Picasso e la Costa Azzurra, a Monaco per la prima volta in mostra i dipinti della collezione Nahmad

Monaco festeggia Picasso, è la mostra che fino al 15 settembre è allestita al Grimaldi Forum in omaggio al 40° anniversario della scomparsa dell’artista e ai suoi legami con la Costa Azzurra. Curano l’evento: Jean-Louis Andral, direttore del museo Picasso di Antibes, Marilyn McCully, apprezzata esperta di Picasso, e lo scrittore Michael Raeburn

Picasso morì sulla Costa Azzurra l’8 aprile del 1943, a Mougins, per la precisone, vicino Cannes, in una Villa di trentacinque stanze dove viveva con la moglie Jacqueline Roque. La morte, intervenuta come conseguenza di un edema polmonare, lo colse che preparava le tele di quella grande esposizione che di lì a poco avrebbe dovuto tenere nella non lontana Avignone, nel Palazzo dei Papi. La mostra si aprì un mese e mezzo dopo, senza l’artista.

Aéroport Nice CA réseau Duo_120X176/25%.indd

Due percorsi tematici modulano la mostra attraverso 160 opere:

Picasso Côte d’Azur conduce i visitatori nei dintorni di Antibes-Juan-les-Pins, Golfe-Juan, Mougins, Cannes, una regione dove Pablo Picasso tanto amava soggiornare d’estate, tra il 1920 e il 1946, e dove la luce mediterranea, il mare e la costa furono per lui fonte di ispirazione diretta.

Picasso dans la Collection Nahmad, invece, mette in luce i capolavori dell’artista che occupano un posto di rilievo in questa collezione unica al mondo, in termini di quantità e qualità delle opere, costituita da Ezra e David Nahmad negli ultimi cinquant’anni. Si tratta di un favolosa collezione di dipinti impressionisti, moderni e surreali (uno 4500 opere stimate in 3000 milioni dollari) costituita da questi fratelli di una famosa dinastia di banchieri e mercanti d’arte d’origine siriana.

 

 

UNA MOSTRA, DUE PERCORSI

 

Picasso, Côte d’Azur

La prima parte della mostra è dedicata alle opere realizzate da Picasso durante i mesi estivi trascorsi ad Antibes – Juan-les-Pins e dintorni, a partire dagli anni 1920, fino a tutti gli anni 1930, e poi ancora nel 1946 allorquando, finita la guerra, l’artista ritorna nel Midi della Francia. La luce mediterranea, il mare e la costa rappresentarono per l’artista una fonte immediata di ispirazione come pure tutte le tradizioni artistiche della regione: dalla mitologia ai temi classici a cui il pennello dell’artista infuse vita nuova. Vi era giunto spinto dal desiderio di allontanarsi da Parigi con la famiglia durante l’estate, ma non tardò a rendersi conto di quanto le colline, gli alberi e il mare gli ricordassero la natia Spagna, un’identificazione con il paesaggio che ebbe certamente un ruolo importante nella sua produzione artistica.

Courtesy Grimaldi Forum

Courtesy Grimaldi Forum

A completamento del percorso espositivo che illustra gli anni 1920 e 1930, è consigliabile una visita al Museo Picasso di Antibes, partner della mostra, che ospita uno degli ultimi esempi della produzione dell’artista durante i soggiorni in Costa Azzurra per la villeggiatura, prima di lasciare definitivamente Parigi e aprire il proprio atelier in un primo tempo a Cannes e poi a Mougins. Con oltre cinquanta opere provenienti da musei prestigiosi quali il MoMA e il Guggenheim di New York, lo Stedelijk Museum di Amsterdam, il MNAM-Centre Pompidou di Parigi e molti altri prestiti, per lo più raramente esposti al pubblico in precedenza e provenienti dalla successione Picasso e da collezioni private nazionali e internazionali, questo insieme tematico offre un’esauriente panoramica su una produzione intimista dell’artista e su i suoi interessi personali in questo periodo.

 

 

 Picasso nella Collezione Nahmad

Già rivelata in parte nel 2011 alla Kunsthaus di Zurigo in occasione della mostra Miró, Monet, Matisse – La Collection Nahmad, la passione della famiglia Nahmad per l’opera di Picasso è arcinota e ha dato vita a una collezione di 200 opere circa che documentano la maggior parte dei periodi artistici del maestro. A Monaco, i 101 capolavori esposti al pubblico per la prima volta, offrono ai visitatori una retrospettiva della sua produzione artistica, attraverso una selezione di opere mirata e di qualità rara.

Fin dai primi anni 1960, Ezra e David Nahmad iniziarono a costituire una collezione alimentata sia da valori estetici sia commerciali, nella tradizione dei grandi collezionisti del XX secolo. La loro collezione comprende nel complesso i grandi maestri dell’arte moderna e contemporanea ma si distingue anche per un patrimonio dedicato più in particolare agli Impressionisti, a Miró e Picasso. Le loro acquisizioni sono tutte frutto di profonde riflessioni, tanto che di alcune opere sono presenti diverse variazioni sul medesimo tema.

Helly Nahmad, figlio di Ezra Nahmad spiega a proposito dello spirito della collezione: “Nel periodo in cui mio padre Ezra e lo zio David vendevano in Italia i primi Picasso, andava maturando in essi anche il loro approccio commerciale, di pari passo con il sempre crescente rispetto e amore che entrambi nutrivano per l’artista e le sue opere… Quando si ha il privilegio di tenere in mano un Picasso, si vedono le cose in modo ben diverso…. Lo stesso dicasi del modo di confrontarsi con i grandi artisti, primo fra tutti Picasso… Perché allora si afferma con forza l’idea che se si vende, è bene, ma se non si vende, è meglio… Con il passare del tempo essi si resero conto che la vendita di un quadro di un grande artista li gratificava sempre meno, proprio perché nel frattempo si erano affezionati all’opera… Il desiderio di vendere riaffiorava solo quando si trattava di acquistare un’opera ancora più importante…. Nacque così la loro vocazione a diventare collezionisti e ad arricchire la Collezione”. (www.grimaldiforum.com )

(a cura di a.d)

TV

Anticipazioni Una Vita: quale sarà il destino di German?

German e Manuela sono morti, eppure anticipazioni spagnole fanno sperare in un ritorno della Manzano, cosa ne sarà invece del suo amato Medico?

Gossip

L’ultima esterna di Claudio e Mario: video

Claudio e Mario “paparazzati” da una fan nell’ultima esterna insieme a Napoli. L’esterna è stata registrata tre giorni fa, i due ragazzi erano nel capoluogo campano […]

TV

Il Segreto Anticipazioni Spagnole: Francisca ha ucciso Salvador Castro

Anticipazioni provenienti dalla Spagna scagionano Soledad, non è lei ad aver ucciso Salvador Castro…

Gossip

Nove mila euro alla Arcuri per accendere un albero di Natale

Sarà Manuela Arcuri la madrina per l’accensione dell’Albero di Natale a Salerno. Un evento tradizione che da il via ai festeggiamenti pubblici organizzati nella città ogni […]

Musica

Tiziano Ferro raddoppia i concerti a Roma e Milano

Il 2017 segnerà l’atteso ritorno live di Tiziano Ferro. Dopo il grande tour negli stadi italiani e nei palazzetti europei del 2015, Tiziano torna finalmente […]

Gossip

Uomini e donne, oggi la scelta di Claudio Sona!

L’attesa è finita. Oggi, Venerdì 2 Dicembre, si concluderà il trono gay di Uomini e Donne con la scelta di Claudio.  Scelta che sarà tra […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag