato

Kenji Goto Jogo, l’ostaggio giapponese nelle mani dell’ISIS, è apparso in un nuovo video in cui chiede la liberazione della terrorista arrestata in Giordania.

Moda e Beauty

Converse celebra lo spirito creativo di Andy Warhol: ecco la capsule dedicata al padre della Pop Art

Converse celebra lo spirito creativo di Andy Warhol: ecco la capsule dedicata al padre della Pop Art

Entertainment

Ilary Blasi: il terzo figlio è un’ossessione

La showgirl definisce un’ossessione, le continue domande su un eventuale terzo figlio con il marito Francesco Totti

Moda e Beauty

Grande successo per la sfilata EAN 13 al Castello

Prestigioso evento per Ean 13 che ha presentato nella suggestiva Sala dei Mori del Castello dei Pio di Carpi – l’anteprima della collezione autunno inverno 2015 /2016.

Entertainment

Bacio Salvatore e Teresa a Uomini e Donne – VIDEO MEDIASET

Ecco il video del bacio a Uomini e Donne tra Teresa e Salvatore

Lifestyle

Sexy le principesse Disney per Dillon Boy

Sexy principesse Disney come non le abbiamo mai viste

Tag

-->