L’India di Giulio Di Sturco al Centro Culturale di Milano

“Fratello Fiume. Lo scorrere delle acque nel destino dell’uomo”, è il titolo della mostra dedicata a Giulio Di Sturco un giovane fotografo italiano che a soli trent’anni mostra una grande maturità di sguardo

Collaboratore dell’agenzia VII (Mentor Program), Di Sturco si divide tra Milano e New Delhie e pubblica sulle principali testate nazionali ed internazionali.  Nel 2009 è stato il vincitore del primo premio del World Press Photo nella categoria “Arts and Entertainment“ e di numerosi altri premi quali il Sony Award e il Premio internacional de Fotografia Humanitaria Luis Valtueña. Al Centro Culturale di Milano, luogo d’eccellenza per la promozione culturale ad altissimo livello, non poteva sfuggire la potenza evocativa delle fotografie di Giulio di Sturco. La mostra è un reportage dal sub-continente indiano e in particolare si sofferma sul contesto umano e naturale del Gange e dei suoi affluenti.

Negli scatti di Giulio Di Sturco protagonista è il fiume Gange, un luogo carico di simboli, una metafora terrena dello scorrere della vita e della sua inesorabile finitezza. Un luogo unico al mondo dove la vita e la morte convivono nello scorrere ineluttabile di un’acqua che purifica e rigenera una visione della vita e della morte lontana dal nostro occidente cattolicizzato. Nei quaranta scatti di Giulio Di Sturco ritroviamo visioni che restituiscono un’ idea di vita che affonda le sue radici in quella filosofia dell’esistere dove la  verità è cercata nell’annullamento e nella privazione. Il fiume Gange è allora la metafora della vita dove le acque scorrono in simbiosi con le vite degli uomini che abitano quelle sponde.  “L’India è mille cose. È liberazione e dannazione, è distruzione e creazione”- cosi Tiziano Terzani definiva il gigantesco Paese asiatico – ed è proprio questo che mi affascina di questo paese. L’India è il luogo dove gioia e disperazione, bellezza e squallore si fondono“. Cosi sintetizza Giulio Di Sturco dato che la ricerca della sintesi è anche l’essenza stessa della grande fotografia, sintesi suprema del racconto e dell’emozione trasferiti in un scatto.

Fratello Fiume. Lo scorrere delle acque nel destino dell’uomo”: sala Verri del Centro Culturale di Milano  da lunedì a venerdì dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18; sabato e domenica dalle 16 alle 20; chiuso il martedì. (www.centroculturaledimilano.it ) Virginia Zullo

 

© Riproduzione riservata

Entertainment

Video Mediaset Il Segreto: streaming puntata 27 aprile

Ecco come rivedere in streaming la puntata di Il Segreto di oggi 27 aprile

Entertainment

Il Segreto anticipazioni: puntate da martedì 28 a giovedì 30 aprile

Scopri con noi tutto quello che accadrà nelle puntate da martedì 28 a giovedì 30 aprile della soap “Il Segreto”

Entertainment

Gabriella Labate moglie di Raf racconta il suo dramma!

Gabriella Labate racconta alle telecamere di Domenica Live il dramma vissuto in una nota clinica privata di Roma

Moda e Beauty

Abercrombie&Fitch fa dietro front: via i modelli a busto nudo all’entrata dei negozi

Dopo l’uscita di scena dell’amministratore delegato Mike Jeffries, tanti sono i cambiamenti in corso per il colosso della moda giovane made in USA: scopriamo quali

Entertainment

Il Segreto Video Mediaset, puntata intera di oggi 27 aprile – Info streaming e anticipazioni

Ecco le ultime anticipazioni della puntata di oggi de Il Segreto e il link per rivederla in streaming online

Entertainment

Rivivi tutte le emozioni della puntata di lunedì 27 aprile de “Il Segreto”, grazie all’esclusivo servizio streaming Video Mediaset

Tag

-->