Carabinieri, meno furti d’arte ma più falsi sul mercato. Bilancio del Comando tutela Patrimonio Culturale

Il costante oltraggio al patrimonio culturale vede i Carabinieri impegnati in una lotta costante. I dati delle attività 2012 del Comando tutela del patrimonio culturale e gli esiti (sconcertanti) di un’operazione recente

Diminuiscono i furti d’arte (-1,7 %) e gli scavi clandestini (- 29 %) ma crescono i falsari (soprattutto nell’arte contemporanea, + 1,6% i falsi recuperati pari a un valore di 78 milioni di euro) e aumenta il numero delle persone deferite all’Autorità giudiziaria per reati collegati al patrimonio culturale (1150 + 6%). Costante è invece l’azione dei Carabinieri a tutela delle aree di prevenzione paesaggistica (2813 controlli 227 persone deferite). E se le chiese sono i luoghi più colpiti dai ladri d’arte, seguite da case private ed enti pubblici; Lazio, Lombardia ed Emilia Romagna sono le Regioni che registrano il numero maggiore di furti, mentre Sicilia, Puglia e Sradegna sono le Regioni con il più alto tasso di scavi clandestini accertati. E’ il bilancio di un anno d’attività del Comando tutela patrimonio culturale dei Carabinieri, presentato a Roma in conferenza stampa.

domitillaQuello che emerge è un quadro dove al forte e meritorio impegno dell’Arma nel settore della tutela dei Beni Culturali, e ai successi ottenuti nel recupero di importanti opere (più avanti entreremo nel dettaglio) corrisponde una criminalità sempre più attrezzata.

Solo dal monitoraggio di siti Internet i Carabinieri sono riusciti a sequestrare 50.686 beni ampliando le loro indagini anche a livello internazionale e ottenendo il rimpatrio di 1389 beni italiani e il recupero di 149 beni di Paesi esteri restituiti poi attraverso le ambasciate.

Come la testa di Dimitilla minor, il volto in marmo della figlia di Vespasiano (69d.C), rubata dal museo di Sabratha nel 1990 e restituita alla Libia prima che venisse posta in vendita all’asta da Christie’s di Londra (foto a lato). Tra i beni italiani recuperati alcuni hanno fatto clamore, come i 2835 volumi antichi d’inestimabile valore sequestrati tra l’Italia e la Germania provenienti dalla biblioteca dei Girolamini di Napoli; il Crocefisso ligneo attribuito a Michelangelo; ben 1.300 reperti archeologici; e quindi la celbre Tavola Doria, rientrata dalla Svizzera. E’ un olio su tela del XVI secolo rappresentante la perduta Battaglia d’Anghiari di Leonardo.

 

UN’OPERAZIONE DA 35 MILIONI DI EURO 

La conferenza stampa è stata l’occasione per illustrare l’ultimo risultato investigativo conseguito dal Reparto Operativo di Roma e conclusosi con il sequestro di oltre 2000 reperti archeologici e sei dipinti, questi ultimi come parziale provento di furto ai danni di privati del Centro Italia e la denuncia a piede libero di 35 persone per ricettazione ed impossessamento illecito di materiale archeologico.

Nel circuito illegale smascherato i Carabinieri hanno rintracciato diversi personaggi e ciascuno con compiti specifici. Alcuni erano impegnati nelle ricerche archeologiche clandestine altri, invece, attraverso ingenti somme di denaro si erano concentrati su un collezionismo indiscriminato di beni archeologici.

L’azione investigativa, coordinata dalla Procura della Repubblica di Roma s’è concentrata quindi su un gruppo di persone che facevano capo al titolare di una azienda di arredamento d’interni. Quest’ultimo oltre ad arredare con marmi di pregio antichi alcune ville della Capitale, impiegava il materiale di recupero, scavato clandestinamente, per realizzare pavimentazioni a mosaico, valorizzando le richieste di alcuni suoi clienti con uno spiccato gusto per l’antico. Lo scempio dei siti archeologici scavati clandestinamente era costante e infatti al momento delle perquisizioni i Carabinieri recuperavano e sequestravano oltre 2000 reperti tra kylix, oinochoe, alabastron, crateri, anfore, lebete, skyphos, kantharos, lucerne, olle, kyathos, fregi antefisse, bracciali, fibule, strigili, cammei, parure in oro filigranato, statuine in osso e avorio, utensili, gioielli, monili, ampolle in vetro. Le opere, nel loro insieme, raccontano il periodo di massimo splendore di questo tipo di lavorazione nel mondo romano. Alcune di queste, provenienti anche da aree sacre santuariali, sono dedicate a divinità salutari e pertinenti a stipe votive riconducibili ad un’epoca compresa tra l’VIII sec. a.C. e il II sec. d.C. Tra i beni recuperati, frammenti di tessere di mosaico e marmi di pavimentazione di epoca imperiale romana, stipati all’interno di due e containers pronti per essere reimpiegati nell’abbellimento di ville private.

Tra i beni più preziosi, una rarissima ed inedita Planopia del IV sec. a.C. di provenienza sannitica, completa di elmo calcidico del tipo 3B2, piastra pettorale trilobata, kardiophylax e cinture; una statua romana del II sec. d.C.; un’Anfora a vernice nera raffigurante una scena mitologica; una Kilix attica a figure nere; un’Epikisis in terracotta a figure nere; numerosi bronzi raffiguranti Eroti e una rarissima Cistae in bronzo con incisioni in estrusco ad anse antropomorfe e coperchio decorato con figure virili del VII sec. a.C.

Le opere recuperate, di grande importanza storico, artistica ed archeologica, hanno un valore commerciale superiore ai trentacinquemilioni milioni di euro.

(a.d)

ALCUNE DELLE OPERE RECUPERATE NELL’OPERAZIONE DI ROMA

 

TV

Anticipazioni Il Segreto: Francisca e Aurora si contendono Beltran

Dopo la morte di Bosco vedremo Francisca e Aurora combattere per la custodia di Beltran.

Gossip

Uomini e Donne: Luca Onestini è il nuovo tronista !

Ad appena due settimane dalla scelta di Clarissa Marchese e dopo la conclusione di tutti i troni in corso (Riccardo, Claudio D. e Claudio S.) […]

Gossip

Justin Bieber smentisce il matrimonio con Selena Gomez: “Sono single, non cerco nessuno”

Justin Bieber, ospite nel noto talk-show statunitense, The Ellen DeGeneres Show, smentisce seccamente le presunte nozze con la sua storica ex, Selena Gomez. I tabloid statunitensi avevano […]

TV

Caterina Balivo accende l’albero di Detto Fatto per beneficenza

Caterina Balivo porta lo sfavilante Buon Natale di Detto Fatto ai bambini ricoverati nella clinica pediatrica De Marchi.

Gossip

Ludovica Valli ha un nuovo fidanzato? Pioggia di critiche per l’ex tronista

Dopo aver dichiarato di voler voltare pagina e ammesso la fine della relazione con Fabio Ferrara, Ludovica Valli alimenta i sospetti su un nuovo, presunto fidanzato, […]

TV

Francesco – Il Papa della gente: 7 e 8 dicembre 2016 su Canale 5

Arriva su Mediaset la miniserie dedicata al pontefice Jorge Mario Bergoglio firmata dal regista Daniele Luchetti.

Un commento su “Carabinieri, meno furti d’arte ma più falsi sul mercato. Bilancio del Comando tutela Patrimonio Culturale”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag