Niccolò Stenone. Cervello in fuga verso l’Italia

Fa piacere che Google oggi, dedichi il suo doodle a un geologo, Niccolò Stenone scienziato nato 374 anni fa il cui nome a molti dirà […]

Fa piacere che Google oggi, dedichi il suo doodle a un geologo, Niccolò Stenone scienziato nato 374 anni fa il cui nome a molti dirà poco, ma molto dice agli studiosi delle scienze della terra, poiché nonostante una carriera scientifica relativamente breve, i suoi lavori sulla formazione degli strati di rocce e dei fossili in essi contenuti è stato cruciale per lo sviluppo della geologia moderna. I principi che ha affermato continuano ad essere utilizzati oggi dai geologi e dai paleontologi.

Stenone nasce come Niels Stensen, ma è meglio conosciuto con la forme latinizzata del suo nome, Nicola Stenonis o Niccolò Stenone. Nato a Copenhagen lascia la Danimarca nel 1660 per studiare medicina presso il principale centro per l’educazione medica del suo tempo, l’Università di Leiden nei Paesi Bassi. Dopo brevi periodi a Parigi e Montpellier, si trasferisce a Firenze nel 1665. I suoi studi di anatomia attirato l’attenzione del Granduca di Toscana, Ferdinando II, che era anche un mecenate delle scienze. A Firenze fu nominato membro dell’Accademia del Cimento, un corpo di ricercatori ispirato dall’approccio sperimentale e matematico di Galileo alla scienza. Una storia suggestiva è legata ad una delle sue scoperte principali. Si racconta che nell’ottobre 1666, due pescatori catturassero uno squalo enorme vicino alla città di Livorno, il duca Ferdinando ordinò che la testa fosse inviata allo scienziato, allora occupato in studi di anatomia animale. Stenone sezionò la testa  e mentre esaminava i denti dello squalo fu colpito dalla loro somiglianza con alcuni oggetti di pietra, chiamati glossopetrae o “pietre della lingua”, che erano stati trovati in determinate rocce. Gli antichi, come l’autore romano Plinio il Vecchio, avevano suggerito che queste pietre fossero cadute dal cielo o dalla luna. Altri erano del parere che i fossili fossero cresciuti naturalmente nella roccia. Stenone svelò l’arcano sostenendo ciò che oggi è per tutti acclarato, ovvero che le glossopetrae sembravano contenere denti di squalo perché erano proprio denti di squalo, denti di animali finiti sepolti nel fango o nella sabbia ormai terra asciutta. E andò oltre sostenendo che tra i fossili e i denti degli squali “viventi” possono esservi alterazioni nella composizione chimica ma la loro forma non cambia. Per giungere a questa esatta conclusione, Stenone utilizzò la “teoria corpuscolare della materia”, un precursore della teoria atomica.

Il lavoro sui denti di squalo lo condussero portato questione più generale di come un qualsiasi oggetto solido può venire a trovarsi all’interno di un altro oggetto solido, come ad esempio una roccia o di uno strato di roccia. Il “corpi solidi all’interno di solidi” che attirarono l’interesse di Steno non sono solo fossili, ma i minerali, cristalli, incrostazioni, vene, e persino interi strati di roccia o strati. Steno pubblicò nel 1669 le sue idee sotto il titolo “De solido intra solidum naturaliter contento dissertationis prodromus”, titolo semplicemente abbreviato in Prodromus. Volume col quale fonda le basi della “stratigrafia”. Ed è stato il primo utilizzo della geologia per cercare di distinguere i diversi periodi di tempo nella storia della Terra, un approccio che si sarebbe sviluppato in modo spettacolare più tardi.

Stenone sostanzialmente abbandonò la scienza dopo la sua conversione al cattolicesimo nel 1667, con grande disappunto di alcuni suoi colleghi. Fu ordinato sacerdote nel 1675. Nel 1677, divenne vescovo titolare, e trascorse il resto della sua vita svolgendo il ministero per le popolazioni di minoranza cattolica nella Germania settentrionale, Danimarca e Norvegia. Non ha mai scritto opere più grandi del suo Prodromus . Nel 1988 la Chiesa lo ha nominato beato.

 

© Riproduzione riservata

Entertainment

Amici 14 – Anticipazioni puntata di questa sera, 23 maggio 2015

Ecco le anticipazioni della puntata serale di questa sera di Amici 14; tra gli ospiti Malika Ayane, i Tiromancino e Fiorella Mannoia come giudice

Entertainment

Le tre rose di Eva 3 Video Mediaset streaming 22 maggio

Rivedi la decima puntata de Le tre rose di Eva 3 in streaming video seguendo queste semplici indicazioni

Entertainment

Le Tre Rose di Eva 3: Aurora in realtà non è morta ed è ancora viva?

E se Aurora nella puntata di Le Tre Rose di Eva 3 in realtà non fosse morta?

Entertainment

Le tre rose di Eva 3 Anna Safroncik, L’ADDIO UFFICIALE ALLA FICTION

Anna Safroncik abbandona Le tre rose di Eva 3 con un messaggio su Facebook

Entertainment

Le Tre Rose di Eva 3 VIDEO MEDIASET: streaming 22 maggio

Se avete perso la puntata di venerdì 22 maggio di Le Tre Rose di Eva 3 ecc come rivederla in streaming

Entertainment

Le Tre Rose di Eva 3 anticipazioni 28 maggio: il segreto di Clarissa

Scopriamo da subito le anticipazioni della prossima puntata di Le Tre Rose di Eva 3 che andrà in onda giovedì 28 maggio

Tag

-->