Il parco più bello d’Italia, ecco la top ten 2013

Dieci angoli di paradiso disseminati lungo lo Stivale, sono i dieci finalisti del concorso nazionale “Il parco più bello 2013”

Sono oltre mille i luoghi verdi ad aderire al network www.ilparcopiubello.it: giardini, parchi, ville, sia pubblici sia privati che da Nord a Sud delineano una varietà di paesaggio e natura straordinario, unico, irripetibile. Giardini formali con geometrie rigide e precise, altri più romantici con percorsi morbidi e sinuosi, altri ancora con raccolte botaniche d’eccezione o viste panoramiche mozzafiato. Scegliere tra i mille la decina che rappresenti la summa di queste bellezze ogni anno è impresa ardua, e non è un caso che il comitato scientifico del Parco Più Bello si sia riunito per ben tre settimane prima di decretare la “top ten”. I sette esperti hanno dovuto tener conto dell’interesse botanico e storico-artistico dei luoghi, dello stato di conservazione, degli aspetti connessi con la gestione e la manutenzione, dell’accessibilità, dei servizi, delle relazioni con il pubblico e della promozione turistica. La novità di questo 2013 è che verrà eletto entro l’estate un vincitore per ogni categoria. La verità è che ognuno di questi luoghi merita una visita, in una sorta d’itinerario verde che torna a farci innamorare del Bel Paese.

 

 

I MAGNIFICI DIECI

Il Castello di Miramare affacciato sul golfo di Trieste e circondato da un vasto parco di 22 ettari, è caratterizzato da una grande varietà di piante, risultato dell’impegnativo intervento condotto nell’arco di molti anni da Massimiliano d’Asburgo sul promontorio roccioso che aveva in origine l’aspetto di una landa carsica priva di vegetazione. Nella zona est prevalgono i dettami del giardino paesaggistico con alberi alternati a spazi erbosi, sentieri tortuosi, gazebo e laghetti, mentre la zona a sud-ovest, protetta dal vento, accoglie un impianto geometrico “all’italiana”.

 

A pochi chilometri da Verona, a Valeggio sul Mincio sulle colline moreniche che abbracciano il Lago di Garda, sorge un’oasi ecologica unica nel suo genere: il Parco Giardino Sigurtà dove storia, cultura e natura convivono in perfetta armonia, in un contesto naturale che si estende per circa 60 ettari. Le cinque grandi fioriture (tulipani, iris, rose, ninfee e aster), la grande quercia, la meridiana orizzontale, l’eremo, i diciotto laghetti fioriti, il giardino delle piante officinali, il grande tappeto erboso sono solo alcune delle attrazioni naturali di questa incantevole oasi.

 

A Varese, una meta imperdibile è Villa Toeplitz con il suo parco di 8 ettari tra percorsi romantici e bucolici, giardini progettati con cura, fontane scenografiche e giochi d’acqua. Nel parco ampi prati, macchie di arbusti, un bosco di conifere e uno ceduo di castagno, una ricca varietà di specie spesso esotiche. Tutti questi elementi, e in particolare le geometrie delle vasche e delle fontane, richiamano i giardini orientali.

 

In Toscana spiccano gli splendidi Giardini della Villa Medicea di Castello, posti nella zona collinare di Firenze, oggi sede dell’Accademia della Crusca, uno degli esempi di giardino all’italiana meglio conservato. Disposto su tre terrazze digradanti racchiuse entro alte mura perimetrali, il giardino segue una disposizione assiale. La prima terrazza è caratterizzata da un disegno con sedici aiuole al centro delle quali è una bella fontana, mentre due limonaie delimitano i lati della seconda terrazza con il “giardino degli agrumi”, nel quale si apre la suggestiva “grotta degli Animali”, uno degli ambienti architettonici più suggestivi dell’architettura manierista.

 

Sempre in Toscana, nella top ten ecco il giardino di Villa Cetinale presso Siena. Il giardino formale conosciuto come giardino degli agrumi, che si sviluppa sul retro della villa, è composto da aiuole a disegno geometrico bordate da siepi di bosso. Tutte le aiuole sono ornate da pavoni scolpiti nel tasso e da statue. Il restante spazio esterno è impostato su un lungo asse rettilineo che inizia con un’esedra, prosegue lungo un viale di cipressi e, dopo aver attraversato un monumentale portale, giunge alla villa. L’asse prosegue oltrepassando la villa e il giardino formale continuando il suo percorso fino a terminare con la colossale statua dell’Ercole, un colosso in pietra nascosto nel bosco lontano dalla dimora. A nord della villa, su un’area boschiva è il parco della Tebaide: un tortuoso cammino di penitenza con cappelle votive, croci in pietra e numerose sculture.

 

Nelle Marche, a Pesaro, è Villa Caprile, oggi sede dell’Istituto Tecnico Agrario “Cecchi”. Gli splendidi giardini che seguono il pendio del colle, si dispongono su tre terrazzi collegati da scalinate. Il primo ospita i famosi giochi d’acqua che sorprendono e divertono i visitatori con spruzzi che fuoriescono all’improvviso da siepi e vasi monumentali; il secondo livello è occupato dal pomario con le sue piante da frutto; il terzo ospita il viridarium, con le profumate essenze di rosmarino, salvia, ginepro e timo.

Caprile_02

 

Un luogo e un’esperienza sicuramente diversi a La Scarzuola presso Montegabbione (Terni), un complesso surreale progettato da Tomaso Buzzi, architetto, artista e uomo di cultura tra i più importanti del ‘900. Buzzi costruì la sua “città ideale”, tracciando un percorso simbolico. I suoi giardini rappresentano un fantastico impianto verde ove, tra siepi di bosso, fiori rari, statue e pergolati, è evocato il mito d’amore di Polifilo e della sua ninfa. La Scarzuola è formata da costruzioni raggruppate in sette scene teatrali, metafora della vita di ciascuno, realizzate sul rilievo del terreno e sostenute da poderosi muri di tufo.

 

Sempre nel Lazio imperdibile è il Giardino di Ninfa presso Latina, tra i più belli al mondo per il fascino particolare e misterioso esercitato dalle rovine presenti sul posto: una città abbandonata per la malaria e i saccheggi e rinata a partire dal 1921 con Gelasio Caetani che, nel corso delle bonifiche delle paludi, intravide sotto quei ruderi l’anima di un suggestivo paesaggio sepolto da secoli. È universalmente riconosciuta la genialità insita nella creazione del giardino di Ninfa: un sito pervaso dal generale senso dell’abbandono, con i suoi ruderi monumentali ricoperti da una fitta coltre di vegetazione e con un complesso sistema delle acque. Il giardino presenta un gusto tipicamente anglosassone, compendio di botanica e di rovinismo, sul quale si cimentarono oltre al fratello di Gelasio, Roffredo, anche alcune figure femminili come la moglie di quest’ultimo, Marguerite Chopin, e la figlia donna Lelia Caetani Howard.

Ninfa

 

A Capri a oltre trecento metri sul livello del mare ecco che incontriamo Villa San Michele, con il suo giardino creato dal medico e scrittore svedese Axel Munthe, giunto in Italia per motivi di salute e approdato a Capri nel 1876. Acquistate le rovine di una villa nel 1895, Munthe realizzò un giardino sospeso fra cielo e mare, ricavato sugli stretti terrazzamenti strappati alla roccia, con lunghi viali creati per il passeggio e angoli raccolti, ideali per la meditazione. La visione complessiva del giardino, della struttura architettonica e della collezione artistica è un’esperienza unica nel suo genere che rispecchia il gusto del proprietario. Nel giardino, che ospita suggestive fioriture nel corso di tutto l’anno, si possono ammirare alcune specie caratteristiche della flora mediterranea e altre originarie di varie latitudini, scelte per la loro peculiare bellezza o per la loro valenza simbolica. Punto particolarmente suggestivo è il belvedere della Sfinge, da dove si gode una straordinaria vista del Golfo di Napoli.

 

Il percorso dei dieci finalisti 2013 culmina in Puglia, nell’incantevole giardino botanico di Lama degli Ulivi a Monopoli (Bari), un percorso naturalistico sorprendente, dove le diverse varietà di piante convivono in perfetta armonia. Nello scenario di un’antica depressione carsica ricca di grotte e memorie antiche, sorge un giardino rigoglioso: oltre duemila specie provenienti da ogni angolo del mondo: specie autoctone della macchia mediterranea, ulivi secolari, piante australiane, sudafricane e sudamericane. All’interno del giardino la parola d’ordine è “armonia”, perché un giardino è come una sinfonia: forme che si accomunano o si compensano, colori che si esaltano, profumi leggeri e cangianti che accompagnano il visitatore.

 

I vincitori delle precedenti edizioni: il Giardino di Villa Barbarigo a Valsanzibio (ed. 2003), il Giardino de La Mortella a Ischia (2004), i Giardini del Castel Trauttmansdorff a Merano (2005), Villa d’Este a Tivoli (2006), l’Isola Bella a Stresa (2007), Villa Pisani a Strà (2008), la Reggia di Caserta (2009) il Parco del Castello di Racconigi (2010), il Giardino di Villa Lante (2011) e il Vittoriale degli Italiani (2012).

 

(a cura di g.m)

 

 

TV

Anticipazioni Una Vita: quale sarà il destino di German?

German e Manuela sono morti, eppure anticipazioni spagnole fanno sperare in un ritorno della Manzano, cosa ne sarà invece del suo amato Medico?

Gossip

L’ultima esterna di Claudio e Mario: video

Claudio e Mario “paparazzati” da una fan nell’ultima esterna insieme a Napoli. L’esterna è stata registrata tre giorni fa, i due ragazzi erano nel capoluogo campano […]

TV

Il Segreto Anticipazioni Spagnole: Francisca ha ucciso Salvador Castro

Anticipazioni provenienti dalla Spagna scagionano Soledad, non è lei ad aver ucciso Salvador Castro…

Gossip

Nove mila euro alla Arcuri per accendere un albero di Natale

Sarà Manuela Arcuri la madrina per l’accensione dell’Albero di Natale a Salerno. Un evento tradizione che da il via ai festeggiamenti pubblici organizzati nella città ogni […]

Musica

Tiziano Ferro raddoppia i concerti a Roma e Milano

Il 2017 segnerà l’atteso ritorno live di Tiziano Ferro. Dopo il grande tour negli stadi italiani e nei palazzetti europei del 2015, Tiziano torna finalmente […]

Gossip

Uomini e donne, oggi la scelta di Claudio Sona!

L’attesa è finita. Oggi, Venerdì 2 Dicembre, si concluderà il trono gay di Uomini e Donne con la scelta di Claudio.  Scelta che sarà tra […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag