Se i quadri potessero parlare: la fanpage più amata di Facebook

Nata da poco, ma già con 306mila like. Ecco una delle fanpage più amate dagli utenti di Facebook.

Quali sono i requisiti per creare una fanpage di successo? Essere ingegnosi, attenti alle tendenze e ovviamente anche divertenti. Deve saperlo bene Stefano Guerrera che con la sua Se i quadri potessero parlare, nel giro di 10 giorni ha ricevuto:

– Più di 360mila like;

– Tra le 5 e le 7 fanpage fake: lo sanno tutti del resto, l’imitazione è la più alta forma di ammirazione;

– Un’intervista al Corriere della Sera;

– Il resto è soltanto qualcosa in divenire per cui siamo soltanto all’inizio.

Cantante di Caffé-Concerto, con guanto - Edgar Degas

Cantante di Caffé-Concerto, con guanto – Edgar Degas

 
Stefano Guerrera è ingegnere informatico di 25 anni, che per puro caso ha cominciato questa sua avventura che si è dimostrata vincente e che ha portato grandi risultati. Niente di troppo difficile, niente di assurdo, ma soltanto un po’ di fantasia e inventiva.

L’idea nasce semplicemente da opere d’arte e quadri che potrebbero voler dire più di quello che realmente fanno e solitamente è sufficiente guardarle per capire e Stefano Guerrera ci prova e indaga su Degas e anche su gli autoritratti, va oltre i capelli di Medusa e coglie quello che Picasso vuole trasmettere e infine ci svela anche un segreto: alla ragazza l’orecchino di perla proprio non piace.

 

Se i quadri potessero parlare Vermeer

La Ragazza con l’orecchino di perla – Vermeer

 

Ecco cos’ha raccontato al Corriere della sera:

“L’idea è nata per caso quando ho letto l’appello per riportare lla storia dell’arte nelle scuole (eliminata dal biennio delle superiori, ndr) – racconta Stefano -. Ho pensato: ora l’arte l’aiuto un po’ io”. Scatenando le risate: “Faccio un po’ quello che si faceva al liceo, quando si scherzava tra i banchi e alla fine questo è un modo per divulgare l’arte,no?”.

 

L'étoile - Edgar Degas

L’étoile – Edgar Degas

 

Stefano Guerrera è pugliese, ma vive e studia a Roma e spesso e volentieri è proprio il romano il dialetto da lui scelto per rivisitare le sue opere o meglio, per farle parlare. Per realizzare le immagini utilizza Snapchat, un’app che lui stesso descrive come:

“Di messaggistica che negli Stati Uniti è usatissima, mentre in Italia noi arriviamo sempre in ritardo”.

Insomma quella che è nata come una fanpage divertente, per giocare, adesso è un vero e proprio fenomeno virale che, tra l’altro, sembra essere uno dei più copiati di Facebook. Stando a quanto si evince on line, ormai ogni dialetto vuole far parlare i quadri e vuole che siano divertenti, ma Stefano resta unico! (b.p.)

 

Autoritratto con collana - Frida Kahlo

Autoritratto con collana – Frida Kahlo

 

Gossip

Justin Bieber smentisce il matrimonio con Selena Gomez: “Sono single, non cerco nessuno”

Justin Bieber, ospite nel noto talk-show statunitense, The Ellen DeGeneres Show, smentisce seccamente le presunte nozze con la sua storica ex, Selena Gomez. I tabloid statunitensi avevano […]

TV

Caterina Balivo accende l’albero di Detto Fatto per beneficenza

Caterina Balivo porta lo sfavilante Buon Natale di Detto Fatto ai bambini ricoverati nella clinica pediatrica De Marchi.

Gossip

Ludovica Valli ha un nuovo fidanzato? Pioggia di critiche per l’ex tronista

Dopo aver dichiarato di voler voltare pagina e ammesso la fine della relazione con Fabio Ferrara, Ludovica Valli alimenta i sospetti su un nuovo, presunto fidanzato, […]

TV

Francesco – Il Papa della gente: 7 e 8 dicembre 2016 su Canale 5

Arriva su Mediaset la miniserie dedicata al pontefice Jorge Mario Bergoglio firmata dal regista Daniele Luchetti.

Gossip

Madonna contro Lapo Elkann durante un’asta benefica

“La macchina è stata arrestata con il suo proprietario. Questi sono i problemi dei ricchi“.  L’ironia di Madonna che lo scorso 3 dicembre ha organizzato un […]

Film

I 10 film che hanno influenzato Rogue One: A Star Wars Story

Su un film importante come Rogue One: A Star Wars Story è stato detto di tutto, e chi ha voluto ad ogni costo collocarlo all’interno […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag