Art Basel Miami Beach, la “screen culture” è servita

Il New York Times l’ha definito un baccanale, non è un’esagerazione giornalistica. Art Basel Miami Beach superata la boa del decimo anno somiglia sempre più a un festival o alla settimana della moda, se preferite. Appuntamento dal 6 al 9 dicembre (con preview e anteprime a partire da oggi) con la più grande fiera dell’arte, costola della più antica Art Basel chiamata a dirci ancora una volta dove va il mercato dell’arte. Conferme e smentite arriveranno tra qualche giorno, intanto le anticipazioni di questo evento degli eventi, contenitore di mostre, di tendenze e palcoscenico di ampia “vipperia” internazionale

Sono 257 le gallerie invitate a questa 11ma edizione (201 nella sezione principale, Art Galeries, dedicata all’arte moderna e contemporanea) in arrivo da 31 Paesi (11 le gallerie italiane).  40 le gallerie per Art Nova, la sezione dedicata ad opere realizzate negli ultimi due o tre anni; e poi Art Position, con retrospettive di un solo artista proposte da 16 gallerie diverse, e ancora la sezione di Art Video e quella, sempre spettacolare, di Art Public, con il Collins Park chiamato ad ospitare 22 opere di grandi dimensioni e performance.  Sulla sezione curata da Christine Y. Kim (curatrice associata di arte contemporanea al Los Angeles County Museum of Art) ritorneremo, adesso largo al colore.

Colore che a Miami si afferma in una serie infinita di eventi fuori fiera; a cominciare dai party esclusivi e dalle mostre messi organizzati dalle griffe. Una cena esclusiva da Cartier, un cocktail da Dior, l’inaugurazione di un nuovo negozio Prada, una mostra di Warhol da Fendi, tanto per gradire. E se musica e vita notturna non faranno mancare intensità e calore, sì, c’è anche un party di Playboy, capita pure che ci sia spazio per la beneficenza. Così il MoMA PS1 organizza una serata per raccogliere fondi per rimediare ai danni dell’Uragano Sandy, e Amfar; l’associazione fondata da Liz Taylor per la ricerca sull’Aids, terrà giovedì un party in spiaggia. Non è tutto, ma per il momento ci fermiamo qui, nei prossimi giorni proveremo a parlare d’arte. Intanto, se volete fare bella figura in compagnia segnatevi queste paroline “screen culture” (cultura dello schermo). E’ questa la tendenza. Un presente che regala arte digitale a go go su schermi, pareti, iPad e computer portatili. La mostra principale s’intitola “Moving the Still” ed è un vero e proprio festival di GIF animate curato da Paddle8 e realizzato da Tumblr nel Wynwood arts district di Miami (movingthestill.tumblr.com). (a.d)

 

© Riproduzione riservata

Attualità

È morto John Nash, il matematico che ha ispirato “A beautiful Mind”

Il celebre matematico è morto a 86 anni insieme alle moglie Alicia, 82 anni. La sua vita ha liberamente ispirato il film premio Oscar “A Beautiful Mind”

Entertainment

Le Tre Rose di Eva 3 anticipazioni: ecco perché Aurora potrebbe tornare

Nasce una piccola speranza per tutti i fan di Aurora di Le Tre Rose di Eva

Entertainment

Ardenzi indaga su Sabatini, Anticipazioni Squadra Mobile puntata 25 maggio

Roberto Ardenzi indaga su Claudio Sabatini che però sembra sempre precederlo di un passo. Il nostro eroe di Squadra Mobile scoprirà la verità?

Moda e Beauty

Chiara Nasti accende l’estate con i costumi di Cristel Carrisi

Chiara Nasti è la testimonial della collezione di costumi realizzati da Cristel Carrisi, colorati e molto trendy

Moda e Beauty

Dolce&Gabbana: la moda è amore

Invitati alla Saint Martin School di Londra, hanno tenuto una lezione su invito di Fabio Piras, direttore del master

Entertainment

Le tre rose di Eva 3 anticipazioni, Aurora/Anna Safroncik muore davvero?

Le tre rose di Eva 3 anticipazioni, Aurora/Anna Safroncik è morta davvero? Cerchiamo di capirci qualcosa

Tag

-->