Tv. La crisi produce ascolti, ma non per i tg

Effetto crisi. L’anno nero del cinema italiano (-30 per cento al botteghino) e di contro l’anno d’oro della tv, che registra i più alti valori di sempre, ma non per i Tg, che perdono ascolti …

La Rai ha dato i numeri: “Il 2012 è stato l’anno dell’era Auditel con i più alti valori di ascolto di sempre“, recita la nota stampa. La media della platea televisiva nelle 24 ore è stata di 10.369.000 ascoltatori, mentre nella fascia di prima serata, dalle 20:30 alle 22:30, si è superata per la prima volta la soglia dei 26 milioni di ascolto medio, per la precisione 26.008.000.

  La tv di stato vince, è leader del mercato con il 39,8% di share nelle 24 ore e il 41,3% in prima serata, distanziando tutti i suoi concorrenti. L’affermazione del digitale terrestre, che ha aumentato i canali (dal primo luglio visibili su tutto il territorio nazionale), e il conseguente rafforzamento dei canali digitali specializzati (terrestri e satellitari, free e pay) è la vera novità del 2012 e complessivamente registrano il 34,5% di share nell’intera giornata e il 30,4% in prime time con incrementi del 5,5% nell’intera giornata e del 4,5% rispetto al 2011. I canali digitali specializzati della Rai registrano nel 2012 il 6,2% di share nelle 24 ore e il 5,3% in prime time evidenziando una significativa crescita rispetto al 2011 (+1,4% in entrambe le fasce). I più visti sono Rai Premium (seconda), Rai 4 (terza), Rai Movie (sesta) e Rai Yoyo al settimo posto. Tra i canali generalisti Rai1 conferma la sua leadership realizzando nel 2012 il 18,3% medio di share nell’intera giornata e il 19,4% in prima serata, in crescita di +0,4% rispetto al 2011; Rai2 si conferma terza a livello nazionale in prime time con l’8,4% di share, alle spalle delle due ammiraglie Rai e Mediaset, e quarto canale nell’intera giornata con il 7,6%. Rai3 si conferma, con il 7,7% di share nell’intera giornata e con l’8,3% di share in prime time, la terza rete più vista a livello nazionale nell’intera giornata e la quarta in prime time. In casa Mediaset, Canale 5 col suo 18,1 % è la prima rete italiana nel target commerciale (15-64 anni) e nei “periodi di garanzia”, quando cioè si concentrano gli investimenti pubblicitari (autunno e primavera) tocca il 19,8% in un totale che per le reti Fininvest giunge a quota 40%.

 

Nel calderone delle cifre spicca la battuta d’arresto dei notiziari della sera, che nell’anno appena trascorso hanno perso complessivamente 1,5 milioni di spettatori e il 10 per cento di share, e questo malgrado la valanga di notizie sulla politica nazionale che hanno sollevato un dibattito costante e acceso, come il successo dei social network – che a loro volta mutuano temi e argomenti dalla tv – conferma. Per il TgLa7 di Mentana, la perdita più cospicua (- 18% rispetto al 2011), segno di una disattesa delle belle premesse del 2010; -13% per Studio Aperto, il tg di Italia1, che patisce la crisi del canale; e -12,6% per il Tg3, mentre le testate regionali perdono il 7 per cento. Il Tg2, dov’è in corso il grande cambiamento, deve recuperare perdite dell’11% mentre i due tg delle reti ammiraglie: Tg1 e Tg5 cedono rispettivamente il 4,6% ed il 4,3%; il notiziario Rai patisce evidentemente della perdita di credibilità seguita alla “questione Minzolini” e la sua distanza dal diretto concorrente s’è assottigliata sempre di più. In tutto questo i canali all news, pure cresciuti nel 2012, non riescono a colmare le perdite dei tg delle reti generaliste, segno che c’è più di qualcosa da rivedere. (g.m)

 

© Riproduzione riservata

Moda e Beauty

Desideri essere ricco per un giorno? Oggi si può grazie ai servizi luxury alla portata di tutti!

Ricchi per un giorno? Desideri essere ricco per un giorno? Oggi si può grazie ai servizi luxury alla portata di tutti!

Moda e Beauty

Le vip tornate in forma dopo il parto

Tante personalità della tv hanno combattuto contro i kg presi in gravidanza, vincendo la sfida. Guarda chi sono

Entertainment

The Flash anticipazioni – Tom Welling nel cast della seconda stagione?

Alcuni rumors vorrebbero Tom Welling, l’attore che ha interpretato Clark in Smallville, nella seconda stagione di The Flash. Welling dovrebbe vestire i panni di Superman

Entertainment

Gli rubarono il portafoglio 35 anni fa, lo ritrova grazie a Facebook

John Steel aveva ormai dimenticato di essere stato derubato del portafoglio 35 anni fa, ora gli è stato restituito grazie all’aiuto di Facebook.

Entertainment

Il Segreto: Carmen svela a Gonzalo di essere la vera Aurora

Scopri tutto quello che accadrà nelle prossime puntate de “Il Segreto”, dove Carmen svela a Gonzalo la sua vera identità

Entertainment

Pretty Little Liars 6 anticipazioni – Matrimonio in vista per una Liars?

Continuano ad arrivare anticipazioni sulla sesta stagione di PLL che andrà in onda, sull’ABC Family, a partire dal 3 giugno. Oliver Goldstick ha recentemente affermato che potrebbe finalmente esserci un lieto fine per una Liars

Tag

-->