Mostra del Cinema, William Friedkin Leone d’oro alla carriera

E’ stato attribuito al regista statunitense William Friedkin il Leone d’oro alla carriera della 70. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia (28 agosto – 7 settembre 2013).

La decisione è stata presa dal Cda della Biennale presieduto da Paolo Baratta, su proposta del Direttore della Mostra del Cinema Alberto Barbera.

Nella presentazione al Cda della proposta di Leone d’oro alla carriera, Alberto Barbera scrive che William Friedkinha contribuito, in maniera rilevante e non sempre riconosciuta nella sua portata rivoluzionaria, a quel profondo rinnovamento del cinema americano, genericamente registrato dalle cronache dell’epoca come la Nuova Hollywood. Dopo aver scardinato le regole del documentario con alcuni lavori televisivi impostisi per lo sguardo asciutto, spietato e imprevedibile, Friedkin ha rivoluzionato poi  due generi popolari come il poliziesco e l’horror, inventando di fatto il blockbuster moderno con Il braccio violento della legge (1971, premiato con cinque Oscar, tra cui miglior film e miglior regia) e L’esorcista (1973, nominato a dieci Oscar). E’ stato poi autore di film in anticipo sui tempi come Il salario della paura (Sorcerer, 1977), Cruising (1980), Vivere e morire a Los Angeles (1985) e Jade (1995, presentato alla Mostra di Venezia in Notti veneziane), alcuni dei quali solo in seguito ampiamente rivalutati come autentici capolavori”.

Friedkin ha ottenuto di recente un grande successo di critica e pubblico alla Mostra di Venezia 2011 con Killer Joe, presentato in Concorso. “Venezia, specialmente durante la Mostra, è una casa spirituale per me – ha dichiarato William Friedkin -. Il Leone d’oro alla carriera è qualcosa che non mi sarei mai aspettato, ma sono onorato di accettarlo con gratitudine e amore”.

 

William Friedkin riceverà il riconoscimento durante la 70. Mostra di Venezia (28 agosto – 7 settembre 2013), dove presenterà il restauro de Il salario della paura (Sorcerer, 1977), appositamente realizzato dalla Warner Bros.

Approccio originale a Vite vendute (Wages of Fear) di Henri-Georges Clouzot (anch’esso adattamento del romanzo di Georges Arnaud scritto nel 1950), Il salario della paura sposta gli immancabili scenari urbani di Friedkin nella profondità della giungla sudamericana, dove la passione del regista per il realismo, e il suo inappuntabile istinto per la suspense, convergono con magistrale effetto nella leggendaria, angosciante scena dell’attraversamento del ponte. Produzione già difficile di per sé, Il salario della paura è stato un film molto discusso quando uscì (una settimana dopo Guerre stellari di George Lucas). Da allora è diventato uno dei titoli di Friedkin più acclamati dalla critica e uno dei meno facili da riuscire ad ammirare sul grande schermo. “Considero Il salario della paura il mio film più personale e il più difficile da realizzare – ha dichiarato Friedkin -. Sapere che sta per avere una nuova vita al cinema, è qualcosa di cui sono profondamente riconoscente.  Il fatto poi che il film abbia la sua prima mondiale alla Mostra di Venezia, è qualcosa che attendo con grande gioia. E’ una vera resurrezione di Lazzaro”.

 

Il restauro de Il salario della paura da parte della Warner Bros. è cominciato con una scansione in 4K del negativo originale in 35mm. Il progetto di restauro è stato completato sotto la guida di William Friedkin assieme al colorista Bryan McMahan, che ha lavorato con Friedkin sin dal 1994, e a Ned Price della Warner Bros., che supervisiona i progetti di restauro per lo Studio. “Ero stupefatto della brillantezza della fotografia originale – ha dichiarato Ned Price –. Finora avevo visionato solo copie cinematografiche in 35mm di bassa qualità provenienti da duplicati negativi con sottotitoli. Avendo lavorato con il negativo originale, si permetterà finalmente al pubblico di apprezzare l’impatto visivo di questo film”.

Nella motivazione del premio, Alberto Barbera scrive inoltre che Friedkin ha manifestato negli anni “una fedeltà rischiosa ai propri ideali che, allontanandolo dal centro del cinema hollywoodiano, lo ha spinto a cercare nel cinema indipendente quella libertà necessaria a perseguire la ricerca di un linguaggio fatto di spiazzamenti continui, di istinto visivo folgorante, visionario, allucinatorio, eppure insaziabilmente affamato di realtà anche quando sembra perdersi nel delirio cinetico, astratto e perfezionistico delle prepotenti sequenze d’azione e d’inseguimento che caratterizzano la sua opera in maniera emblematica. William Friedkin rappresenta ancora oggi l’esempio di un cinema esigente, intellettualmente onesto, emotivamente intenso, programmaticamente avventuroso ed erratico: un antidoto potente e generoso al crescente livellamento del cinema contemporaneo”.

 

E’ stata pubblicata da pochi giorni negli Stati Uniti la sua autobiografia, The Friedkin Connection (HarperCollins), che Bompiani sta traducendo in italiano e che presenterà a Venezia in anteprima.

 

William Friedkin – Nota biografica

Veterano della televisione in diretta negli anni ’50, Friedkin si è dedicato al documentario a metà degli anni ’60. Un’esperienza che lo ha portato all’inquietante realismo de Il braccio violento della legge (The French Connection, 1971) e alla bellezza spaventosa de L’esorcista (The Exorcist, 1973) e Il salario della paura (Sorcerer, 1977). “Quello che cerco di fare con ogni nuovo film, prima ancora di impressionare un solo fotogramma, è di immergermi completamente nell’argomento”, ha dichiarato Friedkin.

Nel 1971, il suo Il braccio violento della legge (The French Connection) è stato accolto da un consenso critico generale. Girato con uno stile più documentario che hollywoodiano, il film ha vinto cinque Oscar, inclusi quelli per il miglior film e la miglior regia.

Friedkin ha realizzato in seguito L’esorcista (The Exorcist, 1973), tratto dal best-seller di William Peter Blatty, un film che ha rivoluzionato il genere horror ed è considerato da alcuni critici il più importante horror di tutti i tempi. L’esorcista è stato nominato a 10 Oscar, inclusi quelli per il miglior film e la miglior regia. Ha vinto l’Oscar per la miglior sceneggiatura.

Il suo poliziesco d’azione Vivere e morire a Los Angeles (To Live and Die in L.A., 1985) ha vinto il premio del pubblico al Cognac Film Festival. Interpretato da William Petersen e Willem Dafoe, è stato apprezzato dalla critica ed è stato favorevolmente paragonato a Il braccio violento della legge.

Friedkin ha iniziato a dirigere opere liriche nel 1998 con un’applaudita versione del Wozzeck di Berg al Maggio Musicale fiorentino.  Ha proseguito nel 2002 con un doppio programma all’Opera di Los Angeles composto da Il castello del duca Barbablù di Bartok e Gianni Schicchi di Puccini.  Nel 2004, sempre all’Opera di Los Angeles, ha diretto Arianna a Nasso di Strauss. Altre opere includono:  2005, Sansone e Dalila di Saint-Saëns alla New Israeli Opera di Tel Aviv, e l’Aida di Verdi al Teatro Regio di Torino;  2006/07, Il castello del duca Barbablù/Gianni Schicchi alla Washington National Opera al Kennedy Center; alla Bayerische Staatsoper di Monaco di Baviera, nuove produzioni della Salome di Strauss e la prima mondiale di Das Gehege di Wolfgang Rihm; 2008, doppio programma di Suor Angelica/Il Tabarro all’Opera di Los Angeles.  Il 2011 ha segnato il ritorno di Friedkin al Maggio Musicale fiorentino, con The Makropulos Case di Leos Janácek.  Nel 2012 ha diretto I racconti di Hoffmann di Offenbach al Teatro di Vienna.

Negli ultimi due decenni, Friedkin è tornato alle sue radici nel dramma televisivo con la regia di La parola ai giurati (12 Angry Men) e di alcuni episodi di Csi: scena del crimine (Csi: Crime Scene Investigation). Ha inoltre diretto film d’azione come Regole d’onore (Rules of Engagement, 2000) e The Hunted – La preda (2003); Bug (2006), che ha vinto il premio Fipresci a Cannes, e il suo film più recente, Killer Joe con Matthew McConaughey ed Emile Hirsch, distribuito nel 2012.

(r.d)

Gossip

Uomini e donne: Sonia Lorenzini è la nuova tronista

L’ex corteggiatrice di Claudio D’Angelo, sale sul trono: è Sonia Lorenzini la nuova tronista ! La bella 27 anni di Mantova, chiuso definitivamente il capitolo Claudio, è […]

Gossip

Uomini e donne, oggi la scelta finale di Claudio D’Angelo: il tronista ritorna in trasmissione.

Colpo di scena a Uomini e Donne, il tronista Claudio D’Angelo che nell’ultima puntata aveva annunciato di voler abbandonare il programma, è tornato nella trasmissione con […]

Gossip

Bufera su Jennifer Lawrence: “Mi sono grattata il sedere su alcune rocce sacre”, video

L’attrice Jennifer Lawrence,  ospite nel programma britannico al “The Graham Norton Show”, racconta di un prurito inarrestabile al sedere, placato da una grattata su alcune rocce […]

Film

Riccardo e la dedica a Camilla su Instagram: “Questo cielo è per te”

“…Ti dedico il cielo sopra Roma…” Questa la dedica dell’ex tronista Riccardo Gismondi a Camilla Mangiapelo sul profilo ufficiale Instagram dell’ex tronista. Al momento i due ragazzi […]

TV

Bake Off Italia presenta una Celebrity Edition

Stasera, 9 dicembre 2016, Real Time presenta una speciale puntata con tanti protagonisti Vip.

Film

Gli attori pagati troppo del 2016: in testa per il secondo anno consecutivo Johnny Depp

Come ogni anno, il magazine Forbes ha stilato la lista degli attori meno redditizi del cinema. Al primo posto, ancora una volta, Johnny Depp. La […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag