Mostre, la Roma anni ’50 negli scatti di William Klein

PARIGI – Alla  Maison Européenne de la Photographie “Roma + Klein” dal 5 ottobre-8 gennaio. William Klein nasce nel 1928 a New York e attualmente […]

PARIGI – Alla  Maison Européenne de la PhotographieRoma + Klein” dal 5 ottobre-8 gennaio. William Klein nasce nel 1928 a New York e attualmente vive e lavora a Parigi.

Nel 1956 il pittore, grafico e fotografo, è arrivato a Roma su richiesta di Fellini, che lo ha assunto come aiuto regista per Le notti di Cabiria. Con molto tempo libero tra la fine delle riprese e l’uscita del film, Klein – armato di macchina fotografica – ha esplorato la città con l’aiuto di personaggi come Pier Paolo Pasolini, Ennio Flaiano e Alberto Moravia. Ne è sortito un affresco di Roma che sarebbe stato poi pubblicato in Italia da Feltrinelli (1958) e Editions du Seuil, in Francia (1959).

La mostra alla casa europea della Fotografia celebra in 70 grandi immagini il suo talento visionario e il suo amore per la capitale italiana.

www.mep-fr.org

© Riproduzione riservata

Entertainment

SERIE TV “V” che fine ha fatto?

La serie “V” non ha avuto un finale

Entertainment

Uomini e Donne: i fan di Andrea Cerioli e Sharon in rivolta

I fan di Andrea Cerioli e Sharon continuano a lamentarsi per le scene tagliate nelle puntate di Uomini e Donne

Entertainment

“Un posto al sole” ha compiuto 18 anni

Un posto al sole è la soap più longeva in Italia

Entertainment

Claudia D’Agostino dopo Uomini e Donne apre un negozio

L’ex corteggiatrice di Andrea Offredi Claudia D’Agostino sta aprendo un negozio nella sua città

Entertainment

Ballando Con Le Stelle: l’incidente della gamba di Giusy Versace? Già accaduto durante le prove

Raimondo Todaro racconta di quando qualcosa di analogo è capitato durante le prime prove, incidente che ha premesso ai due di entrare in empatia

Entertainment

Marco Travaglio poco incline al contradditorio? “Basta andare su Youtube per vedere quanto ami il confronto”

Parola positive anche nei confronti di Bruno Vespa quando descrive quella volta in cui ha pensato “Che bravo Bruno Vespa”

Tag