Scandalo doping: Powell sapeva

Il preparatore atletico accusato incolpa Asafa Powell e gli altri atleti

Non si placa la bufera del doping che ha sconvolto la squadra giamaicana di atletica, e che ha coinvolto nomi illustri, primo fra tutti quello di Asafa Powell.

A parlare è proprio il preparatore atletico di Powell, Chris Xuereb, che rigetta totalmente l’accusa di aver fornito sostanze vietate agli atleti: “Non sono io il colpevole, sapevano bene che integratori stavano assumendo. Da me solo massaggi e consulenze nutrizionali. Gli atleti si prendano le loro responsabilità

Erettosi a difensore di se stesso, Chris Xuereb ha inviato una dura lettera via mail ai media, in cui invita gli atleti a non cercare scappatoie di fronte a casi come questo, prendendosela col fisioterapista o con qualcun altro: “Sono estremamente deluso dal fatto che questi atleti abbiano accusato me per le loro violazioni al regolamento – afferma – C’è bisogno che la Wada e il grande pubblico la smettano di prendere per buone certe storie e di ritenere certa gente ancora credibile

Xuereb specifica che tipo di consulenza abbia fornito a Powell e agli altri atleti, spiegando di essersi limitato a sperimentare una nuova forma di massaggio, più leggera, e di aver fornito una consulenza nutrizionale: “Ho cominciato a lavorare con questi atleti due mesi fa, per aiutarli a superare certi infortuni cronici a cui erano soggetti. La cosa più importante da sottolineare è che io non ho mai dato sostanze proibite o illegali ad Asafa Powell e Sherone Simpson. Ho solo raccomandato loro di assumere delle vitamine, e tutte quelle consigliate da me erano acquistate in negozi di integratori alimentari dalla chiara reputazione e dove si vendono solo prodotti di aziende conosciute da tutti
Comunque queste vitamine le ho prese su indicazione degli atleti e del loro agente, e poi tutto è stato mostrato al coach del gruppo MVP Stephen Francis: quindi tutti sapevano tutto” è stato il “j’accuse” finale di Xuereb.

Il preparatore atletico sospetta quindi che gli atleti giamaicani trovati positivi abbiano preso una tipologia di integratori ben diversi da quelli che lui aveva consigliato: “E’ ovvio che abbiamo preso questi integratori di cui non hanno mai parlato con me. Infatti sono stato informato dalla polizia italiana che gli atleti erano stati trovati in possesso di certe sostanze“.

La responsabilità dell’accaduto sarebbe pertanto da addebitare solamente agli atleti coinvolti nell’ennesimo scandalo che getta ulteriormente fango e discredito sull’atletica in primis e in generale sullo sport: “E’ purtroppo chiaro che questi atleti non hanno seguito alla lettera i miei suggerimenti e le raccomandazioni della Wada. Faccio notare che ai Trials giamaicani oltre a Powell e Simpson, sono risultati positivi altri tre atleti, che non conosco e con i quali mai ho avuto contatti” (m.t.)

Gossip

Giovanni Vernia imita Gianluca Vacchi: video

Il video parodia sul Re dei Social è tutta da ridere

Arte e Cultura

Outdoor festival dall’1 al 31 ottobre

Un mese di urban art ed eventi, presso la Caserma Guido Reni di Roma, dall 1 a 31 ottobre parte l’Outdoor Festival…

Film

Il documentario di Rocco Siffredi: il trailer italiano

Il trailer del docufilm sulla star del porno

Gossip

Katy Perry nuda per Hillary Clinton

Il video della cantante statunitense per sostenere la Clinton

TV

Il Segreto Anticipazioni: una nuova donna per Bosco

Dopo la morte di Ines, Bosco troverà un nuovo amore…

Gossip

Video hard della sorella Buccino: sono sotto shock

Maria Teresa Buccino vittima degli hacker

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag