Mostra del cinema di Venezia, uno sguardo al made in Italy

C’è sempre molto da dire su un grande festival cinematografico, e se talvolta la cornice è quella che attira le attenzioni dei cinefili più all’acqua […]

C’è sempre molto da dire su un grande festival cinematografico, e se talvolta la cornice è quella che attira le attenzioni dei cinefili più all’acqua di rose – vedi le star in passerella, i party e le immancabili polemiche – nel tempo quel che resta sono i film, solo i film. Fortunatamente. Nessuno più ricorda da quanto tempo George Clooney, tanto per fare un nome non a caso, manchi dalla Mostra di Venezia, (c’è stato l’anno scorso ed è praticamente un habitué), eppure tutti sanno che quest’anno George, protagonista del film fuori concorso “The men who stare at goats” di Grant He­slov farà la sua passerella al Lido. E ci fermiamo, non è dei vip che vogliamo parlare – almeno al momento – ma piuttosto dei film. Complessivamente la 66ma Mostra d’arte cinematografica ne propone 75 solo nelle quattro sezioni ufficiali. Di questi 22 sono gli italiani e, bel successo, 17 americani. Dettaglio che va sottolineato, poiché inutile negarlo, le presenze di Hollywood fanno sempre prestigio. Come Cannes dimostra.
E invece ora ci soffermiamo sugli italiani. Veneziafs

Partiamo dal poker in gara nella sezione ufficiale:

Giuseppe Tornatore: Baaria – la porta del vento, è il film d’apertura della Mostra, un omaggio che il regista rende alla sua terra (Baaria è il nome originario di Bagheria, paese natale di Tornatore) attraverso storie dell’infanzia.

Michele Placido: Il Grande sogno. Storia di un ’68 visto dalla parte “sbagliata”, con gli occhi di un poliziotto che sogna di fare l’attore e che si ritrova a vivere da infiltrato nel mondo della contestazione studentesca.

Francesca Comenicini: Lo spazio bianco. Tratto dal romanzo di Valeria Parrella è la storia di Maria, insegnante quarantenne che partorisce al sesto mese di gravidanza una bimba. Lo spazio bianco è quel limbo lungo 3 mesi nell’attesa che la piccola rinasca.

Giuseppe Capotondi: La doppia ora. Film d’esordio di un Capotondi già lodato da più parti, La doppia ora è stato definito “un horror dell’anima”, una misteriosa storia che si dipana a Torino con protagonista una donna al centro di intrighi pericolosi.

Spulciando  tra i programmi delle altre sezioni collaterali, i motivi d’interesse non mancano, anche in questo caso ci limitiamo solo agli italiani riservandoci ulteriori approfondimenti.19_Giornata tipo copia

Tra i documentari da segnalare “Il Piccolo” di Maurizio Zaccaro, che celebra Il Piccolo teatro di Milano, oppure “Armando Testa – Povero ma moderno” raccontato da Pappi Corsicato e il “Francesco De Sanctis” di Carlo Lizzani.

Controcampo italiano, con 7 prime mondiali, le attese si accentrano particolarmente su “Il Compleanno” di Marco Filiberti, con Alessandro Gassman.

Nel corposo carnet delle retrospettive, la proiezione la sera prima dell’apertura del Festival del restaurato La Grande Guerra di Monicelli; oppure, “Guerra alla Guerra”  documentario su Pio XII sceneggiato da Diego Fabbri e Cesare Zavattini e ancora La fiamma che non si spegne, di Vittorio Cottafavi, sul sacrificio di Salvo D’Acquisto.

Per Venice Days – Giornate degli autori, la rassegna parallela dedicata al cinema indipendente, tra le 12 proiezioni in competizione segnaliamo quella in prima mondiale di L’amore e basta, un documentario di Stefano Consiglio che racconta nove storie di legami omosessuali. Ad introdurre ogni storia è Luca Zingaretti.

E infine, per Corto Cortissimo, sezione che sarà aperta da Plastic Bag (vedi articolo) del regista statunitense Ramin Bahrani , da notare il ritorno di Tinto Brass.

I 18 Lungometraggi italiani presentati alla 66. Mostra nella Selezione Ufficiale

Francesca COMENCINI, Lo spazio bianco (Venezia 66)

Giuseppe CAPOTONDI, La doppia ora (Venezia 66)

Michele PLACIDO, Il grande sogno (Venezia 66)

Giuseppe TORNATORE, BAARÌA (Venezia 66)

Abel FERRARA, Napoli Napoli Napoli (Fuori Concorso)

Francesco MASELLI, Anni luce (Fuori Concorso)

Giuliano MONTALDO, L’oro di Cuba (Fuori Concorso)

Roman PASKA, John TURTURRO, Prove per una tragedia siciliana (Fuori Concorso)

Luca GUADAGNINO, Io sono l’amore (Orizzonti)

Marco Simone PUCCIONI, Il colore delle parole (Orizzonti)

Vincenzo TERRACCIANO, Tris di donne & abiti nuziali (Orizzonti)

Toni D’ANGELO, Poeti (Controcampo Italiano)

Francesco DEL GROSSO, Daniele ANZELLOTTI, Negli occhi (Controcampo Italiano)

Marco FILIBERTI, Il Compleanno (Controcampo Italiano)

Valerio MIELI, Dieci inverni (Controcampo Italiano)

Susanna NICCHIARELLI, Cosmonauta (Controcampo Italiano)

Marco SPAGNOLI, Hollywood sul Tevere (Controcampo Italiano)

Maurizio ZACCARO, Il Piccolo (Controcampo Italiano)

Lungometraggi documentari italiani

Giuliano MONTALDO, L’oro di Cuba (Italia, Fuori Concorso)

Marco Simon PUCCIONI, Il colore delle parole (Italia, Orizzonti)

Pappi CORSICATO, Armando Testa – Povero ma moderno (Italia, Orizzonti Eventi)

Elisabetta SGARBI, Deserto Rosa – Luigi Ghirri (Italia, Orizzonti Eventi)

Maurizio ZACCARO, Il Piccolo (Italia, Orizzonti Eventi)

(Continua…) (a cura di Antonella Durazzo)

TV

Anticipazioni Una Vita: quale sarà il destino di German?

German e Manuela sono morti, eppure anticipazioni spagnole fanno sperare in un ritorno della Manzano, cosa ne sarà invece del suo amato Medico?

Gossip

L’ultima esterna di Claudio e Mario: video

Claudio e Mario “paparazzati” da una fan nell’ultima esterna insieme a Napoli. L’esterna è stata registrata tre giorni fa, i due ragazzi erano nel capoluogo campano […]

TV

Il Segreto Anticipazioni Spagnole: Francisca ha ucciso Salvador Castro

Anticipazioni provenienti dalla Spagna scagionano Soledad, non è lei ad aver ucciso Salvador Castro…

Gossip

Nove mila euro alla Arcuri per accendere un albero di Natale

Sarà Manuela Arcuri la madrina per l’accensione dell’Albero di Natale a Salerno. Un evento tradizione che da il via ai festeggiamenti pubblici organizzati nella città ogni […]

Musica

Tiziano Ferro raddoppia i concerti a Roma e Milano

Il 2017 segnerà l’atteso ritorno live di Tiziano Ferro. Dopo il grande tour negli stadi italiani e nei palazzetti europei del 2015, Tiziano torna finalmente […]

Gossip

Uomini e donne, oggi la scelta di Claudio Sona!

L’attesa è finita. Oggi, Venerdì 2 Dicembre, si concluderà il trono gay di Uomini e Donne con la scelta di Claudio.  Scelta che sarà tra […]

2 commenti su “Mostra del cinema di Venezia, uno sguardo al made in Italy”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag