Da Donatello a Lippi: una mostra imperdibile, a Prato

Da Donatello a Lippi. Officina Pratese. Prato, Museo di Palazzo Pretorio, dal 14 settembre 2013 al 13 gennaio 2014. Una mostra curata da Andrea De Marchi e Cristina Gnoni Mavarelli che riporta a casa, dopo secoli numerosi capolavori dispersi nei musei di mezzo mondo

La laboriosa Prato del Quattrocento era una fucina di creatività straordinaria. Il centro di tutto era la fabbrica della prepositura di Santo Stefano (poi cattedrale) per la quale vennero assoldati artisti della grandezza di Donatello, Michelozzo, Maso di Bartolomeo, Paolo Uccello e Filippo Lippi. A loro va aggiunto il figlio di fra’ Filippo, Filippino, che da Prato partì e a Prato tornò a lavorare da anziano.

Su tutti è proprio la figura carismatica di Filippo Lippi che domina, chiamato fra gli anni ’50 e ’60 ad affrescare la cappella maggiore del Duomo. Occasione per altri pittori di apprendere la sua straordinaria lezione, come il Maestro della Natività di Castello o Fra Diamante.
Prima di Lippi, però, due giovani artisti, poi divenuti grandissimi, operano in città: Donatello e Paolo Uccello che qui realizzano opere che già testimoniano tutta la loro vena di sperimentatori.  Di Donatello sarà esposta La Madonna col Bambino fra due Angeli, capolavoro giovanile poco conosciuto, conservato a Prato.

 

La mostra vuole offrire, attraverso una scelta di opere tutte di grande qualità, alcuni squarci di luce su queste personalità, per aiutare a capire meglio quanto a Prato di loro è rimasto. Al tempo stesso si prefigge alcune operazioni esemplari di ricostruzione di opere che erano a Prato e che sono state smembrate, riunendo predelle e pale ora divise fra i musei pratesi e le collezioni straniere (l’Assunta di Zanobi Strozzi dipinta per il Duomo, ora a Dublino, e la predella del Museo di Palazzo Pretorio; il capolavoro del Maestro della Natività di Castello, la pala di Faltugnano ora nel Museo dell’Opera del Duomo, la cui predella è spartita fra la National Gallery di Londra e la Johnson Collection di Philadelphia). Saranno così riportati a Prato capolavori che si trovano in importanti musei stranieri, come la pala di Budapest di Fra Diamante, proveniente dall’oratorio di San Lorenzo”.

La mostra è promossa dal Comune di Prato con la collaborazione tecnico-scientifica della Soprintendenza per i Beni Architettonici, Paesaggistici, Artistici, ed Etnoantropologici per le Province di Firenze, Pistoia e Prato, con il sostegno della Fondazione Cassa di risparmio di Prato, e la collaborazione di MondoMostre e di CoopCulture. (www.palazzopretorio.prato.it ) (g.m)

TV

Anticipazioni Una Vita: quale sarà il destino di German?

German e Manuela sono morti, eppure anticipazioni spagnole fanno sperare in un ritorno della Manzano, cosa ne sarà invece del suo amato Medico?

Gossip

L’ultima esterna di Claudio e Mario: video

Claudio e Mario “paparazzati” da una fan nell’ultima esterna insieme a Napoli. L’esterna è stata registrata tre giorni fa, i due ragazzi erano nel capoluogo campano […]

TV

Il Segreto Anticipazioni Spagnole: Francisca ha ucciso Salvador Castro

Anticipazioni provenienti dalla Spagna scagionano Soledad, non è lei ad aver ucciso Salvador Castro…

Gossip

Nove mila euro alla Arcuri per accendere un albero di Natale

Sarà Manuela Arcuri la madrina per l’accensione dell’Albero di Natale a Salerno. Un evento tradizione che da il via ai festeggiamenti pubblici organizzati nella città ogni […]

Musica

Tiziano Ferro raddoppia i concerti a Roma e Milano

Il 2017 segnerà l’atteso ritorno live di Tiziano Ferro. Dopo il grande tour negli stadi italiani e nei palazzetti europei del 2015, Tiziano torna finalmente […]

Gossip

Uomini e donne, oggi la scelta di Claudio Sona!

L’attesa è finita. Oggi, Venerdì 2 Dicembre, si concluderà il trono gay di Uomini e Donne con la scelta di Claudio.  Scelta che sarà tra […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag