Firenze: “Pregio e bellezza”. Le gemme che incantarono di signori del Rinascimento

Fili di perle intrecciati nei capelli, un cammeo al collo che ritrae Apollo, Marsia e Olimpo, un rubino sul capo e ancora perle, a dozzine, […]

Fili di perle intrecciati nei capelli, un cammeo al collo che ritrae Apollo, Marsia e Olimpo, un rubino sul capo e ancora perle, a dozzine, lungo l’abito dai ricami d’argento. La giovane donna ritratta da Botticelli è elegantemente indifferente a tanto lusso, non sembra compiacersene. Il suo sguardo cade fuori dal quadro, rivolto verso un punto lontano, è velato da lieve malinconia mentre la vista dello spettatore è invece catturata dalla ricchezza di quegli ornamenti, dalla chioma bionda, dal cammeo che racconta una storia a sé.

Il Ritratto ideale di fanciulla,  è il fulcro della mostra “Pregio e bellezza – Cammei e intagli dei Medici” allestita dal 26 marzo al 27 giugno al Museo degli Argenti di Palazzo Pitti, a Firenze. In Italia per la prima volta, giunto in prestito dallo Städel Museum di Francoforte, il dipinto di  Sandro Botticelli viene esposto come omaggio al pittore in occasione del V centenario della sua morte. Sul petto della giovane donna (Simonetta Vespucci)  il pendente in oro ornato da un cammeo riproducente la celebre corniola con Apollo, Marsia e Olimpo di proprietà di Lorenzo il Magnifico, nota anche col nome di “sigillo di Nerone” ed oggi custodita al Museo Archeologico Nazionale di Napoli. Da questo esempio la mostra prende spunto per raccontare una passione che travolse i Medici e tanti notabili del Rinascimento: quella delle gemme, in particolare delle gemme antiche. Tanto preziose e perfette che – come la mostra mette in risalto – furono fonte d’ispirazione per tanti artisti dell’epoca. Non solo Botticelli, anche Lorenzo Ghiberti, Donatello e lo stesso Leonardo Da Vinci nelle diafane raffigurazioni delle gemme trovarono importanti spunti creativi.

La passione collezionistica dei Medici, rivive oggi attraverso l’eposizone di centosettanta opere che il tempo e le vicende storiche hanno disperso nel mondo. Minuscoli e preziosi intagli ma anche codici miniati, medaglie, disegni, dipinti e sculture atti a dimostrare la grande fortuna degli esemplari posseduti dai signori di Firenze. “Messe a dialogare con le opere d’arte – commenta la soprintendenten del Polo museale fiorentino,  Cristina Acidini – le gemme del Rinascimento rivelano quanta forza ispiratrice si sprigionasse da quei minuscoli capolavori, grazie alla maestria degli artefici in grado di competere con gl’intagliatori dell’antichità imperiale, all’arcano potere simbolico dei soggetti, alle virtù magiche delle pietre”.
Pontefici, principi e cardinali, scatenavano aspri conflitti per aggiudicarsi a qualsiasi prezzo il pezzo desiderato, e dalla bellezza di questi oggetti, provenienti da importanti musei internazionali, si comprende il perché.

La mostra apre Firenze 2010 Un anno ad arte (www.unannoadarte.it), l’ambizioso e articolato progetto espositivo dei Musei Statali Fiorentini promosso dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali con la Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Toscana, la Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze, il Museo degli Argenti, Firenze Musei e l’Ente Cassa di Risparmio di Firenze.

Artista-ignoto_Dioniso-e-Arianna-a-Nasso

Dioskourides_Apollo_Olimpo_e_Marsia

Giovanni_Antonio_de_Rossi_Cammeo

Imitatore-di-Michelangelo_Apollo-e-Marsia

Manifattura dell'Italia-Meridionale: Ingresso nell’Arca

Manifattura-italiana_La-caduta-di-Fetonte

Leonardo-da-Vinci_Studi-per-un-giovane-uomo-seduto-e-per-un-bambino-che-gioca-con-un-agnello

Michelangelo_Giovane_nudo_addormentato_sopra_un_sedile

Scultore-francese_Apollo-e-Marsia

Sandro_Botticelli_Ritratto_femminile

TV

Il Segreto: sabato 1 ottobre, dopo la puntata Verissimo

Confermato l’appuntamento di sabato alle 15.15, a seguire ospite da Verissimo Sandra Cervera l’attrice che interpreta Emilia Ulloa.

Gossip

Eleonora Giorgi shock: penso alla clausura

Eleonora Giorgi, in occasione dell’uscita della sua autobiografia ‘Nei panni di un’altra‘, si confessa al settimanale Diva e Donna: “potrei entrare in convento, sono stanca e […]

Gossip

Grande Fratello Vip: Le liti

Gli scontri tra i Vip del Grande Fratello nei primi undici giorni della casa di Cinecittà, sono tra le donne. Protagoniste delle accese discussioni sono state: Marini contro […]

TV

Anticipazioni Squadra Antimafia 8: puntata 30 settembre 2016

Andrà in onda stasera la quarta puntata di Squadra Antimafia 8, dopo lo slittamento della fiction dal giovedì al venerdì…

TV

XFactor: alla terza puntata è già Polemica!

Dopo il secondo appuntamento è già bufera su XFactor, scopriamo di più sulla polemica che ha coinvolto il programma nel corso dell’ultima settimana…

Attualità

I magnifici 10 di Instagram

Instagram sta per compiere 6 anni. La prima versione risale infatti al 6 ottobre del 2010. E, in appena sei anni, è diventato il social […]

5 commenti su “Firenze: “Pregio e bellezza”. Le gemme che incantarono di signori del Rinascimento”

  1. Anna Checcoli scrive:

    Il “ritratto femminile” di Sandro Botticelli altri non è che Simonetta Vespucci. Sono inoltre rimasta perplessa di fronte all’ennesimo “Apollo e Marsia” di scuola francese, dove Apollo è chiaramente una donna, per cui suppongo che il soggetto sia per lo meno una reinterpretazione. Splendide le acquisizioni del Museo degli Argenti di gioielli e miniature, ma anche in relazione a queste ultime, mi ha colpito l’attribuzione della provenienza all’Austria di un piccolo ritratto di fanciulla con in mano un biglietto che cita in Francese la dedica all’amico Max. Comunque bellissima esposizione in splendido contesto.

  2. Simonetta è la gemma, la più preziosa, che più incantò i privilegiati signori del Rinascimento fiorentino e che, ancora oggi, incanta noi, stupefatti ammiratori del ritratto di Sandro Botticelli.

  3. Simonetta è la gemma, la più preziosa, che più incantò i privilegiati signori del Rinascimento fiorentino e che, ancora oggi, incanta noi, stupefatti ammiratori del ritratto di Sandro Botticelli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag