La Pasqua, la primavera e sua maestà la Pastiera

I bambini non sanno spiegarsi perché Dio muore ogni anno ma hanno abbastanza fantasia per comprendere la Resurrezione. Sanno quindi che la Pasqua ritorna, ogni […]

I bambini non sanno spiegarsi perché Dio muore ogni anno ma hanno abbastanza fantasia per comprendere la Resurrezione. Sanno quindi che la Pasqua ritorna, ogni anno, col suo carico di misteri – altra cosa che non si spiegano è perchè non capiti sempre nello stesso giorno – di processioni, precetti, riti e uova di cioccolato.

Uova e molto, molto di più, la Pasqua mangereccia, che porta in sé la sinfonia della primavera, strabocca di profumi e sapori. Viaggio interminabile quello che mira a esplorare tutte le tradizioni gastronomiche che da Nord a Sud accompagnano la festa: tra pani dolci e salati, colombe o “palomme” (al Sud), sfomati e torte di verdure (la celeberrima pasqualina su tutte); tra abbacchi, capretti o agnelli che siano; salumi pregiati, ricotte freschissime o stagionate ma purchè di pecora; carciofi, piselli, fave, uova e tenerissime cicorie, la tavola di Pasqua non solo gronda di una moltitudine di sapori, ma è la celebrazione stessa della stagione primaverile. Stagione della rinascita che con la Resurrezione almeno è imparentata. E se in ciascuno degli ingredienti della tavolozza gastronomica pasquale c’è il simbolo della vita che rinasce, una preparazione su tutte ne è la sintesi più guduriosa, la sinfonia più armonica: la Pastiera napoletana.

Per questo motivo proponiamo parte di un articolo pubblicato lo scorso anno (lo dichiariamo, per onestà), perché antica è la Pastiera, ma sempre nuova, come la Primavera che accompagna.  Un articolo utile a chi, in questi giorni si volesse cimentare con la squisita preparazione.

La Pastiera, dolce di pastafrolla, ricotte, uova e grano, nato ufficilamente a Napoli  nell’antichissimo monastero di San Gregorio Armeno dove le monache vollero celebrare la Risurrezione crando un dolce che fosse carico di simboli. Un dolce che unisse il profumo dei fiori dell’arancio del giardino conventuale con la bianca ricotta ed il grano e le uova, simbolo di nuova vita, l’acqua di mille fiori odorosa come la primavera, col cedro e con le spezie asiatiche.

La Pastiera è così diventata il simbolo stesso della Pasqua a Napoli, famosissima, complessa ma neanche difficile da preparare, se si seguono le regole.

LA PASTIERA A REGOLA D’ARTE

La precisione di un monaco certosino e la passione di un alchimista medievale: ecco cosa serve per differenziare una Pastiera che tale voglia dirsi da un comune dolce di ricotta e cedro. Il giovedì Santo, nelle case napoletane il rito si perpetra. E’ in questa giornata che la Pastiera che sarà consumata a Pasqua – non prima per carità – trova il momento ideale per venire alla luce. La pasta frolla preparata un giorno prima e tenuta in fresco, la ricotta e lo zucchero fusi in una morbida crema; il grano, riscaldato nel latte e appena condito con un po’ di burro e scorza di limone, le uova fresche (tuorli e intere), la scorzetta di cedro tagliata sottilissima. La magia lentamente si compone nella grossa ciotola attraverso movimenti immutati che con riconoscono l’uso di mixer e di fruste elettriche. Tutto ciò prima che arrivi il difficile. Il primo momento saliente sta nel giusto dosaggio degli aromi (acqua di fiori d’arancio, cannella, vaniglia); da aggiungere poco a poco, tanto per andare più sicuri; segue la distesa della sfoglia nelle teglie (senza romperla), quindi il disegno dei rombi sulla superficie con le strisce di frolla (che non siano quadrati, insopportabile eresia) e infine, la cottura. Una cottura a temperature non superiori ai 200 gradi e che nel suo lento procedere rilasci nell’aria profumi persistenti. Domenica la pastiera sarà “matura” al punto giusto per essere gustata in tutta la sua esuberante bontà; il grano e la ricotta saranno perfettamente compattati all’armatura  di pasta frolla, lo zucchero, caramellatosi nel forno, avrà fissato sul dolce una naturale lucidità e le essenze si saranno perfettamente fuse per dare luogo ad un inconfondibile bouquet.

E per ottenere una Pastiera come festa comandi, qualche dritta serve. Una buona cottura è essenziale, dunque forno a 200 gradi per un tempo di almeno 70 minuti. Ma questa è solo la fine di una parabola che parte con la scelta degli ingredienti, tutti di primissima qualità, a partire dalla ricotta che deve essere un po’ grassa. Di pecora o piuttosto di latte vaccino, vanno bene entrambe. Anche l’ingrediente che sembra solo un accessorio, tanto da consigliare a molti l’idea di eliminarlo, ovvero le scorzette di cedro condite, deve essere scelto con la massima attenzione. Accuratamente da evitare quelle asciugate con anidride solforosa, procedimento innaturale che ne incrementa l’acidità. La ricetta esatta della Pastiera? Non ne esiste una, in ogni famiglia la composizone degli ingredienti conosce delle variazioni che si ripercuotono sul risultato finale. Nell’infinità di ricette scaricabili in rete questa è da consigliare (http://www.gennarino.org/pastiera.htm).

Alla fine di tutto non resta che scegliere il momento migliore gustare una Pastiera realizzata con tanta cura. Dopo pranzo? Non è il caso, la sazietà la svilisce. Come ben sanno gli estimatori, il momento migliore per gustarla è al mattino del lunedì in Albis, al posto del solito cornetto, dei soliti biscotti della colazione di ogni giorno.

(AD)

 

 

TV

Anticipazioni Il Segreto: Francisca e Aurora si contendono Beltran

Dopo la morte di Bosco vedremo Francisca e Aurora combattere per la custodia di Beltran.

Gossip

Uomini e Donne: Luca Onestini è il nuovo tronista !

Ad appena due settimane dalla scelta di Clarissa Marchese e dopo la conclusione di tutti i troni in corso (Riccardo, Claudio D. e Claudio S.) […]

Gossip

Justin Bieber smentisce il matrimonio con Selena Gomez: “Sono single, non cerco nessuno”

Justin Bieber, ospite nel noto talk-show statunitense, The Ellen DeGeneres Show, smentisce seccamente le presunte nozze con la sua storica ex, Selena Gomez. I tabloid statunitensi avevano […]

TV

Caterina Balivo accende l’albero di Detto Fatto per beneficenza

Caterina Balivo porta lo sfavilante Buon Natale di Detto Fatto ai bambini ricoverati nella clinica pediatrica De Marchi.

Gossip

Ludovica Valli ha un nuovo fidanzato? Pioggia di critiche per l’ex tronista

Dopo aver dichiarato di voler voltare pagina e ammesso la fine della relazione con Fabio Ferrara, Ludovica Valli alimenta i sospetti su un nuovo, presunto fidanzato, […]

TV

Francesco – Il Papa della gente: 7 e 8 dicembre 2016 su Canale 5

Arriva su Mediaset la miniserie dedicata al pontefice Jorge Mario Bergoglio firmata dal regista Daniele Luchetti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag