Inquisizione 2.0. Facebook censura il museo Jeu de Paume

Insopportabile censura di Facebook al Musée du Jeu de Paume di Parigi, reo d’aver pubblicato la fotografia di un nudo femminile

Censurare, censurare, censurare, per Facebook il lavoro d’appiattimento del pensiero passa per la moralizzazione della Rete, dove l’impero del bene di Mark Zuckerberg (sia detto con ironia), si appropria della vita privata del suo popolo, ma non può tollerare la visione di tette e culi. Secondo l’Inquisizione 2.0 il Jeu de Paume s’è reso colpevole d’aver pubblicato “Lo studio di nudo” del 1940 della fotografa francese Laure Albin Guillot, messa in rete in occasione della retrospettiva in corso al museo fino al 12 maggio 2013. L’account FB del museo è rimasto bloccato 24 ore poi, mercoledì, la scritta inquietante: “Al prossimo avviso di Facebook, il nostro account potrebbe essere disattivato in modo permanente. Quindi non pubblicheremo nudo, anche se crediamo che al loro alto valore artistico”.  La reazione del pubblico non si è fatta attendere, i messaggi di solidarietà sono piovuti a decine, e la polemica, sacrosanta, è montata. Gli amministratori della pagina FB scrivono:
<<La polemica dovrebbe incoraggiare gli amministratori di Facebook a riconsiderare la loro posizione. Non distinguere tra un’opera d’arte e un’immagine pornografica è un amalgama discutibile, ma anche pericolosa.
Ci affidiamo a questo dibattito affinchè “le norme comunitarie Facebook” possano essere riviste in futuro, e rifiutino qualsiasi forma di censura>>.

 

Ma non è la prima volta che FB censura l’arte, lo stesso museo s’era macchiato di “crimini”  pubblicando immagini di Willy Ronis e Manuel Alvarez Bravo. E c’è di più nel novembre 2011, la rete aveva già rimosso dalla pagina de L’Express un’istantanea dell’artista cinese Ai Weiwei per gli stessi motivi di “indecenza”. Pochi mesi prima, un artista danese Frode Steinicke era stato escluso dal social network per aver messo sul suo profilo l’opera di Courbet L’Origine du monde. Una censura che s’è abbattuta anche sui Nirvana, per la copertina dell’album Nevermind. L’anno scorso ha fatto clamore il blocco per 24 ore dell’account di un utente  che aveva  inserito all’interno di una pagina antirazzista una foto ritraeva una donna nera che allattava un bimbo bianco. La foto era stata rimossa perché è vietata la pubblicazione di immagini che ritraggono il seno nudo, anche quello di una madre che allatta. (g.m)

 

TV

Anticipazioni Una Vita: quale sarà il destino di German?

German e Manuela sono morti, eppure anticipazioni spagnole fanno sperare in un ritorno della Manzano, cosa ne sarà invece del suo amato Medico?

Gossip

L’ultima esterna di Claudio e Mario: video

Claudio e Mario “paparazzati” da una fan nell’ultima esterna insieme a Napoli. L’esterna è stata registrata tre giorni fa, i due ragazzi erano nel capoluogo campano […]

TV

Il Segreto Anticipazioni Spagnole: Francisca ha ucciso Salvador Castro

Anticipazioni provenienti dalla Spagna scagionano Soledad, non è lei ad aver ucciso Salvador Castro…

Gossip

Nove mila euro alla Arcuri per accendere un albero di Natale

Sarà Manuela Arcuri la madrina per l’accensione dell’Albero di Natale a Salerno. Un evento tradizione che da il via ai festeggiamenti pubblici organizzati nella città ogni […]

Musica

Tiziano Ferro raddoppia i concerti a Roma e Milano

Il 2017 segnerà l’atteso ritorno live di Tiziano Ferro. Dopo il grande tour negli stadi italiani e nei palazzetti europei del 2015, Tiziano torna finalmente […]

Gossip

Uomini e donne, oggi la scelta di Claudio Sona!

L’attesa è finita. Oggi, Venerdì 2 Dicembre, si concluderà il trono gay di Uomini e Donne con la scelta di Claudio.  Scelta che sarà tra […]

Un commento su “Inquisizione 2.0. Facebook censura il museo Jeu de Paume”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag