Giovanni Testori, grande mostra per rendergli omaggio

La prima mostra del ciclo del Mar dedicato ai critici d’arte ha avuto luogo al centro Roberto Longhi. Le successive Francesco Arcangeli e Corrado Ricci. […]

La prima mostra del ciclo del Mar dedicato ai critici d’arte ha avuto luogo al centro Roberto Longhi. Le successive Francesco Arcangeli e Corrado Ricci. E ora, dal 12 febbraio al 17 giugno, è la volta di un tributo a Giovanni Testori, anche drammaturgo, giornalista e storico scomparso appena prima di compiere settant’anni nel 1993. L’occasione per ammirare, al Museo d’arte della città di Ravenna, opere di Michelangelo Merisi, Henri Matisse, Renato Guttuso e Giacomo Manzù. L’esposizione, intitolata “Caravaggio, Courbet, Giacometti, Bacon, miseria e splendore della carne. Testori e la grande pittura europea”, si aprirà l’11 febbraio e chiuderà il 17 giugno.

L’iniziativa, sostenuta dalla fondazione “Cassa di risparmio di Ravenna”, è curata da Claudio Spadoni.
Personaggio complesso, Testori si distinse per il coraggio di scegliere strade impervie perché distanti da quelle ufficiali. La sua “eccentricità” emerge innanzitutto dalla preferenza verso temi protesi all’esaltazione delle domande ultime: come le Erodiadi, la Maddalena, il san Francesco in estasi e le teste del Battista di Francesco Cairo, le crocifissioni di Gaudenzio Ferrari, e le figure di Tanzio di Varallo al pari di quelle di Francis Bacon e Alberto Giacometti. Una sua grande passione dichiarata fu Caravaggio di cui si potranno vedere l’olio su tela “Ragazzo morso dal ramarro” e una “Testa di putto”, studio per la Natività con i santi Francesco e Lorenzo che ha sul verso un altro studio, questo per una figura e una mano.

 

Verrà allestito un percorso articolato in diverse sezioni incentrate sui vari periodi approfonditi dallo studioso milanese e sugli artisti da lui maggiormente amati, a partire dai suoi primi scritti su Manzù, di cui saranno presentati alcuni suggestivi inchiostri su carta, Matisse (spazio al suo “Ritratto di donna seduta”) ed Ennio Morlotti con le sue nature morte, le sue bagnanti, i suoi fiori appassiti e i suoi “flash” sul fiume Adda. Poi i francesi Gustave Courbet e Theodore Géricault, e le riscoperte della “pittura di realtà” nella Lombardia cinquecentesca (dal Romanino al Moretto) e del Seicento: un esempio è Giovan Battista Moroni.

Il “viaggio” proseguirà nel segno dei manieristi lombardo-piemontesi, quali il Cerano con “La deposizione di Cristo nel sepolcro” e il Morazzone con l’”Incoronazione di spine”, e prestando attenzione a esponenti della Nuova Oggettività (da Otto Dix a George Grosz), Nuovi Selvaggi e Nuovi Ordinatori. Senza dimenticare Mario Sironi, Enzo Cucchi e Mimmo Paladino di cui si gusterà una “Veronica”. E inoltre la rassegna proporrà una selezione di ritratti di Testori firmati, fra gli altri, da Rainer Fetting e Paolo Vallorz. (Marco Fornara)

 

Sergio Vacchi, Ritratto di Testori, 1991, smalto su tavola di legno, collezione privata

 

 

 

TV

Il Segreto: sabato 1 ottobre, dopo la puntata Verissimo

Confermato l’appuntamento di sabato alle 15.15, a seguire ospite da Verissimo Sandra Cervera l’attrice che interpreta Emilia Ulloa.

Gossip

Eleonora Giorgi shock: penso alla clausura

Eleonora Giorgi, in occasione dell’uscita della sua autobiografia ‘Nei panni di un’altra‘, si confessa al settimanale Diva e Donna: “potrei entrare in convento, sono stanca e […]

Gossip

Grande Fratello Vip: Le liti

Gli scontri tra i Vip del Grande Fratello nei primi undici giorni della casa di Cinecittà, sono tra le donne. Protagoniste delle accese discussioni sono state: Marini contro […]

TV

Anticipazioni Squadra Antimafia 8: puntata 30 settembre 2016

Andrà in onda stasera la quarta puntata di Squadra Antimafia 8, dopo lo slittamento della fiction dal giovedì al venerdì…

TV

XFactor: alla terza puntata è già Polemica!

Dopo il secondo appuntamento è già bufera su XFactor, scopriamo di più sulla polemica che ha coinvolto il programma nel corso dell’ultima settimana…

Attualità

I magnifici 10 di Instagram

Instagram sta per compiere 6 anni. La prima versione risale infatti al 6 ottobre del 2010. E, in appena sei anni, è diventato il social […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag