Capitale Europea della Cultura 2019: 21 le candidate italiane, scelta ardua

Sono ventuno le città italiane in corsa come Capitale europea della Cultura per il 2019

Le magnifiche 21 hanno presentato al MiBac regolare “dossier di candidatura” ed ora attendono che la commissione ad hoc effettui la prima selezione, le “prescelte” avranno alcuni mesi di tempo per migliorare il proprio progetto, quindi il Consiglio dell’Unione nel 2014 effettuerà la propria scelta, su suggerimento del ministro della Cultura, e  sarà una scelta non facile

 

Il ruolo di Capitale Europea della Cultura (due città ogni anno, nel 2019 l’Italia dividerà l’onore e l’onere con la Bulgaria) è ambito, preziosa l’opportunità di rilanciare economia, risanare aree di degrado sociale e urbanistico, incrementare l’offerta culturale e costruirsi una reputazione internazionale che genera turismo e dunque occupazione.  In lizza: Aosta, Bergamo, Cagliari, Caserta, Città-diffusa Vallo di Diano e Cilento con la Regione Campania e il Mezzogiorno d’Italia, Erice, Grosseto e la Maremma, L’Aquila, Lecce, Mantova, Matera, Palermo, Perugia con i luoghi di Francesco d’Assisi e dell’Umbria, Pisa, Ravenna, Reggio Calabria, Siena, Siracusa ed il Sud Est, Taranto, Urbino, Venezia con il Nordest per una competizione che non dovrà essere – si spera – fratricida. Ciascuna delle località ha motivi ottimi per ambire al “titolo”, tesori d’arte straordinari, unicità da mostrare al mondo e tutelare, millenni di storia da mettere sul piatto. Tuttavia una città non viene scelta come capitale europea della cultura unicamente per quello che è, ma soprattutto per quello che intende fare per un anno che deve essere “eccezionale”. Il programma, vuole il regolamento UE, deve infatti soddisfare alcuni criteri specifici. Deve valorizzare la ricchezza e la diversità delle culture europee; deve celebrare i legami culturali che legano insieme gli europei (in questo è stata eccezionale Marsiglia, capitale in questo 2013, con la molteplicità d’iniziative dedicate al Mediterraneo), deve promuovere una cultura europea della reciprocità e favorire un sentimento di cittadinanza europea. Con quali fondi? A oggi lo Stato italiano non ha previsto risorse specifiche, ma iniezioni di denaro potrebbero arrivare dal nuovo ciclo di programmazione europea 2014-2020 (30 miliardi di euro).

 

Firenze, Bologna e Genova sono le città italiane che negli anni passati sono state Capitali Europee della Cultura, nel 2014 toccherà a Umeå, Svezia e Riga, Lettonia. Nel 2015 di scena Mons, Belgio e Plzeň, Repubblica Ceca; nel 2016 Donostia-San Sebastián, Spagna e Wrocław, Polonia; nel 2017 Aarhus, Danimarca e Paphos, Cipro; nel 2018 i Paesi Bassi e La Valletta, Malta. E per il 2019 vinca il migliore (il migliore programma). (a.d)

© Riproduzione riservata

TV

Uomini e Donne: anticipazioni sul Trono Gay

Quando partirà la prima edizione del Trono Gay? Chi sarà il primo protagonista? Ce lo racconta la padrona di casa Maria De Filippi…

TV

Il Segreto Anticipazioni Spagnole: l’odio di Amalia per i Castro Balmas

Le minacce della Montenegro e la vicinanza di Ines, porteranno Amalia a vivere un forte momento di instabilità: la ragazza si scaglierà contro la famiglia Castro Balmas responsabile della sua permanenza a Puente Viejo…

TV

Cherry Season: puntate 4 e 5 Agosto

Borcu e Sibel sono vicine ad Oyku dopo il litigio con Ayaz, ma per far tornare il sereno servirà l’aiuto dell’amico Mete…

TV

Beautiful: Puntata 4 agosto 2016

Wyatt e Steffy sono sempre più vicini alla verità… quanto potrà durare ancora la messinscena di Quinn?

TV

Anticipazioni Il Segreto: Severo aggredisce Francisca

Severo, di fronte ad una sconcertante rivelazione, non riuscirà più a controllare il suo risentimento nei confronti di Donna Francisca. Presto, lo scontro finale…

TV

Anticipazioni Una Vita: Manuela contro Justo

Stanca di subire i soprusi di Justo e Cayetana, Manuela, farà di tutto per smascherare i due amanti e scagionare German…

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag