Kate Middleton, l’app del royal baby

Il bambino che tarda a nascere è già un piccola star internazionale

Kate Middleton non ha ancora partorito. Il royal baby tarda ad arrivare e in tutto il mondo cresce la curiosità che riguarda sia il sesso del nascituro sia il nome che porterà. Per quanto riguarda invece la carica che ricoprirà una volta cresciuto non ci sono dubbi. Il figlio di William e Kate sarà principe o principessa.

Essendo la nascita del royal baby un evento internazionale, interessa un po’ a tutto il mondo. Nell’era di Internet e degli smartphone è stata addirittura creata una app dedicata al futuro erede del trono d’Inghilterra. La “Royal Baby App” si può scaricare da iTunes e chi ne entrerà in possesso sarà sempre aggiornato sulla vita del bimbo. Dal momento del parto, saranno poi disponibili le prime foto del principino o della principessa, ai primi passi del primogenito del Principe William e della Duchessa Kate.

Nel frattempo il popolo della Regina Elisabetta continua a scommettere su quelli che saranno i possibili nomi che la coppia reale darà al bimbo. I più accreditati sono Alexandra e Charlotte se fosse femmina e George se dovesse nascere un maschietto; non sono però da escludere i nomi legati alla tradizione familiare come Elizabeth e Diana. Anche il sindaco di Londra, Boris Johnson, ha voluto dire la sua circa il nome del royal baby. Il primo cittadino ha twittato ai suoi 774.000 follower la seguente frase: “Ho sempre pensato che Boris fosse un bel nome per una bimba!”. Dalla Casa Reale non c’è stato nessun feedback riguardante questa goliardica uscita.

La nascita del royal baby ha intanto dato una scossa all’economia inglese. I sudditi di Sua Maestà hanno acquistato, oltre ai moltissimi gadget dedicati al bimbo, bottiglie di champagne, libri sul lieto evento e riviste. La gravidanza di Kate Middleton ha fatto arrivare nelle casse del Regno Unito la bellezza di 282 milioni di euro tanto che gli economisti hanno coniato un termine nuovo: “Effetto Kate“. Inoltre da quando è circolata la notizia che la coppia reale ha acquistato un passeggino di marca Bugaboo, l’azienda ha registrato un picco delle vendite. Ancora una volta Kate Middleton si è confermata come un’icona di stile.

Da giorni ormai l’ingresso del St. Mary Hospital di Londra, dove 31 anni fa Diana diede alla luce William, è assediato da fotografi e giornalisti provenienti da tutto il mondo. Il ritardo della nascita del royal baby sta facendo pensare che forse l’ospedale non sia quello giusto ma che Kate Middleton partorirà invece al Royal Berkshire Hospital di Reading il quale si trova vicino alla casa dei suoi genitori dove la Duchessa sta trascorrendo questi ultimi giorni. Se però il luogo della nascita sarà quello già annunciato, il “Telegraph” ha già organizzato una diretta streaming dalle 4 del mattino alle 11 di sera affinchè gli Inglesi non si perdano neanche un minuto prima dell’attesa e poi della presentazione ufficiale del royal baby. (s.e.)

TV

Il Segreto: sabato 1 ottobre, dopo la puntata Verissimo

Confermato l’appuntamento di sabato alle 15.15, a seguire ospite da Verissimo Sandra Cervera l’attrice che interpreta Emilia Ulloa.

Gossip

Eleonora Giorgi shock: penso alla clausura

Eleonora Giorgi, in occasione dell’uscita della sua autobiografia ‘Nei panni di un’altra‘, si confessa al settimanale Diva e Donna: “potrei entrare in convento, sono stanca e […]

Gossip

Grande Fratello Vip: Le liti

Gli scontri tra i Vip del Grande Fratello nei primi undici giorni della casa di Cinecittà, sono tra le donne. Protagoniste delle accese discussioni sono state: Marini contro […]

TV

Anticipazioni Squadra Antimafia 8: puntata 30 settembre 2016

Andrà in onda stasera la quarta puntata di Squadra Antimafia 8, dopo lo slittamento della fiction dal giovedì al venerdì…

TV

XFactor: alla terza puntata è già Polemica!

Dopo il secondo appuntamento è già bufera su XFactor, scopriamo di più sulla polemica che ha coinvolto il programma nel corso dell’ultima settimana…

Attualità

I magnifici 10 di Instagram

Instagram sta per compiere 6 anni. La prima versione risale infatti al 6 ottobre del 2010. E, in appena sei anni, è diventato il social […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag