Toni Servillo in un giallo diretto da Daniele Cipri

Un giallo che promette numerosi colpi di scena girato dal regista Daniele Cipri con un grande attore come Toni Servillo. E’ in post-produzione e presto sarà sugli schermi italiani

Toni Servillo è uno dei più apprezzati attori italiani. E presto gli amanti del grande schermo potranno vederlo impegnato nel giallo “E’ stato il figlio” che il regista Daniele Ciprì ha tratto dall’omonimo romanzo di Roberto Alajmo, libro finalista al premio Viareggio. La pellicola è prodotta da Alessandra Acciai, Giorgio Magliulo e Luciano Stella per Passione affiancata, in questo progetto, da Rai Cinema, Palomar e Babe Films con il contributo di Apulia Film Commission e del ministero per i beni e le attività culturali.

 

 

Quest’opera, girata principalmente a Brindisi e nella sua provincia, ha al centro una famiglia, i Ciraulo, che vive in condizioni di povertà nel quartiere Zen di Palermo. File e file di palazzine di cinque piani tutte uguali. In mezzo spazi che dovrebbero essere verdi, ma che in realtà sono talmente brulli che non s’intravvede un albero, e nemmeno un filo d’erba. Uno degli appartamenti, sovraffollato di mobili e soprammobili, è la residenza dei protagonisti. Naturalmente massima riservatezza su come si svilupperà il lungometraggio che è in post produzione da un paio di settimane. Sembra che la prima scena sia ambientata in un ufficio postale dove Busu (interpretato da Alfredo Castro, simpaticamente soprannominato l’Al Pacino cileno) ogni giorno si reca a pagare le bollette dei vicini, a patto che questi gli lascino, come ricompensa per il “servizio”, il resto. E intanto, per far passare il tempo, racconta, una dopo l’altra, delle storie. Compresa quella di Nicola Ciraulo (Servillo), che lavorava al porto smantellando navi ormai non più utilizzate. A suon di flashback, si scoprirà che lui, sua moglie Loredana (Giselda Volodi) e i suoi cari non se la passano bene. Eppure davanti al loro alloggio èa parcheggiata un’auto fiammante acquistata con il risarcimento ottenuto per la morte della figlia Serenella di appena sei anni: ad ammazzare la bambina, finita per caso in mezzo a una sparatoria tra mafiosi, una pallottola vagante. In realtà, i 220 milioni di lire promessi non sono ancora arrivati. L’uomo, però, non riesce a resistere e inizia a spendere tanto da indebitarsi con un usuraio. La situazione precipita quando il ventenne Tancredi, il figlio maschio a cui presta il suo volto Fabrizio Falco, esce una sera con la fidanzata. Al volante di quella macchina lussuosa, ha un piccolo incidente e sfregia la portiera. Non sembra un danno grave, ma il padre lo aggredisce e il giovane, per difendersi, lo uccide. Ma è stato davvero lui a commettere l’omicidio? Gli inquirenti non ne sono così convinti sia perchè il ragazzo non confessa e poi, perchè, la pistola utilizzata dall’assassino è inspiegabilmente sparita. Nel cast, fra gli altri, anche Aurora Quattrocchi (nonna Rosa) e Benedetto Raneli (nonno Fonzio). (Marco Fornara)

© Riproduzione riservata

Entertainment

Sesso fetish, ecco cosa desiderano gli uomini

Sesso fetish, il lato b delle donne messo in secondo piano dalle fantasie maschili…

Entertainment

Russi troppo? Ecco come evitarlo

Russi troppo? Uno studio presentato a Barcellona rivela come risolvere il problema

Entertainment

Lisa Fusco, dall’Isola dei Famosi all’hard: “Farò il remake del primo film di Moana Pozzi”

La famosa soubrettina Lisa Fusco annuncia che interpreterà il remake del primo film di Moana Pozzi, affondando le colleghe colpite dalla fortuna…

Entertainment

Il Segreto – La vera Aurora ricatta Jacinta

Nelle prossime puntate de Il Segreto la vera Aurora capirà che Jacinta Ramons è l’autrice dell’assassinio di Ana ed inizierà a ricattarla per farle raccontare tutta la verità a Tristan

Entertainment

Cambia sesso, era un papà: “Adesso sono una mamma”

Figlio di Roxy Wallace, William, perde il suo “papà burbero” e guadagna la sua nuova mamma Roxanna

Entertainment

Sara Tommasi e il suo nuovo look – VIDEO

La showgirl Sara Tommasi è apparsa in un nuovo video pubblicato dalla pagina Facebook di Andrea Diprè

Tag

-->