Mostre imperdibili. “Titanic quartier” a Belfast

Tra il 14 ed il 15 aprile ricorre il centenario del naufragio del Titanic. Partito da Southampton il 31 marzo del 1912 e diretto a […]

Tra il 14 ed il 15 aprile ricorre il centenario del naufragio del Titanic. Partito da Southampton il 31 marzo del 1912 e diretto a New York, s’inabissò al largo delle coste di Terranova dopo aver urtato un iceberg. Perirono 1516 persone. Diverse centinaia, in maggioranza donne, riuscirono a salvarsi. E Belfast, nei cui cantieri prese vita il transatlantico, ha pensato di monetizzare con un museo, unico nel suo genere – i lavori iniziarono nove anni fa – l’evento. La concretizzazione dell’idea di costruire il museo “Titanic Belfast”, proprio nei cantieri navali Harland and Wolff è costata 120 milioni di euro con la speranza di farlo diventare un’attrazione turistica. Per pareggiare i conti – si legge su “Televideo Rai” ci vorranno 290.000 visitatori l’anno. Una scommessa, non impossibile da vincere.

Titanic quartier

Il museo è stato progettato dall’architetto inglese Eric Kunne. Forma di stella come era il logo della White Star Line, la compagnia del Titanic. Sono quattro palazzi di sei piani ricoperti da pannelli d’alluminio. Ricordano una prua di nave. Al suo interno nove gallerie. Qui sono stati ricostruiti gli interni: cabine, saloni,  ristoranti, scalinata della prima classe – quella riproposta nel film con Di Caprio e la Winslet – ponte di comando. E’ possibile leggere le carte d’epoca, guardare lo scafo appoggiato sui fondali ripreso dalle esplorazioni sottomarine, filmati e fotografie.

Va detto che “Titanic Quarter” è stato costruito in un distretto finanziario e residenziale sulla riva destra del fiume Lagan. La zona portuale di Belfast è in via di una costosa riqualificazione.

© Riproduzione riservata

Entertainment

Barcellona, Test Formula 1 (terza giornata): Hamilton fa la lepre, Massa e Raikkonen inseguono

Nella terza giornata dei test di Formula 1 a Barcellona, Lewis Hamilton e la Mercedes mettono tutti in riga

Lifestyle

Intervista | Alfonso Signorini: “A Playa Desnuda ci andrei anche a nuoto”

“Napoli, la mia Playa Desnuda: ha gli stessi fossi di Milano ma se sono profondi la prossima settimana (sarà in città il 3 e il 4 marzo, ndr) porto il costume e faccio il bagno nelle pozze. Anche il pettegolezzo è in crisi, non si vende più come una volta. Ma Maria De Filippi tira come Kate Middleton. Pubblicare la parte di sotto di Salvini, quella avanzata alla rivista Oggi? Perderei copie. La gaffe di Mara Venier? E’ un po’ rintronata, deve prendere un po’ di Girovital. Se la Santanchè mangia pane e cazzima io sono il re della cazzimma”

Entertainment

Intervista | Jack Savoretti: “Ho cicatrici come medaglie”

Devo la mia malinconia alla metà italiana. Non ve ne rendete conto ma l’italia è il più paese al mondo, ha qualcosa nell’aria che fa star bene, nonostante i casini. E ho avuto un colpo di fulmine con Napoli, mi ha conquistato in un solo giorno. Di sfuggita. E sono attratto da chi va controvento”

Entertainment

Le leggi del desiderio: il ritorno claudicante di Silvio Muccino

Che fine ha fatto Silvio Muccino? Un mistero e lo sarà ancor di più quando guarderete il suo nuovo film Le leggi del desiderio, a […]

Entertainment

Streaming Il Segreto – puntata sabato 28 febbraio, Video Mediaset

Rivivi tutte le emozioni della puntata di sabato 28 febbraio de “Il Segreto”, grazie all’esclusivo servizio streaming Video Mediaset

Tag

-->