Emilio Fede, è arrivato il momento della bocciofila

Perdiamo Emilio Fede, il direttore del tg più fazioso della televisione italiana. Dopo 23 anni di “onorato” servizio in casa Mediaset e a 24 ore […]

Perdiamo Emilio Fede, il direttore del tg più fazioso della televisione italiana. Dopo 23 anni di “onorato” servizio in casa Mediaset e a 24 ore dalla diffusione della notizia di un suo tentativo di depositare in una banca svizzera 2,5 milioni di euro – tentativo fallito che gli è costato anche una denuncia alle autorità – sveste quell’abito che tanto somigliava alla livrea di un maggiordomo. Licenziato. Un comunicato stringato giunge ieri sera alle redazioni, vi si legge tra l’altro “Dopo una trattativa per la risoluzione contrattuale del rapporto di lavoro non approdata a buon fine, Emilio Fede lascia l’azienda“. Al suo posto Giovanni Toti, 43 anni, direttore di Studio Aperto, cresciuto nelle testate giornalistiche del gruppo.

81 anni a giugno, Fede è entrato in Fininvest nel 1989. Primo direttore di un telegiornale Mediaset, ha cominciato con Studio Aperto; poi nel ’92 l’arrivo al Tg4. Nel ’94, con la “discesa in campo” di Berlusconi, il suo sostegno aperto ne  accompagna tutta la stagione politica. Tra vittorie e sconfitte, il fido Fede è sempre lì, a sperticarsi in lodi ai limiti del grottesco, a regalare al pubblico le immagini più smaglianti del leader (agli avversari, è ovvio, solo ghigni); a infilare richiami e multe dall’autorità delle telecomunicazioni per il mancato rispetto della par condicio. Non se ne cura, anche se alle critiche replica sempre con veemenza, o con querele, come quella che nel 2002 inviò a Nanni Moretti (“Fede è un violento”, disse il regista in comizio) o, in tempi recenti, la lettera velenosa  recapitata a Gad Lerner in risposta ad un articolo su Vanity Fair e che il giornalista dell’Infedele ha ieri pubblicato sul suo blog.

La parabola di Fede comincia a declinare a fine 2010, quando esplode il caso Ruby e lui, Lele Mora e Nicole Minetti vengono inquisiti per favoreggiamento alla prostituzione; con Mora è inoltre indagato per bancarotta:  avrebbe trattenuto par sè parte del prestito di 2 milioni 850mila euro che Berlusconi fece all’agente dei vip per evitargli il fallimento. Il suo rassicurante e plastificato paternalismo quando alle 19 conduce il tg, va a stridere fortemente con quanto riportano le cronache. La sua immagine di giornalista è ulteriormente compromessa. Poi la faccenda della valigetta piena di soldi, l’intervista al Corsera nella quale denunciava strane manovre in Mediaset… e l’epilogo.  E’ adesso bocciofila!

© Riproduzione riservata

Entertainment

Atletico Madrid – Juventus 1-0, decide Arda Turan

La Juventus di Allegri fallisce il primo vero esame stagionale contro l’Atletico Madrid. Decide Arda Turan ad un quarto d’ora dalla fine.

Entertainment

Le Iene: scherzo alle pupe per le nozze di Clooney – VIDEO

Nel mirino di Le Iene questa volta sono finite le povere Pupe che non hanno gradito lo scherzetto

Entertainment

Estrazione numeri vincenti Vincicasa 1 ottobre – Win for life

Scopri se hai vinto a Vincicasa, con in palio ogni settimana una casa – Estrazione 1 ottobre

Entertainment

Atletico Madrid – Juventus: le probabili formazioni

Atletico Madrid e Juventus si apprestano a darsi battaglia stasera al Vicente Calderon. Allegri sceglie Llorente e Tevez, anche se Morata scalpita, Simeone perde Gabi e manda Cerci in panchina

Entertainment

Inghilterra: Tioté scatena l’ira di tre donne

Simpatico siparietto nella vita sentimentale del centrocampista del Newcastle Tioté. Bigamo e con l’amante infuriata

Entertainment

The Originals 2: arriva Elena da The Vampire Diaries

La bella attrice Nina Dobrev è stata voluta fortemente dagli autori dello spin off di The Vampire Diaries dedicato agli originali e alla fine ha accettato il ruolo: interpreterà la prima delle doppleganger, Tatia

Tag