Palestina nell’Unesco. In difesa anche della cristianità

E’ fuori dubbio che l’ingresso della Palestina nell’Unesco sia un atto dal significato profondamente politico. Ed è per questo che il mondo s’è spaccato, col […]

E’ fuori dubbio che l’ingresso della Palestina nell’Unesco sia un atto dal significato profondamente politico. Ed è per questo che il mondo s’è spaccato, col “No” degli Usa e d’Israele, il “Sì” di questi tutta l’America Latina,  e – tra gli altri –  di alcuni stati europei, tra cui Francia e Russia. L’Italia? Astenuta, tanto per non dispiacere nessuno o dispiacere tutti, vedete voi. Al di là delle geopolitiche e delle convenienze c’è da considerare il significato letterale della decisione assunta oggi dall’assemblea generale Unesco, il fatto cioè che l’organismo delle Nazioni unite chiamato a tutelare la cultura abbia la possibilità di occuparsi anche della basilica della Natività di Betlemme. Cosa che non dovrebbe far dispiacere tutti coloro che amano mettere nelle prefazioni delle loro campagne elettorali frasi tipo “è doveroso riconoscere le radici cristiane dell’Occidente”. Bene, le radici cristiane sono là, dove sennò? Queste persone oggi dovrebbero festeggiare. Dubitiamo che ciò avvenga.

L’Unesco non aveva potuto inserire nell’elenco dei beni patrimonio dell’umanità quella chiesa del IV secolo dove storia vuole sia nato Cristo, questo perché la Palestina non è uno stato membro delle Nazioni Unite, dunque la candidatura – pure avanzata dall’Autorità palestinese – non poteva essere presa in esame. Regolamento vuole che solo gli stati sovrani riconosciuti dall’ONU possono avanzare nomine per l’ingresso nell’elenco dei beni a tutela Unesco. Non è chiaro ora se l’ingresso della Palestina tra i membri dell’organismo possa essere sufficiente ad avanzare una nuova candidatura, ma sarebbe contraddittorio il contrario.  

© Riproduzione riservata

Moda e Beauty

Look of the day: Nostalgic Monday

Look of the day: Nostalgic Monday

Entertainment

Un posto al sole anticipazioni: palinsesto natalizio – trame 22-26 dicembre

Vediamo tutte le info sulla programmazione di Un posto al sole. La soap opera non si ferma a Natale bensì il 31 dicembre ma ci saranno altre sorprese. Scopriamo le anticipazioni relative alle trame delle puntate che vanno dal 22 al 26 dicembre

Lifestyle

Cecilia Rodriguez, ultimo bacio con Francesco Monte [FOTO]

Cecilia Rodriguez è partita per l’Argentina per le feste di Natale senza il suo amato Francesco Monte

Entertainment

Il Segreto anticipazioni: la verità sulla morte di Donna Francisca – Terza stagione

Ecco cosa è realmente accaduto il giorno in cui è esplosa l’auto di Donna Francisca: le anticipazioni della terza stagione de Il Segreto ci chiariscono finalmente la verità

Entertainment

Temptation Island la notte insieme senza telecamere tra Gabriele e Laura Forgia [VIDEO]

Oggi Temptataion Island dopo aver proposto le scene hot tra Andrea e Chiara la scorse settimana, proporrà il video a telecamere spente tra Gabriele e Laura Forgia

Entertainment

Fedez contro Francesco Facchinetti, arriva anche J-Ax ad attaccare

Fedez non risparmia proprio nessuno e stavolta il suo ultimo bersaglio è stato Francesco Facchinetti, ma a dire la sua insieme al rapper è arrivato anche J-Ax

Tag

-->