Assisi, Giotto com’era e com’è in una grande mostra evento

Dopo la notizia delle eccezionali scoperte sui volumi della pittura di Giotto compiuti alla Cappella Peruzzi in Santa Croce, a Firenze (leggi l’articolo), si torna […]

Dopo la notizia delle eccezionali scoperte sui volumi della pittura di Giotto compiuti alla Cappella Peruzzi in Santa Croce, a Firenze (leggi l’articolo), si torna a parlare di Giotto, di restauri e pitture murali. L’occasione è data dallo straordinario quanto innovativo evento che la città di Assisi dedicherà dal 10 aprile al 5 di settembre agli affreschi della Basilica di San Francesco. Titolo “I colori di Giotto. La Basilica di Assisi tra restauro e restituzione virtuale”.

L’esperienza è di quelle da non perdere perché consentirà di “mettere il naso” in un cantiere di restauro, d’ incontrare l’intimità delle pitture giottesche e poi di ritrovare, seppur virtualmente, assieme allo stupore per l’immutata bellezza delle Storie di San Francesco (uno dei cicli pittorici più importanti di tutta la storia dell’arte) quelle stesse pitture così come dovevano apparire ai contemporanei di Giotto. Storie di San Francesco, quelle che il pittore aveva voluto per raccontare del suo Santo Francesco, prima che il tempo ne spegnesse i toni preservandone però il fascino.

Principale artefice dell’iniziativa è Giuseppe Basile, capo dell’equipe dell’Istituto Centrale del Restauro a cui si deve il lavoro di restauro e di ricerca, grazie al quale è stato possibile realizzare l’evento che si sviluppa in più luoghi.  Un nome da citare è anche quello di Fabio Fernetti, più che un restauratore un artista. Il percorso ideale parte dal cantiere di restauro dei dipinti murali di Giotto nella Cappella di San Nicola nella Basilica Inferiore. Si salirà sui ponteggi, in gruppi rigorosamente contingentati, per ammirare da vicino “i colori di Giotto” come solo i restauratori possono vederli. Si prosegue con una visita alla Basilica Superiore dove una segnaletica ad hoc indicherà le 28 scene delle Storie Francescane. Tappa obbligata prima di passare al Palazzo del Monte Frumentario per vedere la mostra virtuale su Giotto com’era, che offrirà ai visitatori la possibilità di conoscere l’aspetto originale delle Storie di San Francesco, ricostruite grazie appunto all’Istituto Centrale del Restauro.  E per fare immediata comparazione tra quel che è era e quel che il tempo ha trasformato, sarà sufficiente toccare uno schermo e ritrovare l’immagine nel suo aspetto attuale. Come precisano gli organizzatori “la mostra rappresenta il primo esempio in assoluto di un recupero virtuale di un ciclo pittorico condotto alla luce di ricognizioni specialistiche dell’opera”. Nota a parte per l’affresco dedicato alla Benedizione della Regola di san Francesco da parte di papa Innocenzo III, scelto come immagine guida dell’evento per la ricorrenza del suo VIII centenario. L’immagine sarà riproposta in scala reale nella doppia versione “com’è e com’era” (ciascuna di circa 10 metri quadri), mentre in una sezione apposita un allestimento curato dal Consiglio Nazionale delle Ricerche, porterà il pubblico direttamente nella scena, resa in tre dimensioni coi personaggi che si animano e dialogano seguendo i movimenti dettati dal visitatore con il solo movimento del corpo.

Ci piace pensare che a Giotto tutto questo sarebbe piaciuto. L’esperimento di Assisi è certo tutto da verificare ma l’evento sembra di quelli destinati a richiamare un pubblico numeroso. Ci sarà chi storcerà il naso, e chi giurerà che Giotto non ha mai usato toni tanto brillanti. Altri parleranno di esperimenti azzardati, altri ancora manifesteranno timori per lo stato di conservazione degli “originali” sotto “l’assedio” di tanta gente. E se si trattasse, semplicemente, un modo per rendere fruibile e “popolare” il nostro patrimonio artistico? In un Italia che abbonda bellissimi e noiosissimi musei l’esperienza di Assisi merita d’essere seguita con la massima attenzione.

Assisi - Apparizione a Gregorio IX (Com'è)

Assisi - Apparizione a Gregorio IX (Com'è)

GIOTTO COM'ERA Assisi - Apparizione a Gregorio IX -Fabio Fernetti

GIOTTO COM'ERA Assisi - Apparizione a Gregorio IX -Fabio Fernetti

Assisi - Compianto delle Clarisse

GIOTTO COM'ERA Assisi - Compianto delle Clarisse - Fabio Fernetti

GIOTTO COM'E' Innocenzo III benedice Francesco e la sua Regla-Basilica di Assisi

GIOTTO COM'ERA Innocenzo III benedice Francesco e la sua Regola- Basilica di Assisi

Assisi - Fr4ancesco rinuncia agli averi

Assisi - Il sogno di Innocenzo III

Assisi - La Regola, il Carro di fuoco, la Visione dei troni

© Riproduzione riservata

Entertainment

Uomini e Donne streaming video puntata di oggi 1 Agosto – Marco Fantini, Anna Munafò ed Emanuele Trimarchi parte terza

Oggi a Uomini e Donne è andata in onda la terza parte del Trono Classico di Anna Munafò, la tronista che ha condiviso il suo percorso con Marco Fantini ed Emanuele Trimarchi

Lifestyle

Robert Pattinson e Kristen Stewart, nuove dichiarazioni sul loro amore

L’attore, a cui è dedicata la copertina di Esquire, ha rilasciato alcune importanti dichiarazioni sulla sua storica ex, eccole

Entertainment

50 sfumature di grigio, è già stato proiettato al cinema il trailer ufficiale HD, in Spagna – [VIDEO]

In spagna il trailer ufficiale di 50 sfumature di grigio è stato presentato nelle sale dei cinema, ecco il video con le reazioni dei fan

Entertainment

Temptation Island anticipazioni news e gossip – Laura Forgia e Nicolò Raniolo tronisti a Uomini e Donne

Temptation Island ha terminato la messa in onda la scorsa settimana ma, al due tentatori Laura Forgia e Nicolò Raniolo torneranno a video nel trono classico di Uomini e Donne

Entertainment

Beautiful anticipazioni americane – Deacon bacia Brooke

Ecco le novità provenienti direttamente dall’America che regaleranno nuove emozioni ai fan

Entertainment

Uomini e Donne news anticipazioni e gossip – Manfredi, Andrea Cerioli, Emanuele Trimarchi e Laura Forgia nuovi tronisti

Uomini e Donne riprenderà la nuova stagione del Trono Classico a Settembre e sembrerebbe che sul trono siederanno Manfredi Ferlicchia, Andrea Cerioli, Laura Forgia ed infine Emanuele Trimarchi

Tag