Brera, restaurato dipinto “Cristo e l’adultera”

Erano circa cinquant’anni che non veniva esposto al pubblico. Da qualche giorno alla pinacoteca milanese di Brera (nella foto di testa) si può di nuovo […]

Erano circa cinquant’anni che non veniva esposto al pubblico. Da qualche giorno alla pinacoteca milanese di Brera (nella foto di testa) si può di nuovo ammirare il capolavoro “Cristo e l’adultera” di Agostino Carracci. Il dipinto nei mesi scorsi è stato restaurato con un intervento finanziato da Credit Suisse.

Le operazioni sono state ultimate dallo studio Grazioli di Bergamo con la direzione di Ede Palmieri, e seguono quelle condotte nel 2008 su “Cristo e la Cananea” di Ludovico Carracci (cugino di Agostino) e quelle di pochi mesi or sono su “Cristo e la Samaritana” di Annibale Carracci (fratello di Agostino).

Cristo e l'adultera prima del restauro

 

Tre tele appartenenti a un ciclo decorativo raffigurante scene d’incontri di Gesù con donne del Vangelo e una serie di affreschi illustranti le virtù di Ercole. Furono realizzati per palazzo Sampieri in strada Maggiore a Bologna. Erano gli anni 1593-94. L’occasione di studio offerta dal loro recupero ha permesso di aggiungere molti tasselli alla conoscenza di questi dipinti: prima di tutto da un punto di vista storico, identificando nel desiderio di autocelebrazione della famiglia Sampieri, che viveva un periodo di particolare eccellenza e potere dovuto soprattutto alla nomina al rango senatoriale, la ragione principale del lavoro commissionato dal giovane abate Astorre.

Questi, appena rientrato da importanti incarichi di curia e fiducioso in una brillante carriera ecclesiastica, decise, nello spirito del clima trionfalistico romano, di chiamare i più importanti pittori attivi a Bologna, appunto i Carracci, per questo progetto. Il tutto a modello di ciò che aveva visto fare dalle grandi famiglie del tempo come i Farnese.

Cristo e l'adultera dopo il restauro

 

Ma le scoperte più interessanti riguardano i problemi iconografici. Erano sempre rimasti aperti gli interrogativi riguardanti i motivi della scelta di questi tre soggetti evangelici, un unicum in tutta la storia dell’arte, disposti su tramezzi in modo da creare un particolare effetto prospettico a cannocchiale. E ignoto era anche il perché dell’accostamento con i temi degli affreschi.

E’ stato possibile identificare nelle tre scene delle tele, che ritmano il lungo vano di accesso alle sale “dedicate” a Ercole, le tre virtù teologali: praticandole, Astorre, in una sorta di percorso iniziatico, potrà accedere ai risultati sperati, tanto quanto l’esercizio delle proprie qualità ha permesso all’eroe di giungere alla gloria eterna dell’Olimpo, accolto da Giove e da lui tramutato per l’eternità in splendida costellazione. (Marco Fornara)

© Riproduzione riservata

Senza categoria

Anticipazioni Il Segreto: Mariana allontana Nicolas

L’inganno di Mariana le si ritorcerà contro. Presto la ragazza si troverà a fronteggiare da sola una notizia inaspettata…

TV

Anticipazioni Cherry Season: Seyma trova un’alleata

Duro il cammino per la dolce Oyku, che ora ha un’altra nuova cospiratrice da affrontare…

TV

Anticipazioni Il Segreto: dal 25 al 30 luglio

Tutte le anticipazioni della soap più amata di Canale 5 per la quarta settimana di luglio.

TV

Anticipazioni Cherry Season dal 25 al 29 luglio

Tutte le anticipazioni per la quarta settimana della soap turca Cherry Season.

TV

Anticipazioni Beautiful dal 25 al 29 luglio

Tutte le anticipazione della soap opera americana più longeva di Canale 5, per la quarta settimana di luglio…

TV

Anticipazioni Il Segreto: Ines finisce in carcere

Dopo il rapimento del piccolo Beltran Ines verrà incarcerata, ma Fe è pronta a difenderla dimostrando l’infertilità di Amalia…

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag