Siria, così muoiono i tesori dell’Umanità

Il patrimonio archeologico della Siria ancora tra le “vittime collaterali” della guerra civile

L’ultimo affronto grave al patrimonio archeologico siriano è tra quelli più simbolici e dolorosi, il minareto della Moschea degli Omayyadi di Aleppo ridotto in briciole dagli scontri tra i ribelli e le forze di Bashar al-Assad che all’ombra del monumento – tutelato dall’Unesco come patrimonio dell’umanità – da mesi hanno fatto il loro campo di battaglia. E infatti la grande moschea era già stata gravemente danneggiata da un incendio nel corso pesanti combattimenti nell’antica città già nel mese di ottobre.

 

E non bastano i reiterati appelli del direttore generale UNESCO Irina Bokova, il suo ricordare come la Siria, che detiene uno dei patrimoni archeologici più significativi del mondo (6000 siti censiti almeno e ben sei siti nell’elenco dei beni dell’umanità) abbia firmato la Convenzione dell’Aia del 1954 per la protezione dei beni culturali in caso di conflitto armato. Quando la pietà muore, e le migliaia di morti del conflitto ne sono la testimonianza più tragica, non resta posto per nulla se non per l’odio e la distruzione.

601939_451675008234162_2061765600_n

La Siria è un crocevia di popoli e storia dove le civiltà che vi sono passate hanno lasciato tracce indelebili: Babilonesi, Assiri, Ittiti, Fenici, Greci, Romani, Bizantini, Persiani Sassanidi, e poi Omayyadi e Ottomani, ovunque si scavi c’è qualcosa da scoprire, ma per ciò che è emerso il pericolo è costante: dalla vecchia Damasco, alle rovine di Palmira, al caravanserraglio dei cavalieri e del castello crociato (quello che evoca le vicende di Saladino) e ancora, i villaggi antichi del nord del Paese, anche i mortai hanno lasciato traccia ovunque. E non basta perché l’altro flagello della guerra, come Iraq insegna, sono i saccheggi, che ormai da due anni, ovvero da quando è scoppiata la rivolta contro il regime di Assad si sono moltiplicati. Non esistono cifre precise, ma come denunciano gli archeologi del gruppo Le patrimoine archéologique syrien en danger, sono migliaia i manoscritti, i manufatti, i mosaici strappati dal contesto originario e posti sul mercato nero. Attraverso una pagina Facebook, questo gruppo formato da archeologi siriani e stranieri monitora costantemente la situazione. Le immagini che emergono sono raccapriccianti: musei, palazzi, edifici ridotti in macerie o seriamente danneggiati. Gli SOS  si moltiplicano, non basteranno. (a.d)

(Fonte immagini: Le patrimoine archéologique syrien en danger)

 

524646_450623925005937_1258315230_n

Le fasi delle distruzioni del minareto della grande Moschea di Aleppo

Gossip

Uomini e donne: Sonia Lorenzini è la nuova tronista

L’ex corteggiatrice di Claudio D’Angelo, sale sul trono: è Sonia Lorenzini la nuova tronista ! La bella 27 anni di Mantova, chiuso definitivamente il capitolo Claudio, è […]

Gossip

Uomini e donne, oggi la scelta finale di Claudio D’Angelo: il tronista ritorna in trasmissione.

Colpo di scena a Uomini e Donne, il tronista Claudio D’Angelo che nell’ultima puntata aveva annunciato di voler abbandonare il programma, è tornato nella trasmissione con […]

Gossip

Bufera su Jennifer Lawrence: “Mi sono grattata il sedere su alcune rocce sacre”, video

L’attrice Jennifer Lawrence,  ospite nel programma britannico al “The Graham Norton Show”, racconta di un prurito inarrestabile al sedere, placato da una grattata su alcune rocce […]

Film

Riccardo e la dedica a Camilla su Instagram: “Questo cielo è per te”

“…Ti dedico il cielo sopra Roma…” Questa la dedica dell’ex tronista Riccardo Gismondi a Camilla Mangiapelo sul profilo ufficiale Instagram dell’ex tronista. Al momento i due ragazzi […]

TV

Bake Off Italia presenta una Celebrity Edition

Stasera, 9 dicembre 2016, Real Time presenta una speciale puntata con tanti protagonisti Vip.

Film

Gli attori pagati troppo del 2016: in testa per il secondo anno consecutivo Johnny Depp

Come ogni anno, il magazine Forbes ha stilato la lista degli attori meno redditizi del cinema. Al primo posto, ancora una volta, Johnny Depp. La […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag