Maschi e nudi, al D’Orsay dimensioni e significati del nudo maschile nell’arte

Una mostra dal titolo “Masculin / Masculin. L’homme nu dans l’art de 1800 à nos jours”( Maschile/maschile. Il nudo maschile nell’arte dal 1800 ad oggi) si svolgerà dal 24 settembre 2013 al 2 gennaio 2014 a Parigi, al museo d’Orsay. Dalla collezione del museo una sfilata di opere per affrontare l’argomento in maniera al tempo stesso critica, ludica, sociologica e filosofica

Mentre il nudo femminile è un tema ricorrente e familiare per le mostre d’arte in tutto il mondo, la sua controparte maschile è stata raramente considerata. Mostre significative dedicate Mapplethorpe1alle nudità maschili praticamente non se ne registrano, se non quella tenuta presso il Leopold Museum di Vienna nel 2012. Tuttavia, la nudità maschile è stata a lungo la base dell’accademismo tra diciassettesimo e diciannovesimo secolo rappresentando un punto fermo della creatività di tutto l’Occidente.

Sulla base delle proprie collezioni e delle raccolte pubbliche francesi, il Musée d’Orsay vuole approfondire tutte le dimensioni e i significati del nudo maschile nell’arte.
Poichè il XIX secolo (che a sua volta rielabora il classicismo del XVIII secolo) e la sua eco si riverbera fino ai giorni nostri, questa mostra espande l’orizzonte tradizionale del Musée d’Orsay abbracciando più di due secoli di creazione, in tutte le tecniche: pittura, scultura, grafica, fotografia.

 

Per comprendere la specificità del corpo maschile, la mostra preferisce al noioso susseguirsi cronologico, un percorso tematico dove dall’eredità dei canoni estetici dell’antichità e dalla  loro reinterpretazione in epoche neo-classica, contemporanea e simbolista si passa alla glorificazione degli eroi del realismo dove il fascino del corpo si rivela in tutta la sua verità, e la nudità è intesa come il compimento del corpo nella natura, o come espressione del male, del dolore o dell’erotismo. Il punto centrale è stabilire un dialogo tra le epoche offrendo una nuova visione sulle reinterpretazioni sollevate da alcuni artisti in opere anteriori.

 

DAL CLASSICO DIVINO AL CLASSICO CARNALE

 

Jean DelvilleL'Ecole de Platon (détail)© ADAGP, Paris - RMN-Grand Palais (Musée d'Orsay) / Hervé Lewandowski

Jean DelvilleL’Ecole de Platon (détail)© ADAGP, Paris – RMN-Grand Palais (Musée d’Orsay) / Hervé Lewandowski

Dalla metà del XVIII secolo Winckelmann studia le “divine proporzioni del corpo” ereditate dagli antichi che, a dispetto di tutte le rivoluzioni che si sono inseguite nella storia dell’arte, oggi sono ancora accettate come identificative della bellezza. Da Jacques-Louis David, George Platt Lynes, La Chapelle e Pierre et Gilles, a Gustave Moreau, la nudità diventa pretesto per  questioni di potere e censura e termometro dell’evoluzione della morale nella società.
Ma è innegabile che l’esaltazione di Winckelmann della bellezza greca contenga in filigrana un  desiderio carnale che attraversa due secoli e può colpire sia gli uomini sia le donne come poi esplicitato dal gruppo “Barbus” di David fino a David Hockney, passando attraverso le opere del regista James Bidgood. E questa sensibilità che impregna XIX e XX secolo, e che mette in discussione l’identità, è indicata con evidenza nella Scuola di Platone del belga Delville, inspiegabilmente acquistata dallo Stato francese nel 1912 (guarda foto). Allo stesso modo, la mostra rivelerà altre letture della nudità, visive o intellettuali attraverso le opere di artisti famosi come Georges de La Tour, Pierre Puget, Abilgaard Paul Flandrin, Bouguereau, Hodler, Schiele, Munch, Picasso, Bacon, Mapplethorpe, Freud o Mueck, riservando alcune sorprese come il San Sebastiano del messicano Angelo Zarraga, i Bagni misteriosi di De Chirico o le opere erotiche degli americani Charles Demuth e Paul Cadmus.

La mostra è diretta da Guy Cogeval, presidente del Musée d’Orsay e de L’Orangerie con i curatori del museo Ophélie Ferlier e Xavier Rey, e con Ulrich Pohlmann, direttore della sezione di fotografia allo Stadtmuseum di Monaco e Tobias G.Natter, direttore del Museo Leopold di Vienna. (a.d)

 

 

TV

Anticipazioni Il Segreto: Francisca e Aurora si contendono Beltran

Dopo la morte di Bosco vedremo Francisca e Aurora combattere per la custodia di Beltran.

Gossip

Uomini e Donne: Luca Onestini è il nuovo tronista !

Ad appena due settimane dalla scelta di Clarissa Marchese e dopo la conclusione di tutti i troni in corso (Riccardo, Claudio D. e Claudio S.) […]

Gossip

Justin Bieber smentisce il matrimonio con Selena Gomez: “Sono single, non cerco nessuno”

Justin Bieber, ospite nel noto talk-show statunitense, The Ellen DeGeneres Show, smentisce seccamente le presunte nozze con la sua storica ex, Selena Gomez. I tabloid statunitensi avevano […]

TV

Caterina Balivo accende l’albero di Detto Fatto per beneficenza

Caterina Balivo porta lo sfavilante Buon Natale di Detto Fatto ai bambini ricoverati nella clinica pediatrica De Marchi.

Gossip

Ludovica Valli ha un nuovo fidanzato? Pioggia di critiche per l’ex tronista

Dopo aver dichiarato di voler voltare pagina e ammesso la fine della relazione con Fabio Ferrara, Ludovica Valli alimenta i sospetti su un nuovo, presunto fidanzato, […]

TV

Francesco – Il Papa della gente: 7 e 8 dicembre 2016 su Canale 5

Arriva su Mediaset la miniserie dedicata al pontefice Jorge Mario Bergoglio firmata dal regista Daniele Luchetti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag