Milano, il parcheggio di sant’Ambrogio non s’ha da fare

Una polemica che va avanti da tempo ma che viene sempre rinfocolata. Colpa di chi? Ma dell’archeologia ovviamente. Questo è il pensiero che è passato […]

Una polemica che va avanti da tempo ma che viene sempre rinfocolata. Colpa di chi? Ma dell’archeologia ovviamente.

Questo è il pensiero che è passato molte volte nella testa degli addetti ai lavori (chiaramente non gli archeologi) impegnati prima nella progettazione e successivamente nella costruzione dell’ormai famigerato parcheggio interrato adiacente la Basilica di Sant’Ambrogio a Milano.

I lavori di scavo di questo parcheggio, e precedentemente delle indagini archeologiche preventive, hanno portato alla luce le sepolture di epoca tardo romana (IV secolo d.C.) riferibili a quello che era il cimitero ad martyres, (i cui livelli sono emersi a circa 3 metri e mezzo di profondità) accanto alla Basilica Martyrum, edificata dall’allora vescovo (e futuro patrono) di Milano, Ambrogio, proprio in loco dove erano state inumate le vittime cristiane delle persecuzioni.

Una tomba scavata nella terra ha svelato recentemente uno scheletro ben conservato e adagiato in una nicchia: sono i resti emersi in corso d’opera, fotografati e catalogati dalla Società lombarda di archeologia. Lo studio della sepoltura contribuirà ulteriormente allo studio del cimitero dei martiri che si estendeva oltre le mura cittadine.

Questo ritrovamento di estrema importanza va ad aggiungersi alla novantina di tombe scoperte durante gli anni di lavoro. Infatti sepolture senza corredo, né struttura, definite dagli esperti “tombe povere”, di difficile datazione, emersero tra il 2005 e il 2006, nel corso degli scavi archeologici preventivi all’apertura del cantiere.

L’ultima scoperta in ordine di tempo ha riacceso la polemica sulla costruzione del parcheggio. Nonostante il fatto che le associazioni culturali “Salva la piazza” e “Italia Nostra” si siano appellate al Comune, affinché le ruspe vengano fermate e si possa così evitare un autentico scempio del patrimonio storico della città, i lavori continueranno.

Grande e giustificato disappunto è stato espresso anche dalla Chiesa di Sant’Ambrogio che non ne può più di questa lenta agonia iniziata nel 2000, con l’ex giunta Albertini; è del 2006 l’accordo tra Comune ed ente privato per l’inizio dell’opera, slittata però fino al novembre 2010.

Il progetto, che prevede la realizzazione di 240 posti a rotazione e 347 privati, per un costo di 20,4 milioni di euro, è stato ripetutamente modificato nel corso del tempo e la conclusione dei lavori è attualmente prevista nel giro di appena 600 giorni…

Accorgersi prima che la suddetta area “ambrosiana” non fosse propriamente la più adatta su cui intervenire con un progetto di tale portata non sarebbe stato forse più opportuno? (Matteo Trucco)

TV

Anticipazioni Una Vita: quale sarà il destino di German?

German e Manuela sono morti, eppure anticipazioni spagnole fanno sperare in un ritorno della Manzano, cosa ne sarà invece del suo amato Medico?

Gossip

L’ultima esterna di Claudio e Mario: video

Claudio e Mario “paparazzati” da una fan nell’ultima esterna insieme a Napoli. L’esterna è stata registrata tre giorni fa, i due ragazzi erano nel capoluogo campano […]

TV

Il Segreto Anticipazioni Spagnole: Francisca ha ucciso Salvador Castro

Anticipazioni provenienti dalla Spagna scagionano Soledad, non è lei ad aver ucciso Salvador Castro…

Gossip

Nove mila euro alla Arcuri per accendere un albero di Natale

Sarà Manuela Arcuri la madrina per l’accensione dell’Albero di Natale a Salerno. Un evento tradizione che da il via ai festeggiamenti pubblici organizzati nella città ogni […]

Musica

Tiziano Ferro raddoppia i concerti a Roma e Milano

Il 2017 segnerà l’atteso ritorno live di Tiziano Ferro. Dopo il grande tour negli stadi italiani e nei palazzetti europei del 2015, Tiziano torna finalmente […]

Gossip

Uomini e donne, oggi la scelta di Claudio Sona!

L’attesa è finita. Oggi, Venerdì 2 Dicembre, si concluderà il trono gay di Uomini e Donne con la scelta di Claudio.  Scelta che sarà tra […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag