Caldera, luci e ombre dell’animazione indipendente

Ispirato dalla lotta del padre del regista con il fantasma della schizofrenia

“Caldera is inspired by my father’s struggle with schizoaffective disorder. In states of delusion, my father has danced on the rings of Saturn, spoken with angels, and fled from his demons.”Evan Viera

Quello dei cortometraggi d’animazione è un mondo perennemente in bilico tra due realtà complementari: da un lato le grandi case di produzione, tra le quali figurano le celebri Pixar e Dreamworks, dall’altro l’ampio universo delle produzioni indipendenti.

Evan Viera, già vincitore dello Scene First Student Film Festival con il suo Sycamore Eve, è uno dei maggiori portabandiera dell’animazione a basso costo e lo ha ribadito con la sua opera ultima, Caldera, cortometraggio in computer grafica scritto a quattro mani con Chris Bishop e prodotto da Chris Perry. Presentato in concorso ad alcune delle più importanti manifestazioni internazionali legate al mondo dell’animazione, Caldera ha vinto tra gli altri il premio come Best Short Animation al Rome Independent Film Festival del 2012.

L’opera di Evan Viera si pone in veste di riflessione astratta sul confine che separa realtà ed immaginazione, bene e male, in un viaggio che raggiunge come approdo ultimo l’annullamento dell’identità intesa come equilibrio degli opposti.

Viera accompagna lo spettatore in un viaggio onirico che si regge sull’introspezione psicologica: tema conduttore dell’opera è la malattia mentale, simbolicamente intesa come spinta propulsiva al superamento della dicotomia razionale-fantastico.

E’ proprio in virtù della sua psicosi che la protagonista di “Caldera” riesce a trascendere la condizione di essere misero e solitario cui la prima parte dell’opera sembra condannarla, in un percorso che inizia con una scelta, la rinuncia agli psicofarmaci, e culmina con l’immersione nelle acque purificatrici di un lago sulla cui superficie si riflette l’immensità del cielo stellato, e che rappresenta il punto di congiunzione ideale tra cielo e terra.

La catarsì è però solo apparente, su ammissione dello stesso autore: il finale aperto del cortometraggio, infatti, lascia allo spettatore -così come alla protagonista- la libertà di scegliere tra il bello e l’orrido, la realtà e la fantasia, la sanità e la psicosi.

E’ proprio questa decisione a lasciare perplessi: all’innegabile suggestione dell’opera e al sense of wonder suscitato dall’impalcatura audio-visiva (notevoli le musiche ad opera dello stesso Viera) si contrappone infatti un senso di incompiutezza che potrebbe lasciare gli spettatori più attenti con l’amaro in bocca. (a cura di St.S.)

CGI Award-Winning Animated Short Film HD: “CALDERA” by Evan Viera

Gossip

Brad Pitt invita l’ex moglie Jennifer Aniston a cena ma lei rifiuta

Stando a quanto riportano i magazine di gossip, e in particolare la rivista britannica Heat, Brad Pitt sarebbe stato “friendzonato” dalla sua ex moglie, Jennifer […]

TV

Anticipazioni Americane Beautiful: Caroline torna da Thomas

Anticipazioni Americane della soap Beautiful, rivelano che presto assisteremo ad un ritorno di fiamma tra Caroline e Thomas.

TV

Stasera Casa Mika ultima puntata: martedì 6 dicembre 2016

Stasera, l’ultima puntata del One man show condotto da Mika, ospiterà un grande nome della musica internazionale: Kylie Minogue.

Musica

Guns N Roses tutti i dettagli sul concerto di Imola a Giugno 2017

Dopo tanta attesa finalmente è stata confermata l’unica data italiana del tour europeo dei Guns N’ Roses. Il gruppo sarà a Imola il 10 Giugno 2017 […]

TV

Anticipazioni Un Posto al Sole: da lunedì 5 a venerdì 9 dicembre 2016

Scopriamo cosa ci riservano le trame della soap Un Posto al Sole per la prima settimana del mese di dicembre.

TV

Anticipazioni Il Segreto: da lunedì 5 a sabato 10 dicembre 2016

Scopriamo le anticipazioni della soap Il Segreto per la prima settimana di dicembre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag