Brera, restaurato dipinto “Cristo e l’adultera”

Erano circa cinquant’anni che non veniva esposto al pubblico. Da qualche giorno alla pinacoteca milanese di Brera (nella foto di testa) si può di nuovo […]

Erano circa cinquant’anni che non veniva esposto al pubblico. Da qualche giorno alla pinacoteca milanese di Brera (nella foto di testa) si può di nuovo ammirare il capolavoro “Cristo e l’adultera” di Agostino Carracci. Il dipinto nei mesi scorsi è stato restaurato con un intervento finanziato da Credit Suisse.

Le operazioni sono state ultimate dallo studio Grazioli di Bergamo con la direzione di Ede Palmieri, e seguono quelle condotte nel 2008 su “Cristo e la Cananea” di Ludovico Carracci (cugino di Agostino) e quelle di pochi mesi or sono su “Cristo e la Samaritana” di Annibale Carracci (fratello di Agostino).

Cristo e l'adultera prima del restauro

 

Tre tele appartenenti a un ciclo decorativo raffigurante scene d’incontri di Gesù con donne del Vangelo e una serie di affreschi illustranti le virtù di Ercole. Furono realizzati per palazzo Sampieri in strada Maggiore a Bologna. Erano gli anni 1593-94. L’occasione di studio offerta dal loro recupero ha permesso di aggiungere molti tasselli alla conoscenza di questi dipinti: prima di tutto da un punto di vista storico, identificando nel desiderio di autocelebrazione della famiglia Sampieri, che viveva un periodo di particolare eccellenza e potere dovuto soprattutto alla nomina al rango senatoriale, la ragione principale del lavoro commissionato dal giovane abate Astorre.

Questi, appena rientrato da importanti incarichi di curia e fiducioso in una brillante carriera ecclesiastica, decise, nello spirito del clima trionfalistico romano, di chiamare i più importanti pittori attivi a Bologna, appunto i Carracci, per questo progetto. Il tutto a modello di ciò che aveva visto fare dalle grandi famiglie del tempo come i Farnese.

Cristo e l'adultera dopo il restauro

 

Ma le scoperte più interessanti riguardano i problemi iconografici. Erano sempre rimasti aperti gli interrogativi riguardanti i motivi della scelta di questi tre soggetti evangelici, un unicum in tutta la storia dell’arte, disposti su tramezzi in modo da creare un particolare effetto prospettico a cannocchiale. E ignoto era anche il perché dell’accostamento con i temi degli affreschi.

E’ stato possibile identificare nelle tre scene delle tele, che ritmano il lungo vano di accesso alle sale “dedicate” a Ercole, le tre virtù teologali: praticandole, Astorre, in una sorta di percorso iniziatico, potrà accedere ai risultati sperati, tanto quanto l’esercizio delle proprie qualità ha permesso all’eroe di giungere alla gloria eterna dell’Olimpo, accolto da Giove e da lui tramutato per l’eternità in splendida costellazione. (Marco Fornara)

© Riproduzione riservata

Entertainment

Il Principe 2 news, da settembre 2015 in tv

Ecco le ultime novità sul seguito della prima stagione della serie tv Il Principe un amore impossibile

Entertainment

Raffaella Fico imita Anastacia a Tale e Quale Show – VIDEO

La showgirl nei panni dell’artista internazionale in duetto con Greco/Ramazzotti

Entertainment

Valerio Scanu diventa Bon Jovi a Tale e Quale Show – VIDEO

Anche ieri sera il cantante di Amici ha superato se stesso nei panni del cantante americano

Entertainment

Grey’s Anatomy 11×06 promo, anticipazioni puntata del 6 novembre

Ecco tutto quello che c’è da sapere su Don’t Let’s Start, il prossimo episodio di Grey’s Anatomy 11

Entertainment

Uomini e Donne anticipazioni settimanali puntate dal 3 al 7 – Trono Classico e Over

Uomini e Donne riprenderà la messa in onda lunedì pomeriggio con il Trono Classico ed il trono Over in cui si potrà assistere alle esterne dei tronisti e alle liti delle dame e dei cavalieri

Entertainment

Anticipazioni Il Segreto e Verissimo 1 novembre – Fernando Mesia alias Carlos Serrano

Ecco cosa vedremo nelle puntate di oggi de Il Segreto e di Verissimo

Tag