Nereo Rocco, una mostra per i cento anni. Rivera e Garanzini la presentano da Fazio

Gianni Rivera e Gigi Garanzini, presenteranno questa sera a Che Tempo che fa, la mostra “Nereo Rocco. La leggenda del paròn” (www.mostranereorocco.it ). L’esposizione sarà […]

Gianni Rivera e Gigi Garanzini, presenteranno questa sera a Che Tempo che fa, la mostra “Nereo Rocco. La leggenda del paròn” (www.mostranereorocco.it ). L’esposizione sarà allestita dal 15 maggio al 31 luglio al Magazzino 26 del Porto Vecchio di Trieste, in occasione del centenario della nascita del grande tecnico, nato appunto nella città giuliana il 20 maggio del 1912. Il giornalista e curatore della mostra, Gigi Garanzini che conobbe e frequentò Rocco quando era ormai sul viale del tramonto e ne è stato autorevole biografo, assieme a Gianni Rivera, che ebbe proprio nel “paron” l’affettuoso mentore, racconteranno di questo percorso nella leggenda che si annuncia come giocoso ed emozionante. Un viaggio nella memoria fatto di fotografie, filmati d’epoca – molti dei quali ritrovati nelle Teche Rai – ed oggetti personali, appunti, articoli, testimonianze della vita intensa di Rocco e dei suoi incontri. Non trascurato l’aspetto gastronomico, altra passione di Nereo Rocco, per cui all’interno del Magazzino 26, sarà allestita l’Osteria del Paròn, dove si serviranno i piatti preferiti del tecnico innaffiati dal nuovo vino Nereo, creato apposta dalla cantina Russiz Superiore.

 

Sempre in occasione del centenario, Mondaori torna a pubblicare (in libreria dal 27) la bella biografia  che Garanzini scrisse di Rocco nel ’99 “Nereo Rocco, la leggenda del Paròn”, vero e proprio viaggio in un tempo in cui il calcio era fatto di passioni e umanità ed in questo il paròn Rocco fu un fuoriclasse. Il racconto copre tutte le tappe della carriera e le diverse città che lo hanno visto protagonista: dalla sua Trieste, che amava di un amore non poi del tutto ricambiato, a dispetto di un leggendario secondo posto alle spalle del Grande Torino (mi a Milàn son el comendatòr Nereo Rocco. A Trieste son quel mona de bechér), a Padova, dove inserì stabilmente la sua ciurma di «manzi» ai vertici del calcio nazionale; dalla Milano rossonera dei grandi trionfi euromondiali alle più sofferte esperienze nella Torino granata e a Firenze. “Un percorso in cui un pizzico di commozione ruba di tanto in tanto la scena all’allegria di fondo, al ricordo di tanti episodi divertenti e curiosi, segnati da quelle battute fulminanti che il paròn dispensava a piene mani, dentro e fuori lo spogliatoio. Con quel suo irresistibile slang triestino che allora, non certamente oggi, non era particolarmente indicato ai minori”. Numerose le testimonianze di personaggi noti – da Rivera ad altri grandi campioni, ai suoi «figli» calcistici Bearzot, Trapattoni e Cesare Maldini – e meno noti. Una celebrazione che non tace i limiti di Rocco ma che ne pone in risalto la grande umanità, il talento nel creare lo spirito di squadra, la sua straripante e istrionica personalità, il suo saper essere severo e complice che faceva di ogni spogliatoio una famiglia. “Un caposaldo, questo, cui rimase fedele in una squadra de poareti come nel Milan delle grandi stelle. Senza però che le qualità umane facessero ombra alla sua competenza tecnica, spesso disconosciuta da «certi imbonitori di oggi», come li definisce l’autore, che pretendono «d’aver inventato il calcio»”.

 

© Riproduzione riservata

Entertainment

Texas, sparatoria al concorso delle vignette su Maometto: 2 morti

Le due vittime sono gli assalitori che hanno aperto il fuoco contro il Collweel Event Center, dove stava avendo luogo un concorso per premiare le migliori vignette su Maometto

Entertainment

Video Mediaset Il Segreto: puntata domenica 3 maggio

Ecco come rivedere in streaming su Video Mediaset la puntata di Il Segreto di domenica 3 maggio

Entertainment

Anticipazioni Uomini e Donne oggi in onda 4 maggio

La puntata di oggi, lunedì 4 maggio, di Uomini e Donne sarà dedicata al Trono Classico o al Trono Over?

Lifestyle

Andrea Diprè incontra Eva Henger ma Facebook vuole Tia Sangermano

Il critico d’arte incontra la mitica ex pornostar Andrea Diprè ma cresce il numero di persone che vuole l’intervista sibaritica con Tia Sangermano

Entertainment

La barba lunga? Contiene più batteri di un WC

La moda della barba potrà anche essere al suo apice – ma un’indagine condotta da alcuni microbiologi ha avvertito che la coltre di peli sul viso, che in molti orgogliosamente mostrano, potrebbe essere più sporca di una toilette

Entertainment

Ian Somerhalder e Paul Wesley lanciano una campagna insieme – FOTO

Ecco come aiutare Ian Somerhalder e Paul Wesley nella loro nuova campagna che preveder il lancio di T-shirt

Tag

-->