Mostra del Cinema, ciak

Ci siamo la Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia 2013 taglia stasera il nastro, George Clooney e Sandra Bullok, le star di Gravity e della serata inaugurale sono già in laguna e tra qualche polemica di troppo e molte attese – nonostante tutto – l’edizione numero 70 è al varo, madrina Eva Riccobono

 

NON FACCIAMOCI DEL MALE

 Bravi come nessuno a farci del male, la stampa anche quella nazionale ha sparato a zero sulla Mostra del Cinema, dandola praticamente per morta. Ma il festival cinematografico più antico del mondo, piaccia o non piaccia è un bene nazionale e andrebbe salvaguardato. “Venezia non perde terreno è ancora il festival del cinema che fa tendenza. Le star certo non mancano. Ci sono venti anteprime mondiali, e ”non ha nessun complesso verso gli altri festival, a cominciare da Toronto”, è la strenua difesa del direttore Alberto Barbera e ”Non è vero che i film italiani non vengono a Venezia, siamo noi a sostenere il cinema italiano”, dice all’Ansa (il riferimento più chiaro è al film di Lucchetti che sarà in gara al concomitante festival di Toronto) rivendicando il fatto che ancora una volta, nel tentativo di portare al Lido red carpet mediaticamente intriganti non si sia voluto perdere di vista la qualità, la connotazione di Mostra d’arte, che caratterizza l’evento cinematografico sin dalla nascita. E infatti aggiunge “(E’) una Mostra coraggiosa, perché abbiamo fatto scelte radicali. Ad esempio, ci saranno in concorso due documentari e due film che definirei estremi, in cui viene dissolto il concetto di narrazione cosi come lo conosciamo”.

Paolo Baratta Photo: Francesco Galli Courtesy: la Biennale di Venezia

Paolo Baratta Photo: Francesco Galli Courtesy: la Biennale di Venezia

I film “estremi”  sono: Jiaoyou di Tsai Ming-Liangdove c’é solo contemplazione e la profondità sta dentro l’inquadratura, nell’immagine che sei costretto a guardare per molti minuti e ti fa ritrovare la densità del mondo. Qualcosa che lo spettatore di oggi non è più abituato a fare” e  Die frau des polizisten di Philip Groningche ci ha sempre messi di fronte a una sfida. L’ultima volta con un film muto, sull’estraniazione dal mondo. Questo invece fa esplodere il racconto in frammenti che toccherà allo spettatore rimettere insieme come in un puzzle. Centosettantacinque minuti da vedere tutti dall’inizio alla fine. Un film duro, tecnicamente bellissimo”, spiega Barbera.

Alla ricerca dell’equilibrio perfetto (comune a tutti i grandi festival) tra mondanità e curiosità, chicche cinefile e film nati per fare incassi, polemiche, star e stelline, una quasi certezza c’è:  nei prossimi giorni ci sarà molto da raccontare e da vedere…

 

LA NUOVA FRONTIERA: I DOCUMENTARI   

 

Nei giorni scorsi vi abbiamo segnalato quelli che, a nostro parere, saranno i film destinati a fare colpo in questa 70ma edizione della Mostra ma tra gli elementi principali d’interesse assistiamo l’irruzione, per la prima volta, dei documentari nel concorso internazionale. Un termometro di questi tempi che chiedono realtà, per un genere che negli ultimi anni – grazie anche a festival come il Sundance – ha avuto un’espansione notevolissima, confermandosi come strumento narrativo del tutto autonomo e non privo in molti casi di valenze artistiche. Per il presidente della Fondazione Biennale, Paolo Baratta: ” I doc in concorso sono un segno di questo tempo di crisi, ci sono epoche nelle quali la gente sente il bisogno di realtà, di vedere il mondo con un occhio più ricco, piuttosto che fantasticare. Quando le cose vanno bene tutti abbiamo voglia di avventura ma oggi c’è desiderio di maturare, di cercare nel vissuto una riscoperta di noi stessi attraverso una maggior consapevolezza“.

I documentari in concorso sono The unknown known di Errol Morris, ritratto di Donald Rumsfeld, uno dei grandi architetti della guerra in Iraq, e Sacro GRA di Gianfranco Rosi, un’odissea sul Grande Raccordo Anulare di Roma che porta l’autore a scoprire i mondi invisibili che abitano questo universo circolare. Fuori concorso troviamo uno dei titoli più attesi Che strano chiamarsi Federico – Scola racconta Fellini, il documentario col quale Ettore Scola (per lui il premio Jaeger Le Coultre Glory to filmmaker) rende omaggio alla memoria del regista riminese a 20 anni dalla scomparsa. Spettatore d’eccezione il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, a Venezia venerdì 6 settembre e sabato 7.

 

COSTI E APPEAL

 

Costa 12 milioni di euro la 70ma Mostra del Cinema, 7.5 milioni dei quali finanziati direttamente dallo Stato. Vietato storcere il naso, sarebbe inconcepibile per la dignità di questo Paese rinunciarvi o ridimensionare l’evento.

 

 

PARTY  E LEGGEREZZA

 

E come per ogni Festival che si rispetti feste ed eventi mondani a go go. Ad aprire le danze, ieri sera, un riservatissimo party organizzato da un gruppo di magnati inglese che ha visto come sopite d’onore Robbie Williams e la sua band. Ha alloggiato all’hotel Gritti (come mostra la foto postata da Twitter) tenendo un concerto alla Scuola Grande della Misericordia. Nota di cronaca: il Comune ha intascato da questa operazione 60mila euro.

robbie-williams-venezia

Ieri altri due party esclusivi: il cocktail al Danieli in onore di Bernardo Bertolucci organizzato da Variety e l’altro alla Palazzina G (il luxury hotel veneziano disegnato da Philippe Starck) organizzato da Uomo Vogue e Franca Sozzani in onore delle giurie della Mostra. Presente Marina Abramovic.

Passiamo a stasera con la tradizionale cena ufficiale di apertura a inviti della 70ma Mostra, organizzata dalla Biennale al termine della proiezione in Sala Grande di ‘Gravity’ di Alfonso Cuaron. A seguire alla Terrazza Maserati, party after dinner per l’inaugurazione della Mostra.

Alla Palazzina G, altro after dinner con l’official party in onore di George Clooney e di Sandra Bullock, protagonisti di ‘Gravity’. Fino al termine della Mostra, alla Palazzina G, cura gli eventi Bungalow 8, il club di Londra e New York  che calamiterà le star in cerca di svago. L’accesso sarà solo su invito. E non è tutto, ma abbiamo 10 giorni per parlarne.

(a.d)

 

TV

Anticipazioni Una Vita: quale sarà il destino di German?

German e Manuela sono morti, eppure anticipazioni spagnole fanno sperare in un ritorno della Manzano, cosa ne sarà invece del suo amato Medico?

Gossip

L’ultima esterna di Claudio e Mario: video

Claudio e Mario “paparazzati” da una fan nell’ultima esterna insieme a Napoli. L’esterna è stata registrata tre giorni fa, i due ragazzi erano nel capoluogo campano […]

TV

Il Segreto Anticipazioni Spagnole: Francisca ha ucciso Salvador Castro

Anticipazioni provenienti dalla Spagna scagionano Soledad, non è lei ad aver ucciso Salvador Castro…

Gossip

Nove mila euro alla Arcuri per accendere un albero di Natale

Sarà Manuela Arcuri la madrina per l’accensione dell’Albero di Natale a Salerno. Un evento tradizione che da il via ai festeggiamenti pubblici organizzati nella città ogni […]

Musica

Tiziano Ferro raddoppia i concerti a Roma e Milano

Il 2017 segnerà l’atteso ritorno live di Tiziano Ferro. Dopo il grande tour negli stadi italiani e nei palazzetti europei del 2015, Tiziano torna finalmente […]

Gossip

Uomini e donne, oggi la scelta di Claudio Sona!

L’attesa è finita. Oggi, Venerdì 2 Dicembre, si concluderà il trono gay di Uomini e Donne con la scelta di Claudio.  Scelta che sarà tra […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag