Archeologia dell’Amazzonia

Antiche culture nella foresta
 

Ai piedi delle Ande, in una porzione dell’Amazzonia peruviana, vittima della deforestazione selvaggia e dove imperversano bande di terroristi e narcotrafficanti, stanno emergendo tracce di ben tre culture che si sono succedute, senza soluzione di continuità, nei millenni.

I reperti più antichi ed interessanti, recuperati dallo scavo eseguito sotto la direzione dell’archeologo peruviano Quirino Olivera Nú ñ ez, risalgono ad una cultura antichissima che prende avvio nel II millennio a.C. Si tratta di pitture sulle pareti di un tempio che rappresentano divinità, rituali e soprattutto mappe del territorio, in cui è indicato il tracciato dei fiumi.

Questa cultura è stata denominata “di Balsapuerto”, e gli uomini dell’epoca non erano solo cacciatori e raccoglitori, ma praticavano anche l’agricoltura, e i loro terreni si trovavano su terrapieni sopraelevati in maniera artificiale, circondati dalle acque.

I resti di questo tempio appena scoperto si trovano a Las Juntas, a nord di Bagua (stato di Amazonas), alla confluenza tra il fiume La Peca e l’Utcubamba.

La prima cultura “di Balsapuerto”, che ha lasciato queste preziose testimonianze nell’arte rupestre, scompare nella prima metà del I millennio d.C., e partire dal VI secolo compare il popolo degli Wari, il cui impero (il primo del continente sudamericano), tra il 500 e il 1000 si estendeva verso est, in direzione della foresta, tra Perù, Bolivia, Ecuador e parte di Cile e Brasile.

Dopo la loro disgregazione (avvenuta tra il 1000 e il 1100), una nuova popolazione occupò la regione fino al XV secolo, i cui resti materiali consistono in pezzi di vasellame di buona qualità ad uso alimentare, dipinto o inciso con temi di natura religiosa o rituale, che trovano confronti anche in America centrale, soprattutto in Honduras.

Ma l’elemento più straordinario degli scavi a Las Juntas sono proprio le grandi pareti argillose del tempio a cielo aperto, decorate con graffiti a temi religiosi, come le divinità che tengono in mano macabri trofei di teste umane a rappresentare sacrifici umani rituali.

Particolarmente interessante è il motivo a rete, che richiama altre culture peruviane come quella dei Moche, che fiorirà circa un millennio più tardi.

Attualmente la regione è abitata dagli Shawi, giunti fin dal XVI secolo, esponenti di una cultura pacifica dedita principalmente all’agricoltura. (m.t.)

 

Amazonia peruviana

Gossip

Uomini e donne: Sonia Lorenzini è la nuova tronista

L’ex corteggiatrice di Claudio D’Angelo, sale sul trono: è Sonia Lorenzini la nuova tronista ! La bella 27 anni di Mantova, chiuso definitivamente il capitolo Claudio, è […]

Gossip

Uomini e donne, oggi la scelta finale di Claudio D’Angelo: il tronista ritorna in trasmissione.

Colpo di scena a Uomini e Donne, il tronista Claudio D’Angelo che nell’ultima puntata aveva annunciato di voler abbandonare il programma, è tornato nella trasmissione con […]

Gossip

Bufera su Jennifer Lawrence: “Mi sono grattata il sedere su alcune rocce sacre”, video

L’attrice Jennifer Lawrence,  ospite nel programma britannico al “The Graham Norton Show”, racconta di un prurito inarrestabile al sedere, placato da una grattata su alcune rocce […]

Film

Riccardo e la dedica a Camilla su Instagram: “Questo cielo è per te”

“…Ti dedico il cielo sopra Roma…” Questa la dedica dell’ex tronista Riccardo Gismondi a Camilla Mangiapelo sul profilo ufficiale Instagram dell’ex tronista. Al momento i due ragazzi […]

TV

Bake Off Italia presenta una Celebrity Edition

Stasera, 9 dicembre 2016, Real Time presenta una speciale puntata con tanti protagonisti Vip.

Film

Gli attori pagati troppo del 2016: in testa per il secondo anno consecutivo Johnny Depp

Come ogni anno, il magazine Forbes ha stilato la lista degli attori meno redditizi del cinema. Al primo posto, ancora una volta, Johnny Depp. La […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag