Grecia. Isole fuori rotta, antiche meraviglie da scoprire

Nei nostri giorni travagliati, pensi alla Grecia, e vengono subito in mente le immagini degli scontri di piazza, della guerriglia urbana e della gente che, […]

Nei nostri giorni travagliati, pensi alla Grecia, e vengono subito in mente le immagini degli scontri di piazza, della guerriglia urbana e della gente che, sempre più allo stremo, si accalca a protestare e far sentire il proprio grido di rabbia e disperazione.

Pensi alla Grecia, nazione sorella, e al suo sterminato patrimonio culturale che, non è risparmiato da saccheggi e devastazioni (ultimo sciagurato caso, i furti al museo Archeologico di Olimpia). Tuttavia, nel buio che avvolge l’Ellade, ci sono ancora sprazzi di luce. A produrli, neanche a dirlo, le straordinarie ricchezze archeologiche, disseminate in ogni anfratto di questo meraviglioso Paese. Questa volta, però, non si tratta di antiche testimonianze provenienti dai siti più noti e rinomati, ma da piccoli lembi di terra sparsi nel blu intenso del Mar Egeo, dalle isole poste ben al di fuori delle rotte commerciali e soprattutto turistiche: Castellorizo, Symi, Halki, Nisiro e Tilo.

A portare ad Atene i frammenti di vita di luoghi così distanti è l’iniziativa del museo di Arte Cicladica (www.agoni-grammi.gr) che ospita sino alla fine di aprile una mostra i cui protagonisti sono proprio i reperti archeologici di queste piccole isole. Poco conosciute, sia perché difficili da raggiungere, sia perché troppo spesso (e ingiustamente) ritenute degne di scarsa attenzione, nonostante il fatto che, per esempio, proprio l’isola di Symi sia divenuta, in anni recenti, meta di un certo turismo d’élite.

Sicuramente più conosciuta al pubblico italiano è Castellorizo, citata col suo antico nome, Meghisti, nel celeberrimo film di Gabriele Salvatores, quel Mediterraneo, ambientato proprio in questa isoletta poco distante da Rodi, che gli valse l’Oscar nel 1992. Anche allora, nelle parole del capitano Montini (interpretato da Claudio Bigagli), è raccolta un’ironica, ma reale, descrizione di questo luogo: «Ci stavano mandando in missione a Meghisti, un’isola sperduta dell’Egeo, la più piccola, la più lontana, importanza strategica: zero».

Ciononostante, proprio da Castellorizo (o Castelrosso, in alcuni testi italiani), proviene un bellissimo torso ad altorilievo di figura umana, raffigurante un giovane, che faceva parte di un rilievo funerario, datato al 400-350 a.C., che rappresenta uno dei pezzi più pregiati di questa mostra. Particolarmente significativo è il fatto che, tra queste cinque isole, alcune non hanno nemmeno un museo archeologico; assume pertanto maggior rilevanza la novità di questa mostra che, grazie ad un’ampia selezione di reperti (ben 390), illustra la storia della presenza umana in questi luoghi, ancora oggi di difficile accesso. Essi raccontano quali sono stati, nel corso dei secoli, le occupazioni delle comunità insediatesi, i loro interessi, i loro culti religiosi, i modi e i costumi di vita, parallelamente ad un percorso multimediale che illustra la vita odierna degli abitanti, sottoposti a problemi difficilmente immaginabili per chi vive in ambienti urbanizzati, primi fra tutti, ad esempio, la mancanza d’acqua e, talvolta, anche di medicinali.

Una mostra che parte da lontano per arrivare al nostro presente anche allo scopo di portare all’attenzione di tutti, non solo dei visitatori e degli appassionati di antichità, le grandi difficoltà quotidiane di chi, ancora oggi, lotta per sopravvivere. Fortunatamente, Isole fuori rotta … è solo la prima di una serie di iniziative, in collaborazione col ministero Ellenico della Cultura, che realizzeranno, sempre presso il museo ateniese, nuove esposizioni dedicate ad altre piccole, remote isole immerse nell’Egeo, del Dodecaneso ma anche delle stesse Cicladi, autentiche perle incastonate in una ancor più grande e bellissima corona che si chiama Grecia, luogo dell’anima per noi italiani e non solo. (Matteo Trucco)

© Riproduzione riservata

Entertainment

Il Segreto anticipazioni febbraio 2016: il mistero della foto di Pepa

Nelle puntate dei primi di febbraio de Il Segreto vedremo Mariana trovare una misterioso foto identica a Pepa. Sarà davvero lei?

Entertainment

Jamie Dornan, l’uomo più sexy dell’anno – [immagini]

Jamie Dornan è stato eletto, da Grazie, l’uomo più sexy dell’anno, sorpassando anche Brad Pitt e Ian Somerhalder di The Vampire Diaries

Entertainment

Anticipazioni Il Segreto gennaio 2016: la nuova nemica di Mariana

Le anticipazioni del Segreto di gennaio ci rivelano che Mariana sarà ricattata da una donna, di chi si tratta?

Entertainment

Il Segreto puntate spagnole: il nuovo amore di Emilia dopo Alfonso

Nelle puntate spagnole de Il Segreto vedremo Emilia con un nuovo amore, di chi si tratta?

Entertainment

50 sfumature di grigio al premio “Critic’s Choice” di Santa Monica

Ecco che il film ispirato al primo libro della saga erotica di E. L. James, 50 sfumature di grigio, è stato candidato come possibile vincitore del premio “Critic’s Choice” di Santa Monica per la miglior musica

Entertainment

Rita Ora, il sexy calendario 2016 è in vendita – [immagini]

Ecco l’anteprima del mese di gennaio del calendario 2016 di Rita Ora, il più sexy

Tag

-->