Grandi mostre: l’oggetto surrealista, al Centre Pompidou

Il Surrealismo e l’oggetto, ovvero la prima grande mostra dedicata alle tecniche scultoree surrealiste. Al Centre Pompidou di Parigi, dal 30 ottobre al 4 marzo 2014. Una mostra curata da Didier Ottinger, assistente direttore del Museo nazionale d’arte Moderna che invita a un nuovo sguardo sul più importante movimento d’avanguardia del 20 ° secolo, in un momento in cui la sua importanza storica è ancora di grande attualità, e la sua influenza sull’arte contemporanea sempre più evidente.

Dal primo ready made di Marcel Duchamp il famoso “Porte-bouteille ” del 1914 (il primo in realtà è la ruota di biciletta, del 1913, ma lì c’è un intervento dell’artista che fissa la ruota ad uno sgabello, mentre nel portabottiglie la scelta è ancora più radicale) alle sculture di Mirò della fine degli anni Sessanta, la mostra ripercorre in circa 200 opere e 42 artisti le varie fasi della coraggiosa presa di posizione dei surrealisti, quella di fare “scultura” attraverso l’uso di oggetti del quotidiano. Il curatore, Didier Ottinger esplora l’idea che nel 1927, con l’approvazione del “materialismo dialettico” di André Breton i surrealisti si concentrino sull’oggetto come risposta ad una situazione ideologica che nega il potere dei sogni e il subconscio. Come “oggettivazione del sogno“, l’oggetto, ai loro occhi, diventa un mezzo efficace per sovvertire poeticamente la realtà.

 

La mostra dell’oggetto surrealista inizia con Alberto Giacometti e la sua “Boule suspendue ” (1930 – 1931) e tocca il punto più alto esponendo opere dal “Salone surrealista degli oggetti” in scena alla galleria Charles Ratton nel maggio 1936. Le sculture realizzate durante la Seconda guerra mondiale da Max Ernst, Alexander Calder e Pablo Picasso illustrano l’affermarsi in questo periodo dell’oggetto d’arte surrealista attraverso l’utilizzo di una tecnica scultorea simile all’arte dell’assemblaggio. Giacometti , Dalì , Calder, Picasso, Mirò, Max Ernst e Man Ray sono gli artisti chiamati dalla mostra ai banchi dei testimoni, per un racconto che evidenzia i momenti chiave in del pensare “surrealista”, e lancia uno sguardo alla sua fertile posterità nell’arte contemporanea.


Le Surréalisme et l’objet – du 30 octobre 2013… di centrepompidou

Tuttavia due oggetti su tutti, acquistano un valore che supera il tempo e interseca l’intera esposzione: il manichino di De Chirico e il già citato porta bottiglie di Duchamp, entrambi del 1914, entrambi destinati a guadagnare fama eterna nell’immaginario del movimento. Dalla Bambola di Hans Bellmer (1933-1934) ai manichini che rivestono le “strade” al ” Salone Internazionale del Surrealismo” del ‘38, i manichini diventano aspetto normale negli eventi surrealisti e, non a caso, il Manifesto del 1924 presenta il manichino come uno degli oggetti più propizi per la produzione del “meraviglioso” voluta dal Surrealismo, perfetto per suscitare quel senso di “straniamento” ispirato a Sigmund Freud (per la sua scoperta della bambola Olimpya in un racconto di Hoffmann). Non meno pregnante per il movimento, la rivoluzione duchampiana del ready made. Nel 1938, il Dictionnaire Abrege du Surrealisme (breve dizionario del Surrealismo ) parla dell’opera di Duchamp come “oggetto elevato alla dignità di un’opera d’ arte dalla sola volontà dell’artista” è dunque il prototipo dell’oggetto surrealista, capace di cristallizzare i sogni ei desideri del suo “inventore”.  www.centrepompidou.fr  (g.m)

 

 

TV

Anticipazioni Il Segreto: Francisca e Aurora si contendono Beltran

Dopo la morte di Bosco vedremo Francisca e Aurora combattere per la custodia di Beltran.

Gossip

Uomini e Donne: Luca Onestini è il nuovo tronista !

Ad appena due settimane dalla scelta di Clarissa Marchese e dopo la conclusione di tutti i troni in corso (Riccardo, Claudio D. e Claudio S.) […]

Gossip

Justin Bieber smentisce il matrimonio con Selena Gomez: “Sono single, non cerco nessuno”

Justin Bieber, ospite nel noto talk-show statunitense, The Ellen DeGeneres Show, smentisce seccamente le presunte nozze con la sua storica ex, Selena Gomez. I tabloid statunitensi avevano […]

TV

Caterina Balivo accende l’albero di Detto Fatto per beneficenza

Caterina Balivo porta lo sfavilante Buon Natale di Detto Fatto ai bambini ricoverati nella clinica pediatrica De Marchi.

Gossip

Ludovica Valli ha un nuovo fidanzato? Pioggia di critiche per l’ex tronista

Dopo aver dichiarato di voler voltare pagina e ammesso la fine della relazione con Fabio Ferrara, Ludovica Valli alimenta i sospetti su un nuovo, presunto fidanzato, […]

TV

Francesco – Il Papa della gente: 7 e 8 dicembre 2016 su Canale 5

Arriva su Mediaset la miniserie dedicata al pontefice Jorge Mario Bergoglio firmata dal regista Daniele Luchetti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag