Howard Carter, Google lo omaggia con un logo egizio

Howard Carter avrebbe oggi 138 anni. Google ricorda con un doodle l’anniversario dell’archeologo inglese che scoprì la tomba di Tutankhamon. A comporre la scritta una serie di manufatti egizi rappresentati alla maniera ottocentesca.

Malaticcio, figlio di un pittore di animali che cercò da subito di coltivarne il talento artistico, il giovane Howard Carter non sembrava destinato a grandi imprese. Ma il caso muove le sue carte come vuole e fu appunto per caso che un giorno d’estate del 1891, a Didlington, incontrò Lady Amherst of Hackney. La baronessa gli disse che se avesse avuto intenzione di diventare pittore forse aveva un’occupazione per lui: il noto esumatore Flinders Petrie e il suo giovane assistente Percy Newberry, reduci da una spedizione nell’Egitto centrale ne avevano riportato migliaia di schizzi a matita, tanto che il povero Newberry stava giorno e notte al British Museum a rifinirli in bella copia.
La nobildonna gli propose di dargli una mano, Carter accettò e per tre mesi finì per fare il copiatore di disegni al British Museum. Nello stesso anno Carter finì nel seguito di Newberry in una nuova spedizione nella Terra dei faraoni, chiamato a riprendere le antichità dal vivo. Fu in quella occasione che si svelò la sua passione di scavatore: il germe dell’archeologia era ormai inoculato.

In Egitto Carter fece carriera, a 25 anni era già diventato ispettore alle Antichità per l’Alto Egitto e la Nubia. Aveva il potere ma non il denaro per scavare, che era la cosa che più gli interessava. La fortuna gli venne incontro indossando i panni di Theodore Davis, facoltoso americano desideroso di scavare nella Valle dei Re. Erano ben pochi a credere che nella Valle dei Re si potesse ancora trovare qualcosa di archeologicamente valido, ma Carter  si ostinò. Nei primi giorni del 1902 cominciò a frugare nella Valle, vi trovò la tomba della regina Hatshepsut e quella di Thutmosi IV, il suo nome cominciò a guadagnarsi fama. Poi arrivò la fame, Carter rimase coinvolto in una lite provocata da altri e nella quale trovò la morte un turista francese, fu costretto a dimettersi da ispettore. A 31 anni senza lavoro, senza soldi, sopravviveva a stento vendendo dipinti ai turisti. Theodore Davis corse in suo aiuto, gli propose di disegnare per lui e per i suoi scavi. Gli anni che seguirono lo avrebbero visto appena risollevato. Poi l’incontro determinante, quello con Lord Carnavon, cui rimase legato, con un rapporto di amore ed odio. Da un lato il ricco Lord che impartiva gli ordini, dall’altro il povero consulente dal fiuto incredibile per le antichità.

Le loro ricerche nella Valle dei Re andarono avanti con ben pochi successi per circa 17 anni. Nell’estate 1922 il Lord decise di porre fine allo stillicidio di denaro e chiudere ogni scavo ma Carter, animato da suo sogno, riuscì a trovare il modo di convincere l’inglese a dargli ancora qualche mese di tempo. Il 3 novembre ripresero gli scavi nell’ultimo settore, di fronte alla tomba di Ramesse VI. Già il secondo giorno di scavo riaffiorò un gradino, subito dopo l’intera scala che che giungeva ad una porta con ancora intatti i sigilli della necropoli, segno che non era mai stata violata nelle migliaia di anni dalla sua chiusura.

Lord Carnarvon venne immediatamente richiamato in Egitto e il 26 novembre con Howard Carter si trovò di fronte alla porta rimasta inviolata per 3500 anni. Attraverso un foro si poté appurare che il corredo funerario era intatto. E quando il giorno seguente finalmente fu aperta la tomba si rivelò la grandiosità del corredo funebre del faraone dimenticato, ancora intatto compresi il sarcofago ed i vasi canopi.

« Diedi l’ordine. Fra il profondo silenzio, la pesante lastra si sollevò. La luce brillò nel sarcofago. Ci sfuggì dalle labbra un grido di meraviglia, tanto splendida era la vista che si presentò ai nostri occhi: l’effige d’oro del giovane re fanciullo. »

Carter trascorse il resto della vita facendo il consulente per importanti musei americani. Morì a Londra a 65 anni per un linfoma.

 

TV

Anticipazioni Un Posto al Sole: da lunedì 5 a venerdì 9 dicembre 2016

Scopriamo cosa ci riservano le trame della soap Un Posto al Sole per la prima settimana del mese di dicembre.

TV

Anticipazioni Il Segreto: da lunedì 5 a sabato 10 dicembre 2016

Scopriamo le anticipazioni della soap Il Segreto per la prima settimana di dicembre.

Gossip

Uomini e Donne: Riccardo spiazza tutti e sceglie Camilla. Martina accusa la coppia di falsità

Nel corso della registrazione di Venerdì 3 Dicembre, c’è stata un’altra scelta, questa volta a sorpresa. Riccardo Gismondi è uscito dal programma di Maria De Filippi […]

TV

Anticipazioni Una Vita: da lunedì 5 a venerdì 9 dicembre 2016

Scopriamo cosa ci riservano le puntate della soap Una Vita, per questa prima settimana del mese di dicembre.

Gossip

Uomini e Donne, trono gay, Claudio ha scelto Mario e commenta su Instagram” “Sedersi e avere un unico pensiero. Fantastico”

Venerdì 2 Dicembre, si è registrata la puntata della scelta di Claudio Sona. Il tronista diviso tra i due pretendenti Francesco Zecchini e Mario Serpa, sceglie Mario!  Si è […]

TV

Anticipazioni Beautiful: da lunedì 5 a sabato 10 dicembre 2016

Tutte le anticipazioni della soap Beautiful per la prima settimana di dicembre…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag