Lucien Freud, a Vienna una mostra imperdibile

Il Kunsthistorisches Museum di Vienna presenta fino al 6 gennaio una mostra di dipinti di Lucian Freud (1922-2011), uno dei più importanti artisti dei secoli XX e XXI, e nipote del padre della psicoanalisi Sigmund Freud. E’ la prima volta che le opere di Lucian Freud sono esposte in Austria. E le polemiche non sono mancate

Sotto una delle 43 opere di Lucian Freud esposte al KHM, un’etichetta con un commovente omaggio. E’ il ritratto dell’amante del pittore Bernardine Coverley, incinta di sua figlia Bella e sotto i promotori della mostra vi hanno scritto: “Questo dipinto è esposto in memoria delle sorelle di Sigmund Freud, che furono deportate da Vienna e sono morte nei campi di concentramento: Rosa ad Auschwitz, Mitzi a Theresiendstadt, Dolfi e Paula a Treblinka”. E’ questo il motivo per cui l’artista ha sempre rifiutato che le sue opere venissero esposte in Austria. Ma dove il museo afferma che l’esposizione è stata concordata con lo stesso artista (Freud è scomparso nel 2011), altri avanzano dei dubbi. Ma andiamo oltre.

 

Nel mese di agosto 1935 Lucian Freud si recò a Vienna per visitare suo nonno Sigmund, il fondatore della psicoanalisi . Il futuro artista aveva 12 anni ed era accompagnato dal padre Ernst, arrivavano da Londra dove la famiglia, nel 1933, in fuga da Berlino, s’era rifugiata per sfuggire alle persecuzioni naziste contro gli ebrei. Di questa visita si sa poco, ma è quasi certo che il giovane Lucian vide la collezione di antichità che il nonno teneva nello studio in Berggasse 19, così come la sua stanza di consultazione col famoso divano. Probabilmente in quella occasione il ragazzino incontrò le sue cinque prozie – le sorelle di Sigmund – e la zia, Anna Freud, lei stessa un eminente psicoanalista. Si pensa anche che Lucian avrebbe potuto visitare il Kunsthistorisches Museum (KHM), una delle più grandi gallerie d’Europa, ricca di una magnifica collezione di antichi maestri una volta appartenuta agli Asburgo. Tele di Tiziano, Velazquez , Rembrandt, Bruegel che Lucian Freud ha sempre affermato essere i suoi artisti preferiti.

Tre anni dopo, Lucian incontrerà nuovamente il nonno, questa volta a Londra, la città in cui Sigmund era fuggito dopo l’annessione di Hitler dell’Austria, nel marzo 1938. Il pericolo di rimanere a Vienna era diventato chiaro quando la Gestapo aveva interrogato Anna Freud costringendola ad accettare che la psicoanalisi era parte di una cospirazione ebraica. Ad aiutare Sigmund Freud nella sua fuga furono i suoi amici influenti, tra cui un curatore al KHM, che gli assicurò che la sua collezione di antichità sarebbe arrivata in Inghilterra. Anche Anna Freud riuscì a sfuggire, non così le quattro sorelle di Sigmund che andarono a morire nei campi di concentramento nazisti.

Sigmund non tonò mai più a Vienna e morì l’anno seguente. Lucian ha visitato la città solo un’altra volta da quel 1935. Morì nel 2011 all’età di 88 anni, era diventato una celebrità, probabilmente il più grande artista figurativo della seconda metà del ‘900. Ha rifiutato sempre che le sue opere venissero esposte a Vienna. Sta di fatto che questa storia è imprescindibile dalla mostra.

 

La mostra è una concisa rassegna di 43 grandi dipinti che abbracciano l’intera carriera lavorativa di Freud, lunga 70 anni: da un autoritratto del 1943 all’ultimo dipinto, l’incompiuto rimasto nel suo studio, al momento della sua morte, avvenuta nel luglio 2011. La mostra copre una gamma di generi diversi, da ritratti dei familiari, degli amici intimi, di  mogli e amanti, di vicini di casa e di colleghi artisti, di aristocratici e di gente della classe operaia. E poi nature morte, paesaggi e – probabilmente il suo successo più duraturo e notevole – i suoi autoritratti.
La selezione delle opere, afferma la nota del museo “è stata fatta con lo stretto coinvolgimento personale dell’artista nei mesi prima della sua morte nel luglio 2011, e con il suo assistente di lunga data David Dawson”. Attraversando i decenni, il percorso permette di tracciare lo sviluppo stilistico della pittura di Freud; dalle opere iniziali, dipinte nei minimi dettagli, attraversa gli anni ’50, quando l’artista inizia a dipingere in piedi con pennelli grossolani e in uno stile molto più sciolto e approda al suo primo ritratto nudo degli anni 1960 e, infine, nella seconda parte della mostra, le tele monumentali degli anni 1980 e 1990 .


Highlights della mostra comprendono Ragazza con un cane bianco ( 1950-1951 ) dalla Tate , un autoritratto incompiuto dal 1956 mostrato per la seconda volta negli ultimi 30 anni, il primo ritratto nudo integrale di Freud ( Ragazza Nuda 1956 , dalla collezione dell’attore Steve Martin); tre notevoli ritratti di Leigh Bowery dallo Hirshhorn Museum , Washington DC , dal Metropolitan Museum of Art , New York , e da una collezione privata statunitense; c’è quindi Benefits Supervisor Sleeping , che fu venduta per 33,6 milioni di dollari da Christie’s di New York nel maggio 2008 e il suo ultimo capolavoro Ritratto del segugio ( 2010-11 ) rimasto incompiuta al momento della sua morte .
Inoltre è incluso nella mostra un film appositamente commissionato, di 15 minuti di lunghezza, con filmati inediti di Lucian Freud durante le settimane prima della sua morte nel 2011 ripresa dal suo assistente David Dawson (video in basso). Il corto comprende riprese in movimento dell’artista che dipinge in quello che si rivelò essere il suo ultimo giorno di lavoro .
La mostra è curata da Jasper Sharp, curatore aggiunto di arte moderna e contemporanea presso il Kunsthistorisches Museum. www.khm.at  (a.d)

 

TV

Anticipazioni Una Vita: quale sarà il destino di German?

German e Manuela sono morti, eppure anticipazioni spagnole fanno sperare in un ritorno della Manzano, cosa ne sarà invece del suo amato Medico?

Gossip

L’ultima esterna di Claudio e Mario: video

Claudio e Mario “paparazzati” da una fan nell’ultima esterna insieme a Napoli. L’esterna è stata registrata tre giorni fa, i due ragazzi erano nel capoluogo campano […]

TV

Il Segreto Anticipazioni Spagnole: Francisca ha ucciso Salvador Castro

Anticipazioni provenienti dalla Spagna scagionano Soledad, non è lei ad aver ucciso Salvador Castro…

Gossip

Nove mila euro alla Arcuri per accendere un albero di Natale

Sarà Manuela Arcuri la madrina per l’accensione dell’Albero di Natale a Salerno. Un evento tradizione che da il via ai festeggiamenti pubblici organizzati nella città ogni […]

Musica

Tiziano Ferro raddoppia i concerti a Roma e Milano

Il 2017 segnerà l’atteso ritorno live di Tiziano Ferro. Dopo il grande tour negli stadi italiani e nei palazzetti europei del 2015, Tiziano torna finalmente […]

Gossip

Uomini e donne, oggi la scelta di Claudio Sona!

L’attesa è finita. Oggi, Venerdì 2 Dicembre, si concluderà il trono gay di Uomini e Donne con la scelta di Claudio.  Scelta che sarà tra […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag