“The girlfriend in a coma”, il MAXXI dice no alla prima: “E’ un film politico”

“The Girfriend in a coma” potrebbe turbare la serenità degli elettori, la prima al MAXXI slitterà

“Il MAXXI è un’istituzione pubblica nazionale vigilata dal Ministero dei Beni Culturali e, secondo una prassi consolidata e già attuata in altre occasioni, in campagna elettorale non può ospitare manifestazioni che, seppur promosse da soggetti esterni, a qualunque titolo potrebbero essere connotate di valenza politica.  Dal 26 febbraio, finita la campagna elettorale, il MAXXI sarà ben felice di ospitare qualunque manifestazione culturale; inclusa naturalmente la proiezione del documentario di Bill Emmott”. Con questa nota il Museo delle Arti del XXI secolo motiva lo stop imposto alla presentazione di The Girlfriend in a coma, il documentario col quale il giornalista inglese, già direttore de L’Economist (sua la celebre copertina di Berlusconi “inadatto” a governare), e opinionista de La Stampa, denuncia con la filmmaker Annalisa Piras lo stato di degrado dell’Italia, definita appunto “la fidanzata in coma”. Emmott si dice «attonito davanti a questa terribile e calzante dimostrazione della tesi centrale di “Girlfriend”, cioè, che il declino italiano stia rapidamente giungendo al punto di non ritorno» .

Credevamo d’avere toccato il minimo quando da Montecitorio era giunta la proposta di posticipare Sanremo perchè il festival della canzone avrebbe potuto interferire con le elezioni, avevamo riso (amaramente) del grottesco della situazione; oggi quest’altra “bastonata” agli italiani, alla libertà d’espressione, alla capacità di discernimento degli elettori che la politica dovrebbe almeno fingere di considerare.

«L’abuso, letteralmente la sospensione della cultura e della libertà della parola per semplice convenienza elettorale, senza nemmeno il conforto di una legge, è tale da togliere il fiato» dicono gli organizzatori, che invitano «i twitterati a twitterare, i facebookers a bookerare e chiunque ad alzare la propria voce».  Il documentario in fondo si configura come una dichiarazione d’amore per questo paese, denunciando uno stallo politico, culturale, sociale preoccupante: «Gli italiani stessi forse non se ne rendono conto, ma il loro è un Paese chiave per tutto l’Occidente – per certi versi ne definisce l’anima – e il collasso visibilmente in corso è una tragedia che pagheremo tutti, nei decenni e forse nei secoli» afferma il giornalista che nle film intervista numerose personalità della cultura, della politica, dell’economia, della società civile. (a.d)

 

 

Gossip

Mariah Carey: foto hot su Instagram

Gli scatti bollenti della cantante infuocano il web

TV

Pechino Express: con Silvia Farina la cavalcata diventa Hot

Da un’innocente cavalcata al bollino rosso, la serata di Rai 2 si fa calda con Silvia Farina…

Gossip

Serena Williams: 35 anni da urlo

Tanti auguri alla pantera del tennis!

TV

Anticipazioni Beautiful: Wyatt libera Liam

Wyatt scopre il rapimento di Liam e riesce finalmente a portarlo in salvo dopo mesi di prigionia….

TV

Grande Fratello Vip: Clemente Russo e il caso “friariello”

E’ polemica nella seconda puntata del Grande Fratello Vip, sotto accusa Clemente Russo, reo di aver definito Bosco Cobos “friariello”…

TV

Anticipazioni Un Posto al Sole: dal 26 settembre al 1 ottobre

Scopriamo cosa ci riservano le puntate di Un Posto al Sole per l’ultima settimana di settembre…

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag