Lucio Dalla, il ricordo abusato

Strano paese l’Italia,  lo sentiamo dire ogni giorno, ogni giorno cerchiamo una definizione che offra la sintesi soddisfacente di quel caos di vizi e di […]

Strano paese l’Italia,  lo sentiamo dire ogni giorno, ogni giorno cerchiamo una definizione che offra la sintesi soddisfacente di quel caos di vizi e di virtù, di genio e meschinità, di grandezza e viltà, cuore e miserie che compongono il carattere nazionale, se carattere nazionale c’è.

Con la morte di Lucio Dalla la nazione s’è trovata d’accordo, era un grande, e gli aggettivi si sono sprecati, così le testimonianze, i ricordi, le analisi… Bruno Vespa ha colto l’occasione al volo con la sua puntata di Porta a Porta mentre Rai2 ha riservato a Dalla una puntata di La Storia siamo noi. Tutto questo mentre i vari tg dedicano ancora ampi spazi al ricordo; i social network erano (e sono) inondati da pensierini più o meno sinceri, i siti web degli organi d’informazione rilanciano sondaggi sulla canzone più bella di Lucio e le radio alternano canzoni memorabili a considerazioni non sempre all’altezza… Francamente dubitiamo che questa ondata  carica di emotività nasca in tutti i casi da sentimenti sinceri; dal compianto per la perdita, che, quando si spegne la voce di un poeta, deve toccare tutti, nel profondo…  Il timore avanza, ed è concreto. Quando l’ondata emotiva diventa tzunami troppi – per la grande legge degli ascolti e/o dell’apparire – si sentono in dovere di cavalcarla, di esserci, anche o soprattutto nella morte.

Se questa Italia ha amato davvero Lucio Dalla lo scopriremo tra un mese, tra un anno, tra dieci anni, quando, al di là delle operazioni commerciali (complation, cofanetti di cd, libri ecc…) riusciremo attraverso operazioni culturali serie e popolari allo stesso tempo (la canzone è, deve essere popolare)  ad onorare come si conviene il ricordo di Lucio.  E tu Lucio, se ci vedi, perdonaci. (AD)

© Riproduzione riservata

Entertainment

Barcellona, Test Formula 1 (terza giornata): Hamilton fa la lepre, Massa e Raikkonen inseguono

Nella terza giornata dei test di Formula 1 a Barcellona, Lewis Hamilton e la Mercedes mettono tutti in riga

Lifestyle

Intervista | Alfonso Signorini: “A Playa Desnuda ci andrei anche a nuoto”

“Napoli, la mia Playa Desnuda: ha gli stessi fossi di Milano ma se sono profondi la prossima settimana (sarà in città il 3 e il 4 marzo, ndr) porto il costume e faccio il bagno nelle pozze. Anche il pettegolezzo è in crisi, non si vende più come una volta. Ma Maria De Filippi tira come Kate Middleton. Pubblicare la parte di sotto di Salvini, quella avanzata alla rivista Oggi? Perderei copie. La gaffe di Mara Venier? E’ un po’ rintronata, deve prendere un po’ di Girovital. Se la Santanchè mangia pane e cazzima io sono il re della cazzimma”

Entertainment

Intervista | Jack Savoretti: “Ho cicatrici come medaglie”

Devo la mia malinconia alla metà italiana. Non ve ne rendete conto ma l’italia è il più paese al mondo, ha qualcosa nell’aria che fa star bene, nonostante i casini. E ho avuto un colpo di fulmine con Napoli, mi ha conquistato in un solo giorno. Di sfuggita. E sono attratto da chi va controvento”

Entertainment

Le leggi del desiderio: il ritorno claudicante di Silvio Muccino

Che fine ha fatto Silvio Muccino? Un mistero e lo sarà ancor di più quando guarderete il suo nuovo film Le leggi del desiderio, a […]

Entertainment

Streaming Il Segreto – puntata sabato 28 febbraio, Video Mediaset

Rivivi tutte le emozioni della puntata di sabato 28 febbraio de “Il Segreto”, grazie all’esclusivo servizio streaming Video Mediaset

Tag

-->