LetterAltura sia, nel nome di Sepulveda e non solo

Sarà difficile quantificare il numero di piccoli festival che la crisi spazzerà via. Non escludendo che possa avere ragioni anche buone, qualcuno potrà in certi […]

Sarà difficile quantificare il numero di piccoli festival che la crisi spazzerà via. Non escludendo che possa avere ragioni anche buone, qualcuno potrà in certi casi proferire un “menomale”. In realtà, la scomparsa di eventi culturali per quanto insopportabilmente spocchiosi possano apparire talvolta, non è mai un bene per il territorio che li ospita.

Un capitolo a parte meritano i festival salvati dalla buona volontà, come LetterAltura, festival di letteratura di montagna, viaggi e avventura che ogni anno, e oramai da sei stagioni, si tiene con buon successo alla fine di giugno tra la sponda piemontese del lago Maggiore e le valli circostanti.

Eclissatasi la grande industria, quella che qui aveva portato soldi e inquinamento (sia detto sottovoce), lavoro e ciminiere, quasi non resta che il turismo a fare economia. La zona è suggestiva, e la natura s’è ripresa i suoi spazi, come ben sanno quei tedeschi che colonizzano la bella stagione lacustre. Dunque in un contesto così, un evento di richiamo è utile come l’aria pulita e le piste ciclabili.

Un po’ per insanabile passione letteraria, un po’ per passione territoriale, la benemerita associazione omonima che ha ideato e organizza LetterAltura, anche quest’anno ha compiuto il miracolo, nonostante la latitanza di Regione e Provincia del VCO (ma chissà, contributi last minute sarebbero bene accetti).

Ridimensionare il numero degli eventi senza rinunciare alla qualità, coinvolgere associazioni “sorelle” e fare leva sugli gli sponsor di sempre; la ricetta ha funzionato.

A Verbania dal 28 giugno al primo luglio, e nei tre week end successivi in altrettante località delle valli, il festival proporrà  55 eventi, tra incontri con gli autori, spettacoli, laboratori creativi, e  più di 60 ospiti nazionali e internazionali. La sfilata di ospiti è significativa, su tutti spicca Luis Sepulveda, ma tra gli scrittori troviamo anche Paolo Rumiz, Pino Cacucci, Cristiano Cavina, Andrea Molesini, Eddy Cattaneo, Marco Albino Ferrari, Marco Revelli, Pap Khouma, Laura Pariani, Benito Mazzi, Angelo Del Boca. Poi l’attore Marco Paolini, il gruppo musicale Têtes de Bois, gli alpinisti Ermanno Salvaterra e Maurizio Giordani, l’astrofisica Margherita Hack, i registi Krzysztof Zanussi e Michele Trentini, il fotografo Hilaire Dumoulin, l’antropologo Giovanni Kezich.

Torneremo a parlarne, tutto il programma qui. (AD)

© Riproduzione riservata

Entertainment

Stefano vince MasterChef e continua la polemica con Striscia

Come svelato da Striscia la notizia Stefano vince MasterChef Italia 4

Entertainment

Video Mediaset Rosy Maggiulli vs Laura Gauthier a Le Iene Show puntata 5 marzo

Ancora una volta Rosy Maggiulli desta grande attenzione. Scopriamo cosa è accaduto nella puntata del 5 marzo de Le Iene Show

Entertainment

Masterchef 4, vince Stefano come previsto da Striscia la Notizia

Come anticipato da Striscia la Notizia, il vincitore del format culinario di Sky è Stefano Callegaro.

Entertainment

Le Iene: Cicciolina trasformata risponde a Rocco Siffredi

Le Iene nella puntata del 5 marzo hanno dedicato un servizio alla pornostar Cicciolina

Entertainment

Il bosco anticipazioni terza puntata del 6 marzo, Nina indaga su Muntillo

Va in onda questa sera la penultima puntata, la terza, de Il bosco con Giulia Michelini, Claudio Gioè e Andrea Sartoretti

Entertainment

Harrison Ford si schianta con l’aereo, solo qualche ferita AGGIORNAMENTO

L’attore 72enne ha dovuto effettuare un atterraggio d’emergenza, è stato ricoverato d’urgenza all’ospedale

Tag

-->