Albrecht Dürer, la mostra più bella è a Francoforte

Lo Städel Museum di Francoforte, celebra il primo dei maestri tedeschi: Albrecht Dürer (1471-1528) Duecento opere autografe sono confrontate con quelle delle controparti italiane e olandesi. Una mostra magistrale.

L’opera di Albrecht Dürer esplorata in tutta la sua ampiezza e in tutta la diversità dei mezzi d’espressione che il più importante artista del Rinscimento del Nord utilizzò: dipinti su tavola e su tela dipinti, disegni, stampe eseguite con varie tecniche, libri scritti e illustrati dallo stesso per un’esplorazione che colloca le opere nel loro contesto storico, evidenziando il contributo dell’artista nella nascita del Rinascimento europeo. E così in mostra (che conta oltre 280 lavori 200 dei quali di Dürer e si dipana su due piani per mille metri quadrati), troviamo le opere di precursori, contemporanei e alunni come Martin Schongauer, Hans Baldung Grien, Hans von Kulmbach, Jacopo de Barbari, Giovanni Bellini, Joos van Cleve, Lucas van Leyden. Riuniti prestiti da molte delle collezioni d’arte più importanti del mondo come la National Gallery di Londra, il Museo Nacional del Prado di Madrid, la National Gallery of Art di Washington, il Louvre di Parigi, il British Museum di Londra, la Staatliche Museen di Berlino, gli Uffizi di Firenze, il Rijksmuseum di Amsterdam e il J. Paul Getty Museum di Los Angeles.

Questa importante presentazione allo Städel si differenzia nettamente da analoghe manifestazioni passate, mostrando l’arte di Dürer  nel contesto del suo tempo . Le sue innovazioni artistiche, i suoi studi teorici e non da ultimo la sua abilità nel marketing e nella messa in scena delle sua opere già fatte rendono Dürer uno dei più influenti artisti europei durante la sua vita. Il nostro obiettivo è quello di presentare ‘tutto’ questo nella nostra mostra“, spiega il curatore Jochen Sander.
Albrecht Dürer nasce a Norimberga nel 1471. Come pittore e orafo esperto dimostra la sua abilità in una vasta gamma di tecniche: è un pittore prolifico, celebrato ritrattista, maestro della xilografia e rivoluzionario della tecnica incisoria, svolge incarichi elaborati per mercanti, nobili e imperatori, ma lavora anche alla progettazione di opere per l’esecuzione di altre tecniche artistiche e collabora con vetrai, librai, scultori e orafi. L’insaziabile Dürer studia materie teoriche, persegue questioni accademiche e scientifiche, studia la natura e l’essere umano e scrive e pubblica manuali didattici per trasmettere la conoscenza che ha acquisito. I soggiorni nel Nord Italia e nei Paesi Bassi ampliano la prospettiva artistica di Dürer, mentre allo stesso tempo creano nuovi mercati per il suo lavoro. Per vendere la su arte si fa aiutare da moglie e madre, organizza una sorta di catena di distribuzione e in poco tempo ottiene un tale successo che fonda un laboratorio e presentato il proprio “diritto d’autore” mettendo “rappresentanti” a vendere la sua arte oltre i confini di Norimberga. Albrecht Dürer muore nel 1528 all’età di cinquantasette anni, presumibilmente di malaria.

.

Al Museo Städel sono quattordici le sezioni tematiche che gettano luce su numerosi aspetti della vita e dell’opera di Dürer. Il percorso inizia al piano terra con la fase iniziale della carriera dell’artista di Norimberga ed i suoi legami professionali e relativi alla famiglia al mestiere di orafo. Qui, tra le altre opere troviamo il san Girolamo penitente
(ca. 1497, National Gallery , Londra) e il Ritratto della madre dell’artista ( ca. 1490, Germanisches Nationalmuseum , Norimberga). Le grandi commissioni, gli studi sul corpo umano, Dürer in Italia e poi in Olanda, i ritratti di Dürer – che continuano ad affascinare noi in virtù della loro perfezione e il grado sorprendente di psicologia – lungo un percorso costellato da capolavori come i pannelli riuniti della Pala Heller (ca. 1507-1509 ), ed opere spettacolari come l’Arco di Trionfo dell’imperatore Massimiliano I ( 1517-1518), immagine coloratissima stampata su trentasei fogli di carta lunga 3,5 metri e alta 3 metri – non è solo la più grande opera in mostra e le straordinarie xilografie, le più grandi di tutti i tempi e le varie tecniche di stampa con le sue ” incisioni master” (vedi il Cavaliere, la Morte e il Diavolo , Melencolia I, San Girolamo nello studio ). Tra le chicche il Rhinoceros (1515 , Museo Städel ), un animale a lui noto solo dalle descrizioni verbali ma del quale riuscì a creare una rappresentazione così precisa che le sue xilografie a lungo hanno dominato la concezione visiva dei suoi contemporanei sulla creatura. La gigantesca mostra si completa con una sezione sulla reputazione postuma del genio universale di Dürer. La riproduzione e la diffusione sulla medaglia ritratto fatta da Hans Schwarz (1520, Kunsthistorisches Museum Wien), è la testimonianza di come Dürer fu elevato al rango di uno studioso che meritava un piano di parità con le grande e potenti figure del suo tempo, quelle appunto, cui per tradizone si riservavano i ritratti su medaglie. www.staedelmuseum.de (g.m)

 

 

TV

Anticipazioni Un Posto al Sole: da lunedì 5 a venerdì 9 dicembre 2016

Scopriamo cosa ci riservano le trame della soap Un Posto al Sole per la prima settimana del mese di dicembre.

TV

Anticipazioni Il Segreto: da lunedì 5 a sabato 10 dicembre 2016

Scopriamo le anticipazioni della soap Il Segreto per la prima settimana di dicembre.

Gossip

Uomini e Donne: Riccardo spiazza tutti e sceglie Camilla. Martina accusa la coppia di falsità

Nel corso della registrazione di Venerdì 3 Dicembre, c’è stata un’altra scelta, questa volta a sorpresa. Riccardo Gismondi è uscito dal programma di Maria De Filippi […]

TV

Anticipazioni Una Vita: da lunedì 5 a venerdì 9 dicembre 2016

Scopriamo cosa ci riservano le puntate della soap Una Vita, per questa prima settimana del mese di dicembre.

Gossip

Uomini e Donne, trono gay, Claudio ha scelto Mario e commenta su Instagram” “Sedersi e avere un unico pensiero. Fantastico”

Venerdì 2 Dicembre, si è registrata la puntata della scelta di Claudio Sona. Il tronista diviso tra i due pretendenti Francesco Zecchini e Mario Serpa, sceglie Mario!  Si è […]

TV

Anticipazioni Beautiful: da lunedì 5 a sabato 10 dicembre 2016

Tutte le anticipazioni della soap Beautiful per la prima settimana di dicembre…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag