Natale e dintorni, guida alle mostre in Europa

Natale in Sudafrica, Natale ai Caraibi, Natale … in capo al mondo; non si può sempre approfittare degli esotici suggerimenti dei cinepanettoni. In vista delle […]

Natale in Sudafrica, Natale ai Caraibi, Natale … in capo al mondo; non si può sempre approfittare degli esotici suggerimenti dei cinepanettoni. In vista delle festività più spesso si guarda al vecchio Continente e alle sue città, che restano sempre tra le scelte più gettonate del turista italiano nel cogliere l’occasione di un ponte più o meno lungo da concedersi tra Natale, Capodanno e dintorni. E tra luminarie e show sul ghiaccio, shopping griffati, mercatini e brindisi, chissà che non avanzi una mezza mattinata da trascorrere in un museo. Di seguito una piccola ma compediosa guida sulle principali mostre nelle quali è possibile imbattersi camminando di questi tempi lungo le strade d’Europa.

VIENNA

Un bis di tutto rispetto all’Albertina di Vienna. “Michelangelo: Zeichnungen eines Genies” (disegni di una genio) è la mostra che propone circa 100 disegni su carta del pittore maestro fiorentino. Si percorre la carriera di Michelangelo, tra i suoi disegni per la”Battaglia di Cascina”il progetto di un affresco mai completato, i disegni preparatori degli affreschi della Cappella Sistina e le scene della Crocifissione abbozzate quando aveva quasi 80 anni a concludere il magnifico lo spettacolo. (Fino al 9 gennaio).

“Picasso: Frieden und Freiheit” (Pace e libertà). Il Picasso promotore di pace e libertà nel percorso in 150 opere realizzate dal grande catalano dopo che si iscrisse al Partito Comunista Francese nel 1944. Dipinti che dovevano essere di propaganda per il movimento per la pace e che nel 1947 lo portarono a realizzare la celebre immagine della colomba bianca che si trasformò in un’icona globale.  (Fino al 16 gennaio) www.albertina.at

Al Leopold Museum di scena Cézanne, Picasso e Giacometti nei capolavori della Fondazione Beyeler. Il gallerista svizzero Ernst Beyeler, morto all’inizio di quest’anno, nel corso della vita ha messo assieme una superba collezione di opere, oggi custodita in uno splendido edifico vicino Basilea costruito nel 1997 da Renzo Piano.  Le opere d’arte prestate dalla fondazione non si limitano ai tre artisti del titolo, ma presentano anche artisti europei del 20 ° secolo, gli artisti americani degli anni 1950 (Pollock, Lichtenstein), e oggetti d’arte africana ed oceanica.  (Fino al 17 gennaio) www.leopoldmuseum.org

BRUXELLES

Il Centro Culturale Ing propone un viaggio nell’opera di una grande artista belga, James Ensor. “Ensor Démasqué” un titolo significativo per connotare il pittore delle maschere. In 140 disegni e 60 dipinti la mostra ripercorre l’intera evoluzione del pittore di Ostenda: la pittura realista – ritratti, paesaggi – e le scene e le maschere grottesche. (Fino al 13 febbraio) www.ing.be/art

Per gli amanti del contemporaneo al Palais des Beaux-Arts Bozar di scena Gilbert & George in “Jack Freak Pictures”, una serie di 153 opere sulla base dell’elemento dominante nella loro arte: la Union Jack  adoperata in una varietà di modi per esplorare gli sforzi umani, le paure e i desideri,  la religione, la società, il consumismo, la morte. (Fino al 23 gennaio) www.bozar.be

LONDRA

Un Viaggio attraverso il Libro dei Morti egiziano nella mostra di punta del British Museum (leggi articolo) tra papiri, sarcofagi, dipinti, oggetti che accompagnavano notabili e faraoni nell’aldilà. (Fino al 6 marzo) www.britishmuseum.org

Gauguin: creatore del mito”, la grande mostra della Tate Modern, un percorso in un aspetto poco considerato dell’artista francese, quello – appunto – della sua costante ricerca del mito. Prima nella religiosità delle campagne della Britannia, poi nelle isole tropicali (leggi articolo). (Fino al 16 gennaio) www.tate.org.uk/modern

PRAGA

Alla galleria nazionale di Praga, Palazzo Veletržní la mostra “Monet – Warhol: Capolavori dalla Albertina e la Collezione Batliner”. Circa 80 opere (provenienti dalla collezione conservata all’Albertina di Vienna, forte di 500 lavori) dai moderni artisti europei (Monet, Matisse), ai pittori dell’avanguardia russa (Malevic), agli artisti del dopoguerra (Lichtenstein, Warhol, Bacon) agli artisti contemporanei (Anselm Kiefer). (Fino al 7 gennaio) www.ngprague.cz

PARIGI

Arman (fino al 10 gennaio), Gabriel Orozco (fino al 3 geannio) e Mondrian (fino al 21  marzo). Tre nomi eccellenti per le tre mostre di punta del Centre Pompidou. www.centrepompidou.fr

Monet impazza in questa stagione parigina, ricordiamo la grande mostra al Grand Palais Claude Monet, 1840-1926 (leggi articolo) con circa 200 opere tra paesaggi, marine, paesaggi innevati, figure e nature morte, in prestito dai musei di tutto il mondo. (Fino al 24 gennaio) www.monet2010.com

Altro giro al Musee Marmottan, dov’è in corso “Claude Monet: son musée” (leggi articolo) dove si può vedere l’atto di nascita dell’Impressionismo, ovvero ‘‘Impression, Soleil Levant”, opera dipinta da Monet nel 1873. (Fino al 20 febbraio) www.marmottan.com

Il Musée d’Art Moderne de la ville de Paris replica con la retrospettiva dedicata a Jean-Michel Basquiat (leggi articolo). In mostra circa 90 dipinti, tra cui alcuni realizzati dal giovane artista prematuramente scomparso in collaborazione con Andy Warhol. Fino al 30 gennaio www.mam.paris.fr

AMSTERDAM

All’Hermitage “The Immortal Alexander the Great(leggi articolo) una mostra che ricostruisce attraverso 400 oggetti d’arte e di uso comune l’influenza di Alessandro in tutto il mondo allora conosciuto. (Fino al 18 marzo) www.hermitage.nl

MADRID

Al Prado di scena Rubens, 90 opere della collezioni del museo che ospita la principale raccolta mondiale delle opere del grande fiammingo (leggi articolo). (Fino al 23 gennaio) www.museodelprado.es

FRANCOFORTE

Alla Schirn KunsthalleCourbet: Ein Traum von der Moderne” (un sogno moderno) Il controverso e politicamente impegnato Gustave Courbet (1819-1877) era anche un sognatore. Lo scopo della mostra, che comprende circa 100 opere, è quello di smussare gli accenti realisti del suo lavoro e di rivelare l’introversa emozione e la solitudine del pittore infuso nei suoi lavori, siano essi figure o paesaggi. (Fino al 30 gennaio) www.schirn.de

BUDAPEST

Lo Szepmuveszeti Museum dedica una retrospettiva al colombiano Fernando Botero. Una cinquantina di grandi tele e cinque sculture in bronzo per ritrovare il morbido universo boteriano, i suoi colori brillanti le forme voluttuose delle figure umane, delle   nature morte e delle scene di strada dell’America Latina. (Fino al 23 gennaio) www.szepmuveszeti.hu

© Riproduzione riservata

Entertainment

Laura Pausini nuda in concerto, nega e risponde a tutti gli italiani

La reazione infuocata di Laura Pausini arriva su Facebook con un lungo messaggio, ecco tutto quello che c’è da sapere sulle conseguenze del suo incidente hot a Lima

Lifestyle

Jennifer Lawrence single, Nicholas Hoult l’ha lasciata

Jennifer Lawrence è stata lasciata dal suo storico fidanzato, il mondo del gossip trema!

Lifestyle

Leonardo DiCaprio si schiera dalla parte di Orlando Bloom e ride di Justin Bieber

Ad assistere alla rissa sfiorata tra Orlando Bloom e Justin Bieber a Ibiza c’era anche Leonardo DiCaprio che non ha fatto segreto per chi tifava, come riporta The Mirror

Entertainment

The Big Bang Theory si ferma, ancora nessun accordo con gli attori

Non è ancora stata trovata una soluzione riguardo l’aumento di salario richiesto da una parte del cast e le riprese dell’ottava stagione di Big Bang Theory vengono posticipate

Entertainment

Uomini e Donne anticipazioni Trono Classico/Trono Over puntata di oggi 1 Agosto

Oggi Uomini e Donne andrà in onda su Canale 5 trasmettendo una nuova puntata di “Uomini e Donne e poi” che sarà dedicata al Trono Classico con la terza parte del percorso di Anna Munafò, Emanuele Trimarchi e Marco Fantini

Entertainment

Osvaldo vicinissimo all’Inter, a ore l’annuncio

Osvaldo sarebbe vicino a vestire la maglia nerazzurra, con uno scambio alla pari con Taider

Tag