Boston, dai trionfi sportivi alla carneficina

Con le bombe di Boston l’America ripiomba nel terrore degli attentati terroristici. Abbiamo scelto la cronaca del New York Times per il racconto della tragedia

<<Due potenti bombe esplose vicino al traguardo della maratona di Boston nel pomeriggio di lunedi, hanno ucciso tre persone, tra cui un bambino di 8 anni, e ferito più di 100, uno dei riti più cari di primavera in questa città si è trasformato da un palco di applausi e trionfo sudato a uno di urla e carneficina.
Quasi tre quarti dei 23.000 corridori che hanno partecipato alla gara avevano già tagliato il traguardo, quando una bomba che era evidentemente stata collocata in un bidone della spazzatura è esplosa intorno 02:50 in una nebbia di fumo in mezzo a una folla di spettatori su Boylston Street , appena fuori Copley Square, nel cuore della città. Tredici secondi dopo, un’altra bomba è esplosa a diverse centinaia di metri di distanza.

L’INDAGINE TERRORISTICA

E’ scoppiato il pandemonio tra corridori in preda al panico e spettatori sparsi, ed i soccorritori si sono precipitati a prendersi cura delle decine di mutilati e dei feriti, alcuni dei quali hanno perso le gambe nell’esplosione, hanno detto testimoni. L’ F.B.I. ha preso il ruolo di protagonista nelle indagini lunedi notte, e Richard DesLauriers, l’agente speciale incaricato dell’ufficio di presidenza di Boston, ha descritto l’indagine in una conferenza stampa come “una indagine penale che è potenzialmente un’indagine terrorista“.

I riverberi si sono fatti sentire molto al di fuori della città, con i funzionari a New York e Washington a rafforzare la sicurezza in luoghi importanti. Vicino alla Casa Bianca, il servizio segreto ha transennato Pennsylvania Avenue per ciò che un funzionario ha descritto come “un eccesso di prudenza.”

OBAMA: ANDREMO FINO IN FONDO 

Il presidente Obama, parlando alla Casa Bianca, ha promesso di portare i responsabili degli attentati alla giustizia. “Andremo a fondo“, ha detto il presidente. “Troveremo chi ha fatto questo, e scopriremo perché lo hanno fatto. Eventuali individui responsabili sentiranno tutto il peso della giustizia “.

Obama non ha fatto riferimento agli attacchi come un atto di terrorismo, e ha ammonito la gente dal “saltare alle conclusioni” sulla base di informazioni incomplete. Ma un funzionario della Casa Bianca, restato anonimo, ha detto: “Qualsiasi evento con ordigni esplosivi multipli – come questo sembra essere – è chiaramente un atto di terrorismo, e sarà affrontato come un atto di terrorismo.”

“Tuttavia”, ha aggiunto il funzionario, “noi non sappiamo ancora chi ha effettuato questo attacco, e una approfondita indagine dovrà determinare se è stato progettato e realizzato da un gruppo di terroristi, stranieri o nazionali.”

PARLANO I TESTIMONI

Alcuni corridori si stavano avvicinando alla fine della corsa di 26,2 miglia, quando le due esplosioni, in rapida successione, li hanno spinti verso il traguardo.

Ho pensato che fosse una grande cosa celebrativa, e sono continuato ad andare,” ha ricordato Jarrett Silvestro, 26 anni, un corridore di East Boston, che ha detto che il rumore era come un colpo di cannone. “E poi anche il secondo è scoppiato, e ho visto detriti volare in aria. Ho capito che era una bomba in quel punto. E ho cominciato a correre nella direzione opposta “.

Ci sono state notizie contrastanti su quanti dispositivi ci fossero stati. Un funzionario di polizia ha detto che erano quattro: i due esplosi alla maratona e altri due che poi sono stati disattivati ​​dalla polizia. Il funzionario ha detto che i dispositivi sembrano essere stati fatti con polvere nera e cuscinetti a sfera.

“ATTENZIONATO” UN CITTADINO SAUDITA

Non è chiaro (siamo a lunedi sera) chi potrebbe essere responsabile dell’esplosione. Anche se gli investigatori hanno detto che stavano parlando di un cittadino saudita ferito nell’esplosione, diversi funzionari di polizia hanno preso la briga di notare che nessuno era in custodia.

UNA SETTIMANA STORICAMENTE DELICATA

Alcuni funzionari di polizia hanno notato che le esplosioni sono arrivate all’inizio di una settimana che è stata a volte vista come significativa per i gruppi radicali antigovernativi americani: era il 15 aprile termine ultimo per il pagamento delle tasse, e il Patriots Day in Massachusetts, l’inizio di una settimana che ha visto casi di violenza in passato. Il 19 aprile è l’anniversario della bomba del 1995 all’Alfred P. Murrah Federal Building di Oklahoma City.

I dispositivi esplosivi utilizzati negli attacchi di lunedi erano simili per dimensioni al dispositivo utilizzato nell’attacco 1996 presso il Centennial Olympic Park di Atlanta, ma non erano così grandi come quello utilizzato a Oklahoma City. In attacco di Atlanta, una “pipe bomb” fu fatta esplodere nei pressi di pedoni, uccidendo 2 persone e ferendone più di 100 – numeri simili all’attacco di lunedi.

L’attentato di Oklahoma City era molto più grande, perché l’autore ha utilizzato un camion pieno di migliaia di chili di esplosivo. Il dispositivo uccise più di 150 persone.

I funzionari sottolineano che non avevano sospetti. L’uomo saudita, che è stato intervistato presso il Brigham and Women Hospital, era stato visto correre dalla scena della prima esplosione, come ha detto una persona informata sugli sviluppi preliminari nelle indagini. Un funzionario di polizia ha detto che l’uomo si trovanva negli Stati Uniti con un visto studente ed è tenuto sotto esame a causa delle sue ferite, della sua vicinanza alle esplosioni e dalla sua cittadinanza – ma ha aggiunto che non era noto alle autorità federali e che il suo ruolo nell’ attacco, se del caso, non è chiaro.

LA CITTA’ SI FERMA

Le esplosioni hanno portato la vita di Boston ad una battuta d’arresto. Gli ufficiali di polizia hanno efficacemente chiuso gran parte del quartiere di Back Bay, che circonda il luogo dell’esplosione; alcune fermate di transito sono state chiuse; aerei sono stati brevemente tenuti a terra al Boston Logan International Airport e la Boston Symphony Orchestra ha annullato il suo concerto di lunedi sera. Una partita dei Boston Celtics in programma per martedì (stasera ndr) è stata annullata.

Boston si prepara ad una accresciuta presenza di polizia, le sue stazioni sottoposte a controlli a campione in loro e borse, e molte strade del centro della città rischiano di essere chiuse al traffico mentre l’indagine prosegue. Il governatore Deval Patrick ha detto che “la città di Boston è aperta e sarà aperto domani, ma non sarà tutto come prima.

Il commissario di polizia, Ed Davis, ha esortato la gente a non rimanere fuori per le strade. “Stiamo raccomandando alle persone di rimanere a casa, se sono negli alberghi della zona, di ritornare alle loro stanze, di non uscire e di non riunirsi in grandi folle“, ha detto in una conferenza stampa.

Era cominciato come un giorno perfetto per la maratona di Boston, con cieli azzurri e temperature a poco meno di 50 gradi (fahrenheit) . La gara attrae normalmente mezzo milione di spettatori. E molto tempo dopo che i corridori di livello mondiale avevano finito – la gara maschile è stata vinta da Lelisa Desisa Benti, dell’Etiopia, che ha chiuso in 2 ore, 10 minuti e 22 secondi – i marciapiedi di Back Bay erano ancora densi di spettatori e tifosi per gli amici e parenti che giungevano esausti, verso il traguardo.

LA CARNEFICINA, PARLA UNO DEI SOCCORRITORI

Il dottor Natalie Stavas, pediatra all’Ospedale Pediatrico di Boston, partecipava alla maratona con il padre e si stava avvicinando alla linea del traguardo quando le esplosioni hanno scosso la strada. “La polizia stava cercando di tenerci indietro, ma ho detto loro che ero un medico e mi hanno lasciato passare“, ha ricordato in una intervista.

In primo luogo ha prestato il primo soccorso una donna. “Era a terra, non respirava, le sue gambe erano praticamente scomparse“, ha detto, aggiungendo che temeva che la donna non era sopravvissuto.

Poi ha cercato di aiutare una donna con una ferita nella sua zona inguinale, e un uomo che aveva perso il piede. Dr. Stavas detto t che aveva applicato un laccio emostatico alla gamba dell’uomo con la cintura di qualcuno. “Era probabilmente in stato di shock,” ha detto. “Diceva: ‘Sto bene, dottore, sto bene‘” “Poi le ambulanze hanno iniziato a venire a dozzine,” ha detto.

L’esplosione è stata così potente che ha spento le vetrine e danneggiato una finestra al terzo piano della Biblioteca Centrale di Copley Square, che era chiusa al pubblico per il Patriots’ Day.

Un certo numero di persone che sono state ricoverate al Massachusetts General Hospital, ha detto il dottor Alasdair Conn, capo dell’ospedale di servizi di emergenza – e molti avevano perso le gambe. “Questo è come l’esplosione delle bombe di cui sentiamo parlare a Baghdad, in Israele o in altri punti tragici nel mondo“, ha detto il dottor Conn.

Diversi bambini sono stati tra i 10 pazienti  portati all’Ospedale Pediatrico di Boston, tra cui un bambino di due anni con una ferita alla testa che è stato ricoverato nel reparto di terapia intensiva medico / chirurgico.

La polizia ha affrontato un altro problema quando hanno cercato di fissare la scena dell’esplosione: molti spettatori hanno fatto cadere i loro zaini e le borse che si sono sparsi, e per sicurezza gli investigatori hanno dovuto trattare ogni borsa abbandonata come una potenziale bomba. C’erano allarmi bomba presso gli hotel. A un certo punto del pomeriggio, i funzionari di polizia di Boston hanno detto che temevano che un incendio presso la John F. Kennedy Presidential Library and Museum avrebbero potuto essere legati alle bombe della maratona, ma hanno poi detto che sembravano essere indipendenti.

La polizia di Boston ha detto che giungevano numerose segnalazioni di pacchi sospetti. Alla domanda se avessero trovato tutti gli ordigni esplosivi, Mr. Davis, il commissario di polizia, ha esortato i cittadini a rimanere vigili e si è detto “non disposto a dire che siamo a proprio agio in questo momento.” >>

 

L’articolo è firmato da John Eligon e Michael Cooper. Con i contributi di Steve Eder, Ashley Parker, William K. Rashbaum, Katharine Q. Seelye e Mary Pilon, Mark Landler, Michael S. Schmidt, Eric Schmitt, Abby Goodnough, Joel Elliott

 

TV

Anticipazioni Il Segreto: Francisca e Aurora si contendono Beltran

Dopo la morte di Bosco vedremo Francisca e Aurora combattere per la custodia di Beltran.

Gossip

Uomini e Donne: Luca Onestini è il nuovo tronista !

Ad appena due settimane dalla scelta di Clarissa Marchese e dopo la conclusione di tutti i troni in corso (Riccardo, Claudio D. e Claudio S.) […]

Gossip

Justin Bieber smentisce il matrimonio con Selena Gomez: “Sono single, non cerco nessuno”

Justin Bieber, ospite nel noto talk-show statunitense, The Ellen DeGeneres Show, smentisce seccamente le presunte nozze con la sua storica ex, Selena Gomez. I tabloid statunitensi avevano […]

TV

Caterina Balivo accende l’albero di Detto Fatto per beneficenza

Caterina Balivo porta lo sfavilante Buon Natale di Detto Fatto ai bambini ricoverati nella clinica pediatrica De Marchi.

Gossip

Ludovica Valli ha un nuovo fidanzato? Pioggia di critiche per l’ex tronista

Dopo aver dichiarato di voler voltare pagina e ammesso la fine della relazione con Fabio Ferrara, Ludovica Valli alimenta i sospetti su un nuovo, presunto fidanzato, […]

TV

Francesco – Il Papa della gente: 7 e 8 dicembre 2016 su Canale 5

Arriva su Mediaset la miniserie dedicata al pontefice Jorge Mario Bergoglio firmata dal regista Daniele Luchetti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag