Whitney Museum di Renzo Piano, quando l’architettura è al servizio dell’arte

L’edificio del Whitney Museum progettato da Renzo Piano nel Meatpacking District di New York è stato svelato nelle settimane scorse dal direttore Adam Weinberg. Aprirà al pubblico nel 2015 e, come al solito, le critiche sono discordanti ma di fatto il museo si prepara ad essere una nuova attrazione per New York

Nonostante lo status di archistar di Renzo Piano molto si punta sul fatto che la struttura architettonica del nuovo Whitney, trattandosi di un contenitore per l’arte, debba fare “un passo indietro”, mostrarsi con discrezione rinforzando l’importanza di quello che c’è al suo interno: “Questo è uno spazio per l’arte, non è di architettura per sè“, ha detto Weinberg. E dunque si tratta di un edificio che “non domina l’arte, ma che è rispettoso e deferente verso l’arte“.

Sarà per questo che in diversi hanno voluto bollare il nuovo museo come blando e poco interessante. Altri hanno detto che è più bello dentro che fuori, come il curatore della sezione disegni del Whitney, Carter Foster.

L’edificio di Piano comprende più di 50.000 metri quadrati di gallerie al coperto e 13.000 metri quadrati di spazio espositivo all’aperto collocati su una serie di tetti di fronte alla High Line. Prevista una galleria per le mostre temporanee, rigorosamente senza colonne, di circa 18.000 metri quadrati di superficie, che la rende la più grande galleria di New York City. Altri spazi espositivi comprendono una galleria hall (accessibile gratuitamente), due piani per la collezione permanente, ed uno spazio ad hoc per i progetti contemporanei al piano superiore.

Il progetto per il nuovo museo emerge ugualmente da un attento studio delle esigenze del Whitney e da una risposta a questo sito straordinario. – ha spiegato Renzo Piano –  Abbiamo voluto attingere la sua vitalità e allo stesso tempo migliorare il suo carattere ricco. Il primo grande gesto, poi, è l’ingresso a sbalzo, che trasforma l’area al di fuori dell’edificio in un grande spazio pubblico coperto. In questo luogo di ritrovo sotto la High Line, i visitatori potranno vedere attraverso l’ingresso dell’edificio e le grandi finestre il lato ovest del fiume Hudson. Qui, tutto in una volta, si hanno l’acqua, il parco, le potenti strutture industriali e l’emozionante mix di persone, riuniti e messi a fuoco da questo nuovo edificio e dall’esperienza dell’arte“.

view_from_gansevoort_800_800

L’ingresso a sbalzo lungo Gansevoort Street sarà riparo ad uno slargo all’aperto di 8.500 metri quadrati , uno spazio di incontro pubblico a pochi passi dall’ingresso sud della High Line. L’edificio comprenderà anche un centro di formazione, una sala per film, video e performance con una galleria all’aperto adiacente, un teatro di 170 posti con vista mozzafiato sul fiume Hudson, e una Biblioteca – centro di coumentazione con sala di lettura.

Al piano terra il negozio del museo e un ristorante gestito dal famoso ristoratore Danny Meyer. Il disegno complessivo così fortemente asimmetrico risponde al carattere industriale degli edifici (loft) adiacenti pur affermando una presenza scultorea contemporanea.

 

ASCENSORI? NO, OPERE D’ARTE

 

Per ora i passanti possono vedere solo il guscio del Whitney Museum all’incrocio tra Gansevoort e Washington Street nel Meatpacking District di Manhattan. Ma una volta che l’edificio sarà completato nel 2015, l’unica opera d’arte permanente commissionata per il sito – i suoi quattro ascensori principali – saranno visibile sia all’interno del museo sia fuori.

Designs-for-Richard-Artschwagers-elevator-project-at-the-Whitney-via-The-New-York-Times

Il direttore Adam D. Weinberg, infatti, aveva arruolato l’artista Richard Artschwager per progettare gli ascensori circa due anni fa. Artschwager, che è morto nel mese di febbraio, ha però fatto in tempo a realizzare la sua ultima opera d’arte.
Gli ascensori, intitolati “Six in Four” si basano su sei motivi portanti – porta, finestra, tavolo, cesto, specchio e tappeti – Ogni ascensore fornirà un’esperienza immersiva che coinvolge uno o più di questi motivi. Quando i visitatori entreranno in ascensore si troveranno in piedi sotto un tavolo, su un tappeto o di fronte a uno specchio, ma saranno anche di fronte ad una porta, accanto a una finestra o galleggianti in un cesto gigante.

L’idea era di avere qualcosa che ti dà immediatamente un senso di luogo, una identità, in modo che questo non siasolo un altro museo generico“, ha spiegato Weinberg. Gli ascensori funzioneranno costantemente quando il museo è aperto, ma quando sarà chiuso, saranno lasciate aperte le porte al piano terra e le cabine saranno illuminate dall’interno, così l’intera installazione sarà visibile dall’esterno attraverso l’edificio il cui ingresso è completamente in vetro. (a.d)

Per le immagini del museo : courtesy of Renzo Piano Building Workshop in collaboration with Cooper, Robertson & Partners

TV

Anticipazioni Una Vita: quale sarà il destino di German?

German e Manuela sono morti, eppure anticipazioni spagnole fanno sperare in un ritorno della Manzano, cosa ne sarà invece del suo amato Medico?

Gossip

L’ultima esterna di Claudio e Mario: video

Claudio e Mario “paparazzati” da una fan nell’ultima esterna insieme a Napoli. L’esterna è stata registrata tre giorni fa, i due ragazzi erano nel capoluogo campano […]

TV

Il Segreto Anticipazioni Spagnole: Francisca ha ucciso Salvador Castro

Anticipazioni provenienti dalla Spagna scagionano Soledad, non è lei ad aver ucciso Salvador Castro…

Gossip

Nove mila euro alla Arcuri per accendere un albero di Natale

Sarà Manuela Arcuri la madrina per l’accensione dell’Albero di Natale a Salerno. Un evento tradizione che da il via ai festeggiamenti pubblici organizzati nella città ogni […]

Musica

Tiziano Ferro raddoppia i concerti a Roma e Milano

Il 2017 segnerà l’atteso ritorno live di Tiziano Ferro. Dopo il grande tour negli stadi italiani e nei palazzetti europei del 2015, Tiziano torna finalmente […]

Gossip

Uomini e donne, oggi la scelta di Claudio Sona!

L’attesa è finita. Oggi, Venerdì 2 Dicembre, si concluderà il trono gay di Uomini e Donne con la scelta di Claudio.  Scelta che sarà tra […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag