Emilio Fede, è arrivato il momento della bocciofila

Perdiamo Emilio Fede, il direttore del tg più fazioso della televisione italiana. Dopo 23 anni di “onorato” servizio in casa Mediaset e a 24 ore […]

Perdiamo Emilio Fede, il direttore del tg più fazioso della televisione italiana. Dopo 23 anni di “onorato” servizio in casa Mediaset e a 24 ore dalla diffusione della notizia di un suo tentativo di depositare in una banca svizzera 2,5 milioni di euro – tentativo fallito che gli è costato anche una denuncia alle autorità – sveste quell’abito che tanto somigliava alla livrea di un maggiordomo. Licenziato. Un comunicato stringato giunge ieri sera alle redazioni, vi si legge tra l’altro “Dopo una trattativa per la risoluzione contrattuale del rapporto di lavoro non approdata a buon fine, Emilio Fede lascia l’azienda“. Al suo posto Giovanni Toti, 43 anni, direttore di Studio Aperto, cresciuto nelle testate giornalistiche del gruppo.

81 anni a giugno, Fede è entrato in Fininvest nel 1989. Primo direttore di un telegiornale Mediaset, ha cominciato con Studio Aperto; poi nel ’92 l’arrivo al Tg4. Nel ’94, con la “discesa in campo” di Berlusconi, il suo sostegno aperto ne  accompagna tutta la stagione politica. Tra vittorie e sconfitte, il fido Fede è sempre lì, a sperticarsi in lodi ai limiti del grottesco, a regalare al pubblico le immagini più smaglianti del leader (agli avversari, è ovvio, solo ghigni); a infilare richiami e multe dall’autorità delle telecomunicazioni per il mancato rispetto della par condicio. Non se ne cura, anche se alle critiche replica sempre con veemenza, o con querele, come quella che nel 2002 inviò a Nanni Moretti (“Fede è un violento”, disse il regista in comizio) o, in tempi recenti, la lettera velenosa  recapitata a Gad Lerner in risposta ad un articolo su Vanity Fair e che il giornalista dell’Infedele ha ieri pubblicato sul suo blog.

La parabola di Fede comincia a declinare a fine 2010, quando esplode il caso Ruby e lui, Lele Mora e Nicole Minetti vengono inquisiti per favoreggiamento alla prostituzione; con Mora è inoltre indagato per bancarotta:  avrebbe trattenuto par sè parte del prestito di 2 milioni 850mila euro che Berlusconi fece all’agente dei vip per evitargli il fallimento. Il suo rassicurante e plastificato paternalismo quando alle 19 conduce il tg, va a stridere fortemente con quanto riportano le cronache. La sua immagine di giornalista è ulteriormente compromessa. Poi la faccenda della valigetta piena di soldi, l’intervista al Corsera nella quale denunciava strane manovre in Mediaset… e l’epilogo.  E’ adesso bocciofila!

© Riproduzione riservata

Entertainment

50 sfumature di grigio: le parole più cercate dopo il film

Sottomissione, dominare, legare, sculacciare, schiava, padrone e bondage sono solo alcune delle parole più cercate del momento dopo 50 sfumature di grigio

Moda e Beauty

Milano Fashion Week 2015, la sfilata Philisophy di Lorenzo Serafini

Philosophy di Lorenzo Serafini alla Milano Moda Donna – Lorenzo Serafini si presenta sulle passerelle milanesi come Direttore Creativo e propone la sua collezione autunno / inverno 2015 / 2016

Entertainment

Streaming Il Segreto – puntata domenica 1 marzo, Video Mediaset

Rivivi tutte le emozioni della puntata di domenica 1 marzo de “Il Segreto”, grazie all’esclusivo servizio streaming Video Mediaset

Moda e Beauty

Milano Fashion Week 2015 – la sfilata di Emporio Armani

Milano Fashion Week 2015 – la sfilata di Emporio Armani

Entertainment

Il Toro non si ferma più: col Napoli decide Glik. Tabellino e cronaca

I granata si mostrano più cinici e dopo la fatica europea centra un altro risultato positivo. Un Napoli timido torna a casa senza punti

Senza categoria

Braccialetti Rossi 2: streaming RAI REPLAY puntata 1 marzo

Ecco come rivedere in streaming la terza puntata di Braccialetti Rossi 2

Tag

-->